Visualizzazioni totali

mercoledì 25 maggio 2016

aggiornamento e digressione da vecchio blog

vabbè, il vostro preferito ha diversi difetti ma pure qualche pregio. stasera non avrei dovuto giocare a calcetto, sono il primo a saperlo. ma a me non basta dire "stasera non gioco a calcetto". figuriamoci all'ultimo. no, per non giocare a calcetto il calcetto devo farlo saltare. per cui è bastato questa mattina sentire il manzo, mentre eravamo in appuntamento da un cliente, dire "cazzo, ho corso in collina con salite e discese domenica scorsa, solo che l'ho fatto con scarpe non adatte - capace che ha corso con le sneakers, che sono mica io l'unico cinquantenne fulminato - e ho un mal di schiena fottuto" per farmi uscire con un "eh no manzo mica puoi giocare stasera, quando si corre in discesa con scarpe sbagliate le conseguenze possono essere terribili". "hai ragione Francesco, è meglio che non gioco stasera, senti Michele se trova un sostituto al posto mio". Michele è il pusher dei calciatori dell'ultima ora. solo che io a Michele la telefonata glielo fatta tutta indirizzata verso l'invasione delle cavallette, e alla fine mi ha detto "Francesco, forse è meglio che saltiamo". ok, allora mando la mail di disdetta ai ragazzi e telefono al vecchio del campo. a parte uno, nessuno si è strappato i capelli devo dire. così ho potuto telefonare al medico e fissare un appuntamento per stasera e fargli vedere il gomito. ha detto che può essere una borsite ma anche una puntura di insetto visto il gonfiore, il rossore e un punto evidente in particolare al centro. insomma, per non sbagliare e dimostrare quanto sul cazzo gli stia l'omeopatia, mi ha prescritto antibiotico e antinfiammatorio per sei giorni. io amo il mio dottore, è meraviglioso il mio dottore. andando e tornando dal dottore, che sono qualche centinaio di metri da casa, sono passato sopra la Martesana, che era bellissima con i suoi runner ad asfaltarla. in particolare una runnerina che non sono riuscito ad immortalare ma avrebbe meritato (e che mi ha fatto venire in mente una di quelle poche volte in cui non ho corso da solo sul naviglio, ma quella era un'altra storia) mentre sono riuscito ad immortalare quel tipo a sinistra della foto che era una autentica scheggia anche se correva a cazzo (e qualcuno poi mi parla di postura, ma vaff....).
ora parliamo di pornografia. insomma, più o meno parliamo di pornografia. internet ha tanti meriti ma pure qualche demerito. ha fatto sparire dei business ad esempio. tra questi il porno, che oggi esiste con finalità secondarie. e gioco forza attori e soprattutto attrici hanno breve vita. scene al ribasso per via dei costi, nessuna trama, rappresentazioni sempre più acrobatiche che alla quarta scena una pornostar non sa più che cosa debba infilarsi nei suoi orifizi. conseguentemente, queste performer sono ben lontane dal cliché del "personaggio". la napoletana Valentina Nappi si sta ammazzando di scene a basso costo oltre oceano per star lontano dall'escortaggio di massa, e riesce, sempre meno, a far parlare di sé facendo l'intellettuale. il resto, tipo le due diciottenni di Pordenone appena uscite, ha breve respiro. quando il porno era cassette vhs, fiere, scene da 58 secondi scaricate in 40 minuti dai modem, i protagonisti del porno erano "personaggi". le prime linee sono note a tutti, da Moana Pozzi a Eva Henger, da Milly D'Abbraccio a Jessica Rizzo. ma anche le seconde e terze linee avevano un loro perché. oggi mi sono venute in mente Letizia Bruni da Novi Ligure, che faceva la cassiera in un supermercato e aveva un gran bel viso, che si è distinta tra il 2003 e il 2007 in opere a contenuto politico quali "Forza Italia" e "violenza operaia", dove le scene avevano esattamente la trama che vi immaginate, ma soprattutto la lecchese Federica Zarri, che da segretaria (mi pare da un commercialista) si butta a fare un porno più incentrato sul contesto familiare con film quali "minchia papà" e "amore fraterno", e mi sa che pure qui la trama la immaginate. e d'altro canto se trama c'era, le due attrici citate in questo tipo di scene ci stavano benissimo proprio per "come erano fatte". la Zarri quella cosa della ex segretaria ad esempio l'ha sfruttata anche come immagine, visto che sembrava la collega porca che vorremmo tutti avere. i miei conoscenti che di porno non solo sapevano ma facevano erano iper critici nei confronti della Zarri. cioè, gli stava proprio sul cazzo perché pare se la tirasse, e dicevano che era brutta. ora, la pornostar mica deve essere strafiga, deve attizzare. e secondo me la Zarri attizzava. anche lei ha girato all'inizio del XXI° secolo. le schede dicono tra il 2002 e il 2006. poi è stata folgorata da Silvio, e dalle sue parti in Brianza ha fondato un circolo della casa delle libertà e per un paio di anni è stata nel giro della Brambilla, quella che fu ministro del turismo nell'ultimo governo Berlusconi e oggi fa la iper animalista. d'altro canto sono entrambe di Lecco, anzi credo di Casatenovo. quindi pare sia stata avvistata in Veneto. poi l'oblio, di lei si sa che è scomparsa. ingoiata a neanche 40 anni dall'oblio. ricordiamola sia quando calcava le scene sia quando cercò miglior sorte con una delle pasdaran del verbo berlusconiano.
scrivendo questo post ho tenuto il tubo in sottofondo, ascoltando di tutto ma anche il contrario di tutto, come è mio costume. ma non posto gli ODP che sto ascoltando, ma quel Joe Jackson ascoltato mezz'ora fa. "Steppin Out". buona notte amiche ed amici.

