Visualizzazioni totali

martedì 14 giugno 2016

runner e coach, Mengoni e la giocoliera gnocca

le donne quando arrivano ad una certa età iniziano un po' a sbarellare. la mia amica L. dice che sta diventando grassa. dice che sta diventando grassa perché la menopausa si avvicina. allora se ne va da un nutrizionista, che le dà una dieta. non so quanto abbia pagato il nutrizionista, ma quella dieta la potevo prescrivere pure io. ora lei mangia un po' a cazzo, diciamo che nel loro nucleo familiare manca un po' di cultura alimentare. che fa la mia amica L,? questa dieta la rispetta, e nel giro di qualche settimana qualche chilo lo perde. sì, ma mica dieci chili, anche perché non eravamo a quei livelli. diciamo che ne perde 3, forse 4. non di più. poi ad un certo punto mi dice "Fra, andiamo a correre, che non mi basta la dieta?". ora, questa non avrà mai fatto alcuna attività fisica in vita sua, mi dite come può correre?". per un po' riesco a declinare, poi ho dovuto cedere e questa sera siamo andati al parco forlanini a fare un po' di movimento più che correre. mi sono portato il garmin dietro, e abbiamo alternato qualche centinaio di metri a camminare e altrettanti a correre. al rush finale le ho fatto fare settecento metri consecutivi. era morta. in totale poco più di tre km e mezzo. quando sono tornato, anche se ero in prossimità della partita, ho fatto un miglio intorno a casa, per giustificare un po' l'uscita.
oggi ero a pranzo con i colleghi, e all'improvviso sento un po' di trambusto. eravamo cinque uomini e una donna. io non capisco, gli altri pure, la collega dice "c'è Mengoni nel tavolo dietro di noi". io, e non solo io, dico "e dove cazzo è (non volevo dire chi cazzo è perché so chi è)?". vedo 'sto ragazzotto assieme ad un altro ragazzotto abbastanza gay come lui e ad una ragazzotta che sembrava tanto essere una specie di manager o qualcosa del genere. lui abbastanza insignificante. anzi diciamo assolutamente anonimo. faccino pulito, ma vestito come si vestirebbe il ragazzo di mia figlia o giù di lì. eravamo in decine e decine a mangiare in quel posto. e tutto sommato alla fine della fiera si saranno avvicinati a lui, per foto o autografi, una decina di persone. parlando a tavola con gli altri, ho detto che mai ho chiesto un autografo in vita mia. un po' perché mi sentirei un pirla, un po' perché di gente "famosa", cioè personaggi che passano abitualmente in tv giusto per dare un metro di paragone, ne ho conosciuto tanti e si tratta di persone assolutamente normali. altro che chiedere loro un autografo.
all'incrocio tra corso plebisciti e via piceno c'è una giocoliera. sapete di che si tratta? semplice, ci sono giocolieri ai semafori a di Milano e Torino, altrove non so. si tratta di ragazzotti dei centri sociali che imparano quattro numeri da giocolieri o da circensi per l'appunto e si mettono a chiedere l'elemosina. vabbè, non si tratta di zingari o racket di storpi rumeni, ma sempre di elemosina si tratta. questi pseudo circensi sono esattamente come vi immaginiate i ragazzotti dei centri sociali. passano gli anni ma sono sempre uguali. lo stesso dicasi per le ragazzotte. per quel poco che ricordo, l'avvenenza non era caratteristica delle frequentatrici. vabbè, in corso plebisciti angolo via piceno 'sta giocoliera è una bella ragazza, che avrà 25 anni, con sinuosità e corpicino giusto affiancato da un bellissimo sorriso. se le togli gli abiti da squinternata e la tiri giù da gara secondo me fa girare mezza Milano. ma soprattutto, quale sia il numero al semaforo non lo ricordo, ma di soldi ne fa una caterva. insomma, anche a quei livelli la bellezza fa la differenza.
buona notte amiche ed amici, alla prossima.

14 commenti:

  1. Mengoni e chi è?
    io l'altro giorno ho incontrato Lorenzo Flaherty e chi è?
    Gente con po di ammiratori...
    Mah! BN ntt

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravissima Magnolia, chi cazzo sono questi qui?

      (io e il manzo abbiamo pure detto agli altri "pensate che c'è gente che ci chiede di fare foto assieme a loro...", che è vero tra l'altro

      Elimina
  2. non penso che siano ragazzi dei centri sociali, almeno qui non lo sono, perché impegnati all' università o a scuola ed a fare attività sociali, sul territorio.Quelli che si dedicano ad attività tra il circense o musicali, sono giovani disoccupati, spesso tossici,cani sciolti, che del sociale poco se ne importano.Oppure sono dei veri giocolieri e/o artisti da strada, stranieri, del nord Europa, che girano il mondo in questo modo.





    RispondiElimina
  3. A me Mengoni piace. Forse non gli avrei chiesto un autografo solo per il timore di disturbare. E' un personaggio pubblico, ma resta sempre una persona che ha diritto di pranzare in pace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è prestato con tutti e credo gli abbia fatto piacere

      Fumava, che per un cantante...

      Elimina
  4. Io ho la foto con Raul Bova, ma ti giuro che quando l'abbiamo scattata sembrava stessi facendo io il favore a lui che non viceversa xD

    RispondiElimina
  5. Ho riso di cuore Francesco credimi..E se venissi anch'io a buttar giù qualche kilo, io abituata a quattro ore di sala danza giornaliera e di più nel momento delle prestazioni ora, sempre ( concerti a parte) con il sedere attaccato ad una sedia ..e allora..i kili aumentano e poi io mangio , si mangio perchè mi piace mangiare. Ma sono ancora abbastanza allenata, dai non ti farei fare brutta figura..ahahahah
    Mengoni, poverino, dai gay..diciamo "grigio" ..va su tutto...un ragazzo pulito , modesto e semplice...
    Mi sstengo sulla giocoliera, hai detto tutto tu!
    Abbraccione serale!

    RispondiElimina
  6. All'epoca dell'universita'mi sono dilettata in giocoleria, con risultati mediocri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se eri gnocca come quella all'incrocio

      Elimina
  7. Mi difendevo, ma io ho sempre puntato piu'sull'intelligenza.

    RispondiElimina
  8. Certo che è complicato essere tua amica...

    RispondiElimina
  9. A parita di abilità competenze
    o - una giocoliera bella attira l'attenzione più di una giocoliera brutta.

    Poi sostituire il termine giocoliera cone
    o - insegnante
    o - infermiera
    o - cassiera
    o - avvocata
    o - ostetrica
    o - tennista
    o - contadina
    o - ingegnera
    o - ...

    Direi tutto normale. :)

    RispondiElimina
  10. Il movimento fisico deve essere pervasivo dell'intero vivere:
    o - salire le scale a piedi
    o - camminare
    o - usare la bici al posto dell'auto
    o - fare lavoro fisico ogni volta possibile
    o - entro certi limiti rinunciare alle macchine quando annullano o tolgono il lavoro fisico (ad esempio, io taglio la legna a mano, proprio come attività fisica che mi fa bene)
    o - fare sport in modo moderato e frequente
    o - fare sesso (qui non è che io abbia eccelso negli ultimi cinque anni)
    o - ...

    Alcuni studiosi hanno coniato il termine di obesogeno per queste società nei quali si tende ad eliminare il movimento fisico e ogni atto, ogni gesto fisico.

    RispondiElimina