Visualizzazioni totali

lunedì 4 aprile 2016

l'allenamento di stasera, la mia coppia di amici e altri pensieri

siccome sia domani che mercoledì non posso andare a correre e domenica prossimo sono in gara, stasera sono andato a correre. solo che sono uscito tardissimo, alle otto passate, che oggi pomeriggio non mi è stato possibile rientrare prima a casa. che si fa alle otto di sera di un lunedi che minaccia pioggia, dopo aver corso per giunta ieri? boh!!!! e che ne so? un lento? e quando cacchio mangio, che devo chiamare mia figlia che da oggi è in gita a Napoli e poi ho appuntamento telefonico con il mio amico M.? insomma, alla fine ho fatto un 5000 veloce, in 26' e 32", 5' e 18" al km. di positivo che il ritmo medio è cresciuto progressivamente, passando dal primo km a 5' e 27" all'ultimo a 5' e 10". quindi si è trattato di una uscita che se non mi saltano schiena e ginocchio è di buon auspicio per la mezza di domenica. dopo i 5 km ho fatto uno scarico di poco meno di un km e mezzo a 5' e 50". adesso se va bene, e non so neanche se lo farò, correrò giovedì mattina con un lipidico a digiuno. ma non lo so, ripeto.
tornando alla coppia dei miei amici descritti nel precedente post, io da sempre penso alla loro ricetta. Mariella, perdonami, non è che siano esattamente così tanti i casi. e quando ci sono, fanno sì notizia. io ritenevo che il motivo fosse l'alto senso della famiglia. ma mi sbagliavo. ha ragione mia mamma. loro stanno insieme da sempre perché si sono messi insieme da giovanissimi. lui aveva 18 anni, lei 17 anni. la ricetta è quella. cresci insieme, ti formi insieme, costruisci insieme. ecco, io tempo tendevo a lamentarmi del conformismo di mia figlia col suo ragazzo. quel sembrare più adulti di quanto non lo si sia. "noi eravamo diversi alla loro età". ecco, anche lì mi sbagliavo. da quando mia figlia ha questo ragazzo è solo migliorata. va meglio a scuola, si è stabilizzata, è più matura. vabbè, scoperà immagino, che devo dirvi, l'accordo è che non mi faccia diventare nonno. e che non mi parli di queste cose (cioè, lei lo farebbe, io non voglio sentire). e quindi, anche qui per utilizzare le parole di mia mamma (le mamme vanno ascoltate, questo l'ho capito), "chi lo dice che debba finire tra loro due? magari si sposano!". vabbè, buona notte a tutte e tutti.

30 commenti:

  1. Crescere assieme è senza dubbio la ricetta ma non credo che sia una questione di età quanto piuttosto di volontà ed impegno personali. Insieme, si cresce come coppia e come singoli anzi prima come singoli e di conseguenza come coppia.
    In questo l'età è rilevante nella misura in cui da giovani si è forse più elastici e meno ancorati alle proprie abitudini nella quotidianità. Di contro però c'è che la strada non è ancora affatto segnata e che prenderne due differenti a 17/18 anni è un lampo... così si rischia poi a 25, università conclusa e vita vera davanti, di scoprire di volere cose differenti e non avere un progetto comune.
    Consoliamoci però che le coppie stabili e solide sono tante, al.di là della retorica :)
    Scusa Francesco, ogni tanto non resisto nel commentare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e che c'entra, perché non dovresti commentare ??? :-)

      Elimina
    2. Concordo con Alaha e testimonio.
      Insieme da sempre, io 17 e lui 19. Poi, una volta svezzati i figli ed esaurito il compito genitoriale di accudire e guidare...ci siamo guardati in faccia e non sapevamo più cosa dirci. Due persone che si erano evolute, che erano cresciute, ma su strade parallele prima, divergenti poi. Per "crescere assieme", come dici bene tu, serve la consapevolezza che camminarsi a fianco è un impegno e un'impresa. Che richiede un grande lavoro di attenzione reciproca...

      Elimina
    3. ho esperienze diverse, però concordo con Alah e Gioia...le ricette con esatti ingredienti purtroppo non esistono.

      Elimina
    4. ma è ovvio che non esistono ricette con esatti ingredienti. ci vogliono Nmila fattori per andare avanti. il punto è che - nei numeri - avanti non si va. e più sei "formata" meno sei disponibile ad accettare le diversità. anche nella coppia

      Elimina
    5. be' si, quando si è già adulti, con un figlio, tipo me, è stato davvero difficile trovare un equilibrio per la coppia, ed ogni giorno è difficile da gestire.Però come dice Mariella ci vuole a prescindere dall' amore, la stima e tutte le belle cose, tanta volontà di accrescere e di motivare la coppia, costantemente.Non esiste il mulino bianco, tutto va coltivato con impegno ed a qualunque età.

