Visualizzazioni totali

martedì 24 novembre 2015

correre d'inverno e al mattino presto

oggi non dovevo essere a Milano, era prevista una trasferta di lavoro che è saltata. ieri sera ero a cena da amici, che non so cosa mi abbiano dato da mangiare (cosa si sia bevuto invece lo so, visto che il vino l'ho portato io), fatto stà che questa notte mi sarò addormentato alle due passate. e anche se probabilmente non era consigliabile vista la mezza di domenica, questa mattina la sveglia ha suonato alle 6 e 25, e alle 6.45 ero pronto a sfidare gli 0 gradi ed il buio per andare a correre.
ora, correre d'inverno è una figata, soprattutto se in allenamento. sentire la temperatura del tuo corpo modificarsi a poco a poco è una sensazione fantastica. questa mattina poi ho fatto un circuito un pò diverso. un pò per il buio un pò perchè avevo voglia di variare, ho fatto un percorso urbano lontano dal naviglio (che ho solo sfiorato). magari un pò da criceto. alla fine ho fatto 7,3 km in poco più di 41 minuti, a 5' e 38" al km. ovviamente fatti completamente a digiuno con un pò di caffè giusto per svegliarsi. discrete le sensazioni, a dispetto del kilometraggio contenuto. questa mattina in ufficio sono elettrico, ho persino dato una carezza alla nostra responsabile marketing che ha l'ufficio accanto al mio. che ovviamente si è stranita di fronte a questa manifestazione di affetto. stasera avrò un aperitivo di lavoro, alle 20.30, che è un pò tardino. cercherò di arrivarci in qualche modo......

9 commenti:

  1. Mi tenta il modo in cui descrivi questo tipo di esperienza. Essendo io una persona freddolosa non so come vivrei la possibilità di uscire al freddo e poi riscaldarmi correndo, senza quasi pensarci.

    RispondiElimina
  2. conosco questa sensazione, quando camminavo sempre in spiaggia in pieno inverno-
    stavo molto meglio.ma così presto è tortura però

    RispondiElimina
  3. "Correre d'inverno è una figata"...
    Noi due siamo rette parallele che non si incontreranno mai, su questo punto sicuro :-)

    RispondiElimina
  4. Io adoro il freddo. Quello che c'è in questi giorni. Pungente ma col cielo blu.

    RispondiElimina
  5. Non saprei trovare una metafora migliore di quella usata da Mariella per descrivere il mio non amore per la corsa al contrario di te ^.^
    Poi di inverno, ma come ti viene in mente?xD

    Non sarebbe meglio un paninone con la nutella davanti al camino?

    Sembri tu il 22enne adesso, vero?:-P

    RispondiElimina
  6. Il freddo lo amo, ma cerco di non correre la mattina troppo presto, non So perché finisco sempre con il febbrone il giorno dopo.
    P.s. Chiamatelo Francesco, il dio della corsa e della buona volontà!

    RispondiElimina
  7. Mi piacciono quelli che corrono la mattina presto...mi ricordano Roky...quello che si rimpinzava di uova prima di uscire nel freddo del mattino. Tu invece solo una tazzina di caffè :-)

    RispondiElimina
  8. Il caldo mi lessa, il freddo mi galvanizza!

    RispondiElimina