Visualizzazioni totali

sabato 23 luglio 2016

la corsa di questa mattina e la cena della famiglia allargata (passaggio politicamente non corretto, ma è il mio blog quindi ciccia, in tutti i sensi)

non correvo da lunedi sera. è che non avevo avuto tempo, ed ad ogni modo ho pur sempre giocato a calcetto mercoledì sera. speravo di fare meglio. dopo tre uscite serali consecutive (martedì, mercoledì e giovedì sera, tutte positive per motivi diversi fra loro), ieri sera ero talmente cotto che non solo non sono uscito ma me ne sono andato a letto anche abbastanza presto. questa mattina, almeno sul presto, non faceva particolarmente caldo. e pensavo di fare una bella uscita. non è che sia andata male, ma pensavo meglio. sono arrivato fino al Lambro per poi tornare indietro. 10 km in meno di 57 minuti (56' e 43"), a 5' e 40" al km. sono stato anche abbordato da un runner gay, che si è fatto più di un km accanto a me facendomi un sacco di domande del cazzo, a me che quando corro se c'è una cosa che poco sopporto è parlare. per fortuna che io andavo più forte e l'ho salutato dopo un pò. dicevo, puntavo a fare più di 12 km, ma sentivo che non ce n'era, sia come fiato che come gambe. dopo i 10 mi sono fatto un km di scarico. settimana modesta. poco più di 21 km. è che devo allungare il kilometraggio, perché ho scoperto che sarò libero la prima domenica di settembre e quindi posso fare la mitica mezza di Buccinasco. anzi, la settimana prossima devo andare ad iscrivermi.
dicevo, bella serata martedì, bella serata mercoledì e bella serata giovedì. dove c'è stata la cena allargata per il 18° di mia figlia. io, i miei genitori, mia sorella, mia figlia, la mia ex moglie e tutta la sua famiglia ricostruita. come sapete, io e la mia ex moglie non abbiamo rapporti. non la vedevo da non so quanto tempo. e le ultime volte che l'avevo vista direi pure di sfuggita. noi siamo arrivati al ristorante leggermente in anticipo (zona centrale di Torino, parcheggio un cazzo, siciliano di pesce quando a mia figlia piace il pesce pugliese, e vabbè ma mica sanno stare al mondo....). quando li ho visti arrivare è stato come un miraggio ma al contrario. un baule al quadrato. vestita pure a cazzo. ora, ci sono tanti motivi per cui ho sposato quella donna. no, ce n'era solo uno. era una figa della madonna. ricordo quando la portai in gruppo, che un amico mi prese da parte e mi disse "ma questo tronco di figa dove l'hai trovata?". due gambe che erano perfette, magra, un bel viso. ma per il resto, non c'entravamo un cazzo. matrimonio sbagliato. dovrei cospargermi il capo di cenere, ma ha ragione il mio amico A.: "ogni uomo normale fa almeno una cazzata nella sua vita in fatto di donne. se non l'ha fatta è un coglione". però ieri mi è venuto un dubbio. non è che avevo una soglia bassa all'epoca? allora ho cercato le foto, nascoste nel cassetto non so quale. no no, era figa, confermo. ma non solo era grassa. era sformata, cioè i rotoli andavano qua e là, a cazzo di cane. mi sono fatto fare pure delle foto assieme, tutti e tre. non perchè ci tenessi, ma perché voglio conservare il "ricordo". quando siamo andati a pagare il conto ho preso pure per il culo suo marito, sia chiaro in modo garbato ed intelligente, col sorriso sulle labbra. ad un certo punto gli ho detto "non ti invidio per niente" (cioè, non parlavo di lei nello specifico, era un discorso più ampio). ah si, sono stronzo a scrivere così. pazienza, anzi, ciccia, in tutti i sensi.
domani sarà una giornata diversa. chissà come andrà. e chissà come mi devo comportare. ma si, improvviso. è un'ora che ascolto elettronica tedesca, vecchia e nuova, dai Kraftwerk ad Anthony Rother. però posto i New Order, "blue monday". un abbraccio a tutte e tutti. più a tutte che a tutti.

21 commenti:

  1. il blog è tuo, giusto! però posso dire che, comunque sia, è sempre la madre di tua figlia, almeno pensalo ma non scriverlo.Ipocrisia sicuramente, ma il web riserva sempre sorprese, se lo leggesse tua figlia, sarebbe una pugnalata.

    RispondiElimina
  2. Questo è il tipico caso di rincoglionimento da figa, quindi!

    Auguri alla figlia :)

    RispondiElimina
  3. Ma diciamo Fra...se fosse una persona che ti piace per com'è, per quello che dice e pensa...le vedresti così le sue ciccette?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà come sei visto tu, oltre lo specchio...

      Elimina
    2. Frega poco. Io so solo gli enormi danni che quella donna mi ha cagionato e che purtroppo riesce ancora a cagionare

      Elimina
    3. Non mi hai risposto però Fra...

      Elimina
    4. è sbagliato essere ipocriti. potrebbe avere il cervello di Margherita Hack, ma una così il cazzo duro non me lo farebbe mai venire (che già fa fatica di suo, figurati con questa....)

      Elimina
    5. ah si, per questa trattasi sempre della mia ex moglie, che è un po' come la Juve, cioè il male assoluto....

      Elimina
  4. Diversi anni fa, mi misi d'impegno per raggiungere il top della mia forma fisica e lo feci solo per vendetta, per far pesare la mia presenza ancora di più. Sarà stata pure una cosa immatura, ma che soddisfazione.

    RispondiElimina
  5. Concordo, caro Fra. Diciamo che arrivati a un certo punto, i bilanci si fanno e ogni tanto capita anche che chi soffre poi viene ricompensato (se non altro dalla fatica fatta per evolversi).

    RispondiElimina
  6. Possono eserci tante ragioni per le quali il corpo di una donna si trasforma in modo così netto. E spesso quelle ragioni non sono belle per niente, neppure piacevoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che sono le mie maledizioni?

      Elimina
    2. Anche :D
      Ma pure molto altro, che probabilmente non sai e non immagini.

      Elimina
  7. Sì però non siamo ipocriti: se è grassa è grassa, è un dato oggettivo. Poi si può stare a disquisire sui perché e sui percome una donna diventi così, o anche sul fatto che conta l'interiorità e bka bla bla.
    Rimane il fatto che la ex-moglie di Francesco era gnocca e che ora è grassa.

    RispondiElimina
  8. Godi come un riccio, che tu ti spari km su km e lei fa la matrona decaduta.

    :D

    RispondiElimina
  9. C'è una storiella zen...
    Ciò che aprì come fortuna si rivelò sciagura e viceversa, ciò che apparve come sfiga tremenda divenne fortuna.
    Ma perché la madre di tua figlia si è abbruttita così? Problema "(in)culturale", patologia, entrambi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non lo so e non mi interessa, se devo dire.....

      Elimina
    2. In una pagina successiva scrivi che tua figlia non fa movimento fisico. Probabilmente c'è una correlazione tra le due cose.

      Elimina