      Elimina
    6. Alahambra, sul mio profilo c'è il mio indirizzo mail privato

      Elimina
  2. Francesco ma che cazzata è quella della ricetta? Che percezione hai delle persone che conosci? Io penso che un rapporto
    duraturo si fondi su ben altro che stare insieme fin da ragazzi. Penso che sia necessario, oltre l'amore ovvio, rispetto e pazienza. Condivisione e soprattutto che sia necessario crescere insieme con lo stesso passo. Fanno poco rumore le coppie così e sono tante. Viaggiano a denti stretti lungo il percorso combattendo vari spettri. Eppure continuano ad avanzare insieme. Piccoli passi avanti e qualcuno indietro. Hanno poco egocentrismo e non conoscono l'egoismo. Spesso non hanno il tempo di guardarsi allo specchio e se ne fregano. Invece, ho visto sfaldarsi molte coppie che stavano insieme fin dall'adolescenza o giù di lì. Si erano detti tutto e crescendo lo avevano fatto con passo ben diverso. Tutto qui. La realtà. Buona notte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, credo che la mia percezione sia più consapevole, visto che li conosco :-)
      quando ti conosci in età matura forse è più facile innamorarsi, far scattare farfalle e scintille, ma quando lo sturm und drang passa, inizia la quotidianità. e la diversità. e con la diversità, a mio giudizio, non si va da nessuna parte.
      per quanto riguarda il "fare notizia", mi pare che di coppie che stanno insieme da anni e nel contempo siano felici (o che stiano bene, dai) ce ne siano poche. o meglio, che stiano insieme saranno ancora la maggior parte, ma con tante di quelle menzogne che metà basta.

      Elimina
    2. Anche io parlo perché ne conosco. E molte. Poche menzogne e tanto coraggio di restare insieme. E se ci si conosce da adulti ci si comprende molto meglio di quando si è adolescenti ed è tutto rose e fiori. Le farfalle nello stomaco si hanno a quindici anni max venti. Da "grandi" è ben diverso. Diversa consapevolezza. Le minchiate si fanno a 18 anni. Se le fai a 40 vuol dire che sei proprio un pirla. Allora è meglio se te ne stai fa solo a tu per tu con il tuo specchio. Guarda che parlavo anche io della diversità che nella crescita non sempre parallela ti fa capire quanto di giusto o di sbagliato ci sia in un rapporto. Mi hai letto? E credimi quello succede di più quando ci si conosce durante l'adolescenza. Ah, buongiorno :)))

      Elimina
    3. Mariella, continuo ad essere in disaccordo. o meglio, sarei anche d'accordo con te al 100%. ma sono i numeri a smentirti. conosciamo tutti la percentuale di separati attorno a noi. e lì direi che è pacifico che qualcosa non abbia funzionato. poi ci sono quelli che formalmente stanno insieme, anche da tantissimo tempo. che non sono certo pochi. anzi, pare siano ancora la maggioranza. ma se, ad esempio, sperimentano l'infedeltà coniugale (e qui nel mio campionario di conoscenza sono parte preponderante) rientrano nella categoria delle coppie che hanno funzionato? e quelli che stanno assieme per figli ed interessi economici (ne conosco anche qui a iosa) sono coppie da emulare o mettere alla stessa stregua della coppia dei miei amici che, posso garantirti, stanno assieme da 32 anni per le ragioni che dicevi tu?
      in definitiva, le coppie che mi piacciono sono mosche bianche. essendo longeve, devono per forza essersi messi assieme da giovani. la coppia di quarantenni che si è messa assieme sette anni fa, beh di banchi di prova deve ancora superarne no?
      buongiorno :-))))

      Elimina
    4. Ed io continuo a sostenere la mia tesi forte di persone che mi circondano che sono una massa silenziosa e nonostante tutto serena. Dei numeri sui separati me ne faccio nulla. I numeri sono solo numeri che servono al "popolo" di dare forza alle proprie convinzioni. Ripeto: che conoscenza approfondita hai delle coppie che ti stanno attorno? Le vivi nella loro quotidianità? Le frequenti in maniera continuativa? Solo così potresti averne il polso. La frequenza estemporanea è ben diversa. E della massa di cui parlo io, fanno parte coppie che non si tradiscono, e che si supportano a vicenda. Magari litigando molto e confrontandosi ogni giorno. Giovanissime le coppie longeve? Ti sconfesso io: ho più di vent'anni di coppia sulle spalle e non mi sono messa insieme al mio compagno al liceo. Le coppie di quarantenni che stanno insieme da sette anni hanno molte più probabilità di farcela che i 18enni. Anche se auguro a tua figlia che il suo rapporto duri per sempre, onestamente non ci credo. Crescerà presto e allargherà i suoi orizzonti: quanto tempo ci vorrà prma che si accorga che è cresciuta e quello che vuole dista anni luce da quello che vuole il suo ragazzo? Buona giornata -:)))

      Elimina
    5. i numeri sono tutto. e penso che anche tu non conosca tutto delle coppie che ti stanno vicino. di certo se uno dei due tradisce, per dire, non viene certo a dirtelo soprattutto se uomo. e siccome io non credo all'infedeltà come benzina che alimenta la coppia, io queste casistiche non le farei rientrare tra le famiglie del mulino bianco.

