Visualizzazioni totali

martedì 8 settembre 2015

ripetute iuvant (sperem)

come scritto l'altro ieri, stasera mi ero ripromesso di fare le ripetute e ripetute sono state. avrei voluto uscire un po' prima dal lavoro, ma dovevo vedere un pisquano con cui avevo appuntamento alle 17 e che si è presentato alle 18.30. per poi non combinare una beata minchia per dirla alla Albanese. morale, sono sceso sulla Martesana intorno alle otto meno un quarto. stasera ci voleva l'omino a distribuire i biglietti: runners da 4 al minuto, jogger, coppie con lui che corre e lei in bici, nordic walker. e presenza femminile secondo me maggioritaria, anche molto qualificata; ho visto diverse ragazze andare come schegge (anche se probabilmente erano anche loro in fase ripetute). io ho fatto un 6x1250, di cui sono abbastanza soddisfatto perché mi sono dato poco tempo per il recupero, con una seconda prova a 5' e 02". la settima prova è stato uno scarico lento intorno a casa, poco più di un km e mezzo. devo avere complessivamente fatto circa 9,2 km. domani sera prima stagionale del calcetto, di cui devo dire ho voglia. e sapendo che i racconti di calcetto sono tanta roba, non mancherà il post di commento. dopodiché stop fino a domenica. riposo assoluto. che le gambe, la schiena, le giunture abbiano pace.
parentesi extra runneristica: continua la serie delle brutte notizie. un lutto ha colpito una persona a me molto cara. niente da fare, questo periodo va così. io non so quanti siate a leggermi in questa nuova avventura bloggeristica (mi commentate meno, lo so benissimo, che questo spazio è assai meno interessante del precedente). io però voglio dirvelo, voglio dirmelo. non sprecate, non sprechiamolo il tempo. è un lusso che non possiamo permetterci, che tutto è maledettamente veloce.
canzone ad hoc. "ceremony", new order.

13 commenti:

  1. Giusta conclusione di una corsa Francesco..
    La vita è una corsa spesso affannosa per andare dove in realtà non ne sarai mai sicuro/a, ma anche se lo fossi poui sempre fermarti prima ..e allora rallenta e spera!
    Buona notte Fran..buon tutto...respira bene e vivi sempre e comunque!

    RispondiElimina
  2. non è semplice a volte e nella vita si finisce per perdere tempo.
    purtroppo, io ne so qualcosa..

    RispondiElimina
  3. ci credi che ho ripassato le tabelline a leggerti?
    non male la song.
    gamba, Fra.
    laP.

    RispondiElimina
  4. "Presenza femminile qualificata" + New Order d'annata, delizie irrinunciabili. :-)

    RispondiElimina
  5. Il nostro tempo qui è tutta una questione di culo.
    Bisogna viverlo davvero e non sprecarne nemmeno un minuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ele, ho letto anche da te che è successa cosa analoga.

      io questa riflessione, che ci ha accomunato, non smetterò mai di farla. per ragioni mie, lo dico con una punta di tristezza ed amarezza.

      Elimina
    2. Anche io.
      Ogni tanto ci penso...

      Per quanto riguarda io faccio del mio meglio. Non so se è sufficiente, ma lo spero. Per il resto mi auguro di avere abbastanza culo da rimanere qui abbastanza.

      A volte, scherzando, dico che la genetica è dalla mia parte. La verità è che lo spero per davvero.
      E' che a me piace troppo questa vita, con tutti i suoi casini, le menate, le incazzature e tutto il resto.. e davvero il mio obiettivo è essere stramaledettamente felice perchè, come dicevo, è un attimo. E quell'attimo non va sprecato.

      Elimina
  6. Odio, letteralmente odio chi ti dà un appuntamento e poi arriva un'ora e mezza dopo. Io me ne sarei andata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è lavoro dametta, non potevo. comunquen quello che non ho fatto de visu l'ho fatto al telefono questa mattina. sempre operare per il piano B, nel lavoro e nella vita.

      Elimina
  7. Lo sai Francesco, il vivere giorno per giorno e dare qualità al nostro tempo si ottiene con l'equilibrio e con il godere delle cose quotidiane. Ce ne sono tante in una giornata normale solo che bisogna fare la fatica di coglierle. Che la felicità forse non si raggiunge mai ma la serenità quella Sì che si può ottenere.

    RispondiElimina
  8. Fra' qui e ora. Sempre, lo sto imparando giorno dopo giorno. Che tanto cazzo, ci siamo oggi. Per i commenti credo sia un discorso generale, riguarda tutti i blog. I social ormai stanno prendendo il sopravvento sui blog. Chi resta lo fa per il vero gusto di scambiarsi opinioni, senza fretta. Un abbraccio forte.

    RispondiElimina
  9. Più cose interessanti fai e più il tempo fugge, precipita.
    Se fai cose sgradevoli, noiose, se fai poco o nulla, ecco che il tempo si ferma e non passa più.
    Direi un dilemma, quindi.

    RispondiElimina
  10. Sai quanto capitò a mio papà, dunque sono più che d'accordo con te.
    Io ti leggo sempre con piacere :-) un abbraccio!

    RispondiElimina