Visualizzazioni totali

sabato 30 luglio 2016

july balance

una cosa particolare della corsa, al mio livello, è la partenza. soprattutto quando dormi poco e male (esiliato sul divano) e ceni un po' oltre misura la sera prima, succede che le incognite sono tante ed insidiose. morale della favola, questa mattina sono uscito prima delle otto perché le previsioni davano caldo già dalle prime ore del mattino. non è che mi sentissi esattamente al meglio. ma non volevo neanche fare una uscita blanda. allora ho cercato di fare quello che consigliano i runner più esperti e capaci: prefissarsi degli obiettivi a step. quindi come prima cosa arrivare al Lambro, poi tornare indietro cercando di aumentare leggermente il ritmo, quindi arrivare ai 10 km, infine superare l'ora. da qui in poi avrei dovuto puntare ai 13/14 km che mi ero prefigurato. ma non ce l'ho fatta. iniziavo a sentire caldo, ad avere sete e soprattutto le gambe, in modo particolare sotto la parte bassa della destra che qualcosa ha e mi desta preoccupazione, non ne avevano più. sarebbe stato opportuno almeno arrivare ai 12 km, ma ero veramente in debito. mi sono fermato a 11,39 km, fatti in 1 ora, 4 minuti e 45 secondi, ovvero 5' e 41" al km. ma con un undicesimo disastroso a 5' e 56", giusto per farvi capire lo stato dell'arte. sono stato dieci minuti a rifiatare e a bere alla fontanella. erano neanche le nove e c'era già da morire. dopodiché ho fatto 300 metri di scarico verso casa, fatti in realtà con l'obiettivo di superare i 32 km settimanali. chiudo luglio con 115,17 km, mi pare dieci in più dell'anno scorso, dove però se ricordate fece molto più caldo di quest'anno. non ho fatto ripetute (che dovrei farle, visto che tra un mese ho la mezza), ma solo corse, con un'andatura media di 10,7 km/h. direi che non è male, speriamo di tenere.
sono stato esiliato sul divano perché ho lasciato il matrimoniale a mia figlia. lei in questo momento sta ancora dormendo, io ne ho approfittato per leggere riviste di settore (lavorativo) che si stavano accumulando nel caos del mio soggiorno. chi mi è amico su facebook o ha il contatto whatsapp avrà visto la foto con mia figlia. devo dire che lei è bellissima. non lo dico da papà. è oggettivamente bella, e anche quegli aspetti che meno la esaltano lei riesce in qualche modo a valorizzarli. certo, ha 18 anni, grazie al cazzo direte voi. infatti, ha 18 anni. io le sto spiegando che potrebbe "pagare" in futuro un'alimentazione non sempre adeguata e una quasi totale mancanza di attività fisica. sulla prima cosa sta lavorando sulle quantità, meno sulla qualità. sulla seconda cosa lì purtroppo c'è una pigrizia di fondo che non si riesce a smuovere.
detto questo, buon fine settimana a tutte e tutti, globalmente come sempre.

7 commenti:

  1. pensavo fosse la tua " donna" ;D
    confermo, è una bella ragazza, a prescindere dall' età.
    ciao!

    RispondiElimina
  2. Ammiro la tua perseveranza negli allenamenti. Ma no sarà ora di andare in ferie anche con la corsa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e come la faccio la mezza il 3 settembre ?

      Elimina
  3. Io a 18 anni al massimo potevo andare a piedi fino al tabaccaio piu'vicino.

    RispondiElimina
  4. Pure io ho dormito poco e male nelle ultime notti. Fa un caldo allucinante, non faccio che girarmi nel letto, alzarmi e poi rigettarmici di nuovo.

    RispondiElimina
  5. Sono rispettoso. Mai onestamente hai una gran bella figlia :)

    RispondiElimina
  6. Mi sembra che il papà abbia un rapporto molto buono col corpo e col movimento fisico. Tua figlia ha preso la pigrizia dalla madre?

    RispondiElimina