Visualizzazioni totali

domenica 15 novembre 2015

Stra Rivoli, il mini trail che non ti aspetti

a Rivoli, dove tuttora risiede la mia famiglia, ho vissuto dai miei 20 ai 31 anni, per poi trasferirmi a Milano. benché molto bella non l'ho mai vissuta in modo particolare, sbilanciato com'ero su Torino o tutt'al più su Collegno. quando una decina di giorni fa sui siti di podismo ho letto che la Stra Rivoli capitava in un weekend in cui andavo dai miei e da mia figlia, ho preso qualche informazione e ho mandato mio papà ad iscrivermi. ora, dovete sapere che sostengo da sempre che il runner torinese è molto più cazzuto di quello milanese, sicuramente meno griffato ma ben più strutturato. molto è dovuto alle strade. è difficile avere "pianura" nel vero senso della parola. anche se corri alla pellerina o al valentino le tue salite e le tue discese te le becchi sempre. e lo stesso vale per me quando lì mi alleno. inoltre, nell'unica gara fatta a Torino 11 mesi fa presi una sonora scoppola, nel senso che andai sparato per poi scoppiare dopo 11 km e una volta scaricati i dati del garmin capii il perché, ovvero sempre i soliti aumenti di quota che sembrano impercettibili ma che invece ci sono.
quando ho letto il percorso della Stra Rivoli ho capito che non si trattava di qualche salita e di qualche discesa, ma ci sarebbe stato da fare il giro della collina morenica rivolese in mezzo alla quale sorge il famoso castello sede di uno dei più importanti musei d'arte moderna d'Italia. insomma, ci sarebbe stato da farsi il culo.
alla partenza circa 350 runner, con i primi che come al solito partono a razzo. io parto ma non certo a razzo. i primi 3 km sopportabili, anche se il terzo ha un aumento di quota di 32 metri. il quarto è un muro, ben 63 metri, che ho fatto in 8 minuti praticamente marciando. poi iniziano un paio di km in mezzo ai boschi, salite ripide e discese a precipizio ma dove non puoi andare a razzo perché rischi di scapicollarti. torni ad incrociare l'asfalto, ma sono stradine piene di foglie cadute degli alberi dove scivolare è un attimo. intorno al castello affrontiamo pure una scalinata! poi inizia il tratto in discesa, anche ripido ma pieno di curve e curvette, sembra di fare rally anziché running. siccome voglio considerare questa uscita come un allenamento, decido di non forzare; benché cominci l'asfalto asciutto e sempre in discesa, gli ultimi 2,5 km li faccio a 5' e 30". alla fine faccio i 10,6 km della gara (anche se il garmin me ne ha rilevati 10,5) in 1 ora 6 minuti e 13 secondi.
posso dire che inconsapevolmente ho fatto il mio primo mini trail, visto che alla fine si conta un aumento di quota di 160 metri. consideriamolo, ripeto, un buon allenamento per la mezza di domenica prossima. e infatti mi sento comunque soddisfatto ! buona notte a tutte e tutti.

21 commenti:

  1. Di nuovo mi appunto un altro termine, "scoppola"!
    E poi, questa cosa che la geografia influisce sulla tipologia di runner mi incuriosisce un sacco!
    PS. L'impatto con Milano non è stato forte dopo aver vissuto in un posto più tranquillo per un decennio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. insomma, sono di Torino, mica di Canicattì ! :-)

      Elimina
    2. Io lo uso. Scoppola. Anche a nord est... :)

      Elimina
  2. non c'è nulla da fare Torino mi è rimasta nel cuore.....non c'è volta che non mi soffermi a pensare...
    buona notte runner,
    buona notte G

    RispondiElimina
  3. Commento qui una frase del tuo post precedente. Ho notato spesso nelle coppie formate da atleti, soprattutto quelli che chiamo "polisportive umane", quella distinta fisionomia: lui superman e lei magrissima ai limiti dell'anoressia, spesso anche bassa di statura. Buona settimana, "neobannato".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "bannato e contento", a seguire il tuo "bello e bannato"..... peccato solo scoprire dopo tanti anni di confronto che si trattava di un coglione patentato.... :-)

      Elimina
    2. Bannato da dove o da chi? Cosa é successo?

      Elimina
  4. Il Piemonte vince. Che bei posti.

    Buona settimana!

    RispondiElimina
  5. Un po' come i fondisti di alta quota del Corno d'Africa.
    La loro forza è anche dovuta a condizioni ambientali.
    Cosa intendi per cazzuti? molto preparati e forti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto !

      che poi non intendo tanto il vincitore o i primi piazzati, in quel caso non conta se sei in Trentino o in Sicilia..... io intendo quelli che arrivano, per dire, a metà classifica.... scopri che fanno tempi superiori a quelli che fanno gare a Milano.....

      Elimina
  6. Ma io non ci sono mai stata a Rivoli, devo assolutamente rimediare!

    RispondiElimina
  7. Mi piacerebbe vederli questi luoghi di cui hai parlato oggi :) e si, da quel che leggo ci sarà farsi il culo :D ma è come piace a te no? Baci.

    RispondiElimina
  8. E tu pensa che io mi alleno sempre in piano, quindi ogni tanto mi faccio le scalinate, così, giusto per illudermi. I collinari sono molto allenanti, beato chi può.

    RispondiElimina
  9. C'è anche quel famoso detto: partire a razzo e finire a... etc.etc.

    E niente...
    Allora io vado eh, ciao.

    RispondiElimina
  10. Ma un post su Rivoli? E non mi rispondere come al solito ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma perché questo interesse per rivoli?

      Elimina
    2. Adoro i castelli. Mica ci andrei a correre...

      Elimina