Visualizzazioni totali

sabato 12 marzo 2016

dello scarico pre-gara e delle riflessioni sulla singolitudine post-aperitivo

questa mattina ho fatto il migliore degli allenamenti di scarico pre-gara. oddio, non so se sia il migliore, ma di certo era necessario. ho pulito casa, che era una cosa che non si poteva vedere. non esattamente le pulizie di primavera, ma un qualcosa in più di quello che faccio di solito diciamo. e siccome giovedì mattina dalle parti del duomo ho visto Eugenio Finardi (non è così difficile incontrarlo, abita in centro e si muove sempre in bici), le ho fatte ascoltando (e ancora sto ascoltando) i suoi dischi degli anni '70 (sugo, diesel e blitz, rispettivamente 1976, 1977 e 1978), che restano ancora bellissimi ed attuali musicalmente parlando (in questo momento il mio stereo sta passando "scimmia", che ha un giro di basso pazzesco).
domani potrebbe fare caldo alla gara, le previsioni danno 12, 13 gradi. con la mia lentezza potrebbe essere un problema. cercherò di vestirmi leggero, qualche idea sull'abbigliamento di domani ce l'ho.
ieri sera ho fatto un veloce aperitivo con amici. anche perché non avevo voglia di cucinare. ad un certo punto è uscito un discorso sulla  mitica A.P., detta "mi piace" per la sua caratteristica di "likare" qualunque post appaia su facebook. capita che il marito se ne sia andato da casa, e come quasi sempre avviene sul fronte maschile, se ne è andato perché ha un'altra. magari la cornificava da sempre, magari la moglie è una scassa marroni, ma sta di fatto che è andata via perché sta con un'altra. siccome i miei amici sanno tutto grazie alla grande comunità di facebook e siccome A.P. racconta loro tutti i particolari della separazione, mi è stato detto e fatto vedere per chi è successo il grande passo. beh, il mio commento è stato "ma questo è scemo!!!!". e i miei amici, che si sa ne hanno combinata una più di bertoldo (anzi il mio amico) mi dice beatamente "e che doveva fare, stare con una per cui non provava più niente? ora capisco perché sei single ogni tre per due!". ho provato a spiegare che non c'era "logica", non c'era "buon senso" in quello che aveva fatto il marito di A.P., che quella nuova situazione non poteva reggere di fronte alle difficoltà che man mano cresceranno sempre di più (tra qualche settimana, non tra qualche mese). vabbè, dialogo tra sordi. così, salutatici dopo l'aperitivo, mentre raggiungo la macchina, trovo una pasticceria aperta. e vengo preso da una irrefrenabile voglia di cannolo siciliano. e mi viene da pensare, mentre lo mangio, che potrebbero avere ragione loro, e non io. cioè, sarebbe difficile darmi torto. ma non è che la risultante dei miei ragionamenti, della mia lucidità, della mia razionalità abbia pagato allo stato dei fatti.
Eugenio Finardi, "scimmia". buon proseguimento di sabato.

15 commenti:

  1. Un po' difficile valutare quanto il cambio di donna sia stato positivo o negativo sulla base di una foto. Ti sei basato quindi su cosa, sull'aspetto fisico delle due donne coinvolte?
    Bé, magari con questa nuova lui prova un feeling maggiore. Sulle difficoltà che certamente nasceranno tra qualche settimana concordo con te. Tutto bello quando si è semplicemente amanti senza pensieri, ma quando si va a concretizzare sorgono i problemi. Baci e buon week end.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A.P. la conosco. non erano solo sposati, ma hanno un figlio di 11 anni. dell'altra ho visto la foto e conosciuto la sua storia. da non consigliare neanche al peggiore dei nemici

      Elimina
    2. ci sono storie che proprio un nemico,fanculo, dovrebbe vivere.
      Amen!!!

      Elimina
  2. penso che nelle faccende di cuore nessuno a torto e nessuno ragione.
    Tu segui te stesso e questo è una grande conquista.La donna giusta arriva quanto meno l' aspetti.Be' come era sto cannolo made in Milan? :)
    Adoro Finardi, bella scelta.

    RispondiElimina
  3. Adoro Finardi.
    Una delle sue canzoni è stata sempre la ninna nanna delle mie fanciulle quando erano piccole "fragola".

    RispondiElimina
  4. La mia amica Emiliana venura chissa'come in possesso della cassetta Diesel, me la regalo'. Era il 1987.

    RispondiElimina
  5. Oddio, dai miei personalissimi studi investigativi (:-P) ho constatato che, il 99% delle volte, l'amante è peggio (fisicamente o moralmente o intellettualmente) della persona che viene tradita e lasciata. Certo è tutto soggettivo, però...non mi è stato difficile non darti torto nell'esclamazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me le amanti sono migliori, ma sfigate.

      Elimina
    2. Abbiamo beccato amanti diverse, perché credimi, quelle che ho conosciuto io..brrr, i brividi xD
      Ma per sfigate intendi sfortunate o nell'altro senso? ^.^

      Elimina
    3. Sfigate nel senso che spesso si accontentano di essere seconde. Solo alcune riescono poi ad essere realizzate con gli stessi.
      Ma ti dirò Paola mi permetto di rivedere il mio primo commento correggendo che non tutte sono migliori. Ma anche stronze.

      Elimina
    4. La cosa triste è che il più delle volte per loro essere realizzate è passare davanti alla compagna appena lasciata come se avessero vinto sta bella coppa. Ignorano che nella maggior parte delle volte, sono loro ad avere la nomea di poco di buono...altro che stronze.
      Ma penso che il karma esista per tutti ^.^

      Elimina
  6. Grande giro di basso, in effetti ! E si, pare anche a me di intuire che hai ragione tu riguardo al marito di AP, è uno schema abbastanza frequente ...

    RispondiElimina
  7. Uhm, com'è facile giudicare...

    RispondiElimina
  8. > il mio commento è stato "ma questo è scemo!!!!

    Anche io conosco alcune persone che hanno lasciato il proprio partner per uno nuovo e, quando ho visto il sostituente, conoscendo il/la sostituit*, mi son detto proprio :- Ma quest* è scem*!!!!

    Ad esempio l'ex vicepresidente del GAS.
    Egli mi ha fatto capire che la sostituente era più giovane (ma anche più cessa) e che trombava alla stragrandissima.
    Sì, poi bisogna vedere cosa succede passato l'innamoramento, i cicli si ripetono. Ma il nostro ego non funziona in modo razionale, la kundalini/libido neppure.

    RispondiElimina
  9. Che figata quel disco. Finardi è un grande.
    Per quanto riguarda l'altro argomento hai fatto centro tu: a volte si scelgono i partner come fossero paste. Il problema è quando finisce il ripieno. :-)

    RispondiElimina