16 commenti:

  1. Dai, ma quando mai i film porno hanno avuto una trama ??
    Diciamo una trama minimalissima e pretestuosa giusto per arrivare a montare la consueta sequenza di scenette (quella lesbo, davanti, dietro, ecc.)

    Forse le cose più belle erano i TITOLI dei film porno, veramente fantastici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. permettimi di dissentire, ma già ho troppo divagato rispetto alla tematica principe di questo blog. ma ho esempi evidenti che possono ribaltare questa tua affermazione

      Elimina
    2. Concordo con nottebuia....

      Elimina
  2. bello scorcio, sembra quasi pulita l'acqua, sembra..

    RispondiElimina
  3. ma sai che più la guardo la " tua" Martesana e più mi piace? :)
    ha ragione il tuo medico, sicuramente è più facile che sia stata un morso di un insetto

    RispondiElimina
  4. > per non sbagliare e dimostrare quanto sul cazzo gli stia l'omeopatia, mi ha prescritto antibiotico e antinfiammatorio per sei giorni

    Ecco un altro idiota che prescrive antibiotici a raglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I medici tradizionali sono dei grandi stronzi molto spesso e tante volte volentieri

      Elimina
  5. Io sono per il neorealismo nel porno, detesto il porno commerciale, finto plasticato. Preferisco l'amatoriale.
    Comunque da vari mesi poco attenzione e tempo per il porno (sto rischiando di diventare asessuato, asceta, penso, anche se non ne ho alcuna intenzione!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il porno amatoriale non esiste. il porno amatoriale sei te che ti riprendi mentre prendi a pecora la tua donna

      Elimina
    2. Oddio ci sta chi lo fa e lo mette in web il proprio seddo amatoriale.

      Elimina
    3. Cosa vuol dire che non esiste?
      E' un falso: ci sono migliaia di video sessuali "amatoriali" che esistono e li puoi guardare, scaricare, condividere, etc. .
      Certamente alcuni di questi NON hanno a disposizione i mezzi tecnici che caratterizzano la finzione sessuale commerciale.

      Elimina
    4. il porno è sesso tra due che non si conoscono. è e deve essere finzione. se io e la mia fidanzata facciamo sesso siamo io e la mia fidanzata che ci riprendiamo. ma non è porno

      Elimina
  6. Ahahah, come ai vecchi tempi. Disquisizioni sul porno che io dopo un po' salto perché mi annoio come Gioia, ma a leggere ora mi fanno un po' di malinconia.
    Bravo che sei andato dal medico :-)

    RispondiElimina
  7. Di tutte queste pornostar non ne conosco neanche una.

    RispondiElimina
  8. Gli ODP? Socialismo tascabile e Bachelite son due monumenti alla musica (oltre che oltremodo evocativi).
    Ps. Correre a cazzo alla lunga fa male.

    RispondiElimina