Visualizzazioni totali

lunedì 25 aprile 2016

Run in Seveso 10K, speravo un pò meglio

era dai primi di settembre che non facevo una gara di sera, ma francamente questa era una serata ben poco estiva. nonostante il sole oggi a Milano tirava un vento freddo e devo dire che a scopo precauzionale mi sono portato anche una manica lunga anche se non l'ho usata. stasera sono andato a Seveso, che molti di voi non più giovanissimi ricorderanno per l'inquinamento da diossina causato negli anni '70 dalla Icmesa, dove si correva una 10 k, la "Run in Seveso", altra tappa del circuito CorriMilano. come è andata... beh, se il tracciato è stato misurato correttamente, si è trattato del mio miglior risultato stagionale sui 10 km, avendola fatta in 52' e 28". se sto a guardare il garmin, ho percorso in realtà 9,87 km, quindi sono andato a 5' e 19" al km, eguagliando la mia miglior prestazione stagionale. oggi non mi sentivo benissimo. da un lato ero un po' nervoso, dall'altro mi sentivo imballato. sono arrivato ben prima a Seveso, giusto per non stare a casa che mi ero abbastanza rotto i cabbasisi. ho avuto tempo di fare tutto lo stretching possibile e immaginabile. insomma, alle 20 in punto si parte. e parto in maniera suicida. confidando nel fatto di stare bene, parto non a razzo. di più. primo km a 4' e 41", secondo e terzo a 5' e 06". al quinto, cioè alla fine del primo giro passo in 25' e 46", che sicuramente è il miglior 5 k della stagione. sto iniziando a pagare. il percorso non è difficile ma neanche facile. si scavalla due volte la Milano - Meda, si passa all'interno di un parco con qualche curva che ti costringe a frenare. il secondo giro infatti è molto sofferto. il sesto va ancora bene, a 5' e 16", ma poi gli ultimi km li faccio tirando il traguardo, con gli ultimi passaggi a 5' e 33". un paio di vecchietti mi hanno battuto di qualche secondo. e quando dico vecchietti trattasi proprio di vecchietti. certo, uno dei due aveva la tecnica della maratona di New York del 2002. mi sa che qualcosa ha visto. dovevo partire più piano, anche di poco, ma più piano. ma va bene così. speriamo di non essere arrivato tra gli ultimi 50, almeno quello. dignitoso ma non esaltante il pacco gara. per questa settimana non so come potrò allenarmi, udite udite sono via per lavoro ben due giorni, martedì e giovedì. vabbè, per intanto buona notte e buon inizio di settimana lavorativa per chi inizia a lavorare da domani.

6 commenti:

  1. Vecchietti? Tipo novantenni? :D

    RispondiElimina
  2. capita anche a me di partire a razzo e di schiattare, maledicendomi, agli ultimi km.
    Proprio per quello sto pensando di lasciar perdere le gare e di correre da solo

    RispondiElimina
  3. Non avevo mai sentito parlare di gare di sera. Si vede proprio che non sono sportiva :P

    RispondiElimina
  4. Caspita, ogni maratona la sua tecnica...mica lo sapevo.

    RispondiElimina
  5. Ciao.
    Sto correndo 3 volte a settimana e RULLO DI TAMBURI, sono ancora una schiappa, ma visto che passavo di qui, volevo dirlo.

    RispondiElimina