      Elimina
    6. Poi Mariella guardia il blogroll alla desta o gli altri principali commentatori di questo blog. A parte te tutti separati o single o giovani che devono essere messi davanti alla vita. Boh, che sia un caso?

      Elimina
    7. I numeri che si riferiscono alle separazioni fanno notizia. Quelli che si riferiscono a stringere i denti ed andare avanti no, RESTANO SILENTI.
      Poi sul blog roll, magari sarò dura, testona e poco intelligente se non si condivide quello che scrivo ( ma che avrò detto mai io...) sarò che ti sono più simpatiche le persone "scoppiate" o quelle che si faranno? Con mille dubbi, che ho anche io mica sono esente...

      Elimina
    8. Le coppie di cui parlo le conosco benissimo.

      Elimina
    9. termino: per avvalorare la tua tesi sui numeri e sul blogroll puoi sempre smettere di seguirmi. Magari non ti perdi proprio nulla... tanto meno una coppia da mulino bianco, di cui non ho mai parlato. Ciao.

      Elimina
    10. dai non fare la permalosa che non ti si addice! :-) io cerco di essere oggettivo, non sono l'istat ma mi guardo attorno. e lo dico tra l'altro da mosca bianca anche io. per dire, io non ho mai tradito e sono contrario di default all'infedeltà. e ogni volta che ho avuto una relazione ho sempre creduto e sperato che fosse l'ultima della mia vita, cosa che non è stata. certo, magari sono stato io in difetto, sia chiaro.

      Elimina
    11. Ma scherzavo! Mantengo viva la classifica di chi prova a farcela senza tante manfrine eh... Torno al mio silenzio - dissenso.

      Elimina
  3. Le persone che stanno da tanto insieme... Beh dipende ...o cavolo se dipende.
    Conosco persone insieme da anni:alcuni sono succubi, altri stanno insieme tanto per... Sono rare all'oggi le vere coppie quelle che si sono completate insieme e invecchieranno insieme.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Magnolia. Dipende. Da quanto coraggio ci vuole e dalla volontà oltre che dall'amore.

      Elimina
  4. Di coppie che stanno insieme da giovanissime ne conosco poco. Ma quelle che conosco mi fanno una gran tenerezza. Si prendono ancora per mano, si guardano con gli occhi dell'amore, fanno tutto insieme. Un'unione di anime. Si, forse perché sono cresciuti insieme.

    RispondiElimina
  5. Credo che la ricetta sia ottima però ci sono coppie che stanno insieme da giovani e si lasciano lo stesso. No, la ricetta non è sempre la stessa, Fra'

    RispondiElimina
  6. I miei stanno insieme da quando erano bimbi... si, penso si vogliano bene, ne hanno affrontate di tutte i colori e stanno insieme..
    Sono felice? non credo.. hanno preso quella strada o non ne sono più uscite, paese di provincia, famiglie all'antica, stanno insieme perchè così doveva essere, perchè la moglie sta a casa lava stira e chiedere il permesso per qualsiasi decisione personale o economica... io spero davvero non sia questa la felicità altrimenti io non la voglio :)

    Decisamente no, non ti ci vedo nonno per il momento :)

    RispondiElimina
  7. Questo è uno dei canali che seguo per il fitness at home, hanno pubblicato pure un video adatto a te: stretchati sempre



    RispondiElimina
    Risposte
    1. con il bell'Alessandro Fabian, gran triatleta !

      Elimina
    2. Ma ti riferisci al ragazzo nel video? Non so il cognome, però so che si chiama Ivan Matteo.

      Clorinda

      Elimina
  8. Sei tenero Francesco ,molto tenero in questo post...l'amore del papà corridore, la preoccupazione e l'attesa del futuro della tua " bimba ( perchè resterà sempre tale....) e poi guarda con le faccende di cuore non ci sono regole. Io mi sono sposata giovanissima e mi sono separata dopo tre anni soltanto, vedi che non fa testo? Molti invece sono ancora insieme...E' un'arancia il matrimonio l'arancia spesso la trovi bella e poi aprendola non ha succo e spesso è il contrario..
    Bacione corridore!

    RispondiElimina
  9. > la ricetta è quella. cresci insieme
    Mmh.
    La madre di mio figlio fu la mia prima donna e io il suo primo uomo. Da quando ci incontrammo a quando ci separammo eravamo diventati molto diversi, tanto diversi che non potevamo piu' convivere e men che meno amarci.
    Eravamo cambiati troppo.

    RispondiElimina