Visualizzazioni totali

venerdì 29 luglio 2016

correre in mezzo alle contraddizioni

nessun commento al mio post precedente. apatia estiva o argomenti di poco interesse? chissà. questa sera dovevo uscire. ma non avevo voglia. per due motivi. primo, sto bevendo troppo. secondo, ho capito che non volevo vedere la persona che dovevo vedere. anche qui, gli amici servono a qualcosa. sarebbe stata una cosa senza senso. eh, ma io ve l'ho detto che questo è un periodo che ricorda un altro. ma ci ritorno. perché se non sono uscito ho fatto una cosa altrettanto "sbagliata". sono andato a correre. sbagliata perché ero uscito 36 ore fa. ed avevo pure spinto abbastanza. e anche stasera ho spinto abbastanza. che quando sono rientrato a casa nel fare i gradini del portone ho sentito una preoccupantissima fitta al tendine destro. meglio non pensarci, che se c'è un infortunio che non voglio avere è proprio ai tendini. ho fatto 7 km in 38' e 30". 5' e 30" al km. con 32 gradi. in questo luglio sto andando nettamente meglio dello scorso di luglio. ma devo iniziare a fare i lunghi. a settembre mi aspetta la mezza di Buccinasco.
ma dicevo. non sono uscito. e ho dovuto dire una bugia. che mi dà fastidio raccontare palle. non è da me. ma che le dicevo? la settimana scorsa ti ho proposto una serata di sesso selvaggio ma nel frattempo ho cambiato idea perché so che anche tu non sei convinta e tante tante altre cose? che sbagliato fu allora, sbagliatissimo sarebbe stato stasera? sia che andava bene, sia che andava male. bene, mi sono fermato in tempo. che ancora un po' di sale in zucca lo conservo. mamma mia, avrebbe avuto zero senso. sapete del mio amico A, così diversi ma così uguali. vabbè così uguali mica tanto. ma in fatto di quelle questioni siamo uguali, almeno per adesso. mi ha raccontato l'uscita che ha fatto ieri sera. cazzarola, mi sembrava di essere lì. avrei fatto le stesse cose che ha fatto lui. cioè, non avrei fatto le cose che non ha fatto lui. oggi wazzappavo con una mia amica. e mi raccontava delle contraddizioni dell'amore. del suo amore, ma mica vale solo per lei sia chiaro. "non so se lo amo, ma vivrei con lui". io sono riuscito a non vivere con chi amavo, figuriamoci. le dicevo che non si può amare chi dice di volerti solo bene. che almeno dovrebbe fingere cazzo. per educazione almeno. ma come dice in una delle sue poche uscite illuminanti R. "nelle situazioni bisogna starci". ci illudiamo che sia felicità, che sia stare bene. probabilmente sono pulsioni o ricerca dell'infinito presente: mangiare, dormire, scopare, respirare. ho un cellulare della madonna. mica è mio, è aziendale. e domani viene mia figlia. come mi stupisce questa cosa. domani sera devo però verificare se A. mi ha preso per il culo su una cosa. sapere è meglio di non sapere. questa mattina hanno provato a fregarmi. cioè dico, ci hanno provato con me, ma vi rendete conto? e comunque oggi ho fatto 7 km a 5' e 30" con 32 gradi. e anche se non dovevo, mi sono divertito.

8 commenti:

  1. A dire il vero ieri stavo per commentare. Solo che una frase che ho letto mi ha fatto un po' girare le scatole per cui ho preferito tacere :D non prendertela.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oddio, e invece dovevi dirlo/commentare !

      Elimina
    2. ah, la storia dell'iban !! :-)

      Elimina
  2. vale anche per me, stavo commentando proprio sta cosa dell' iban, però non volevo litigare, sopratutto con te :)
    cmq mica si capisce tutto sto casino di te con sta tizia e l'amico....
    sei sempre criptico, dici e non dici, diventa difficile commentarti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sull'iban ho detto quello che penso. è l'interesse e la convenienza che fanno andare avanti il mondo. e quindi anche le relazioni affettive. essere ipocriti è senza senso

      Elimina
    2. che poi la convenienza non è solo economica. può essere conveniente avere accanto un certo tipo di partner: uomo di potere, intellettuale, perfetto casalingo, ottimo cuoco e sempre disponibile a tenerti i figli e farti uscire con le amiche. non c'è niente di male a trovare un partner congeniale più che ideale. tutto, ma no l'unilateralità e la disponibilità ad oltranza. quella non è credibile.

      criptico? a me sembra così chiaro...:-) avevo organizzato una serata con una con cui uscicchiavo anni fa, finalizzata solo e soltanto a trombare. gliel'ho proprio detto esplicitamente. all'inizio ha detto si, poi ci ha mezzo ripensato, poi io ho ci ho ripensato del tutto. e ho fatto non bene ma benissimo

      Elimina
  3. Vale anche per gli uomini?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto vale per entrambi i generi. Tutto

      Elimina