Visualizzazioni totali

martedì 4 ottobre 2016

lo scarico e lo zerbino

non era in programma questo post ma oggi è successo un fatto increscioso e ne scrivo. ma prima vi dico che, dato che il mitico nordest mi aspetta nei prossimi due giorni, stasera un po' in sbattimento da senso di colpa runneristico sono andato a fare uno scarico mezzo sostenuto. solo ed esclusivamente perché se va bene tornerò a correre venerdì. scarico perché dopo aver asfaltato 27 km in due giorni più di tanto non si poteva fare. ciumbia, ma che runner c'erano stasera sulla Martesana!!!! io non andavo pianissimo, sorpassavo tanti, ma altrettanti sorpassavano me o li incrociavo riscontrando una bellissima linea. vabbè, il tutto di sprone per fare meglio. comunque poco più di 5 km a 5' e 26" al km, senza andare mai al di sopra dei 5' e 30".
veniamo al fatto increscioso. mando un messaggio nella chat di whatsapp degli amici per la pelle. non so come, ma avevo capito che stasera si andava a mangiare la pizza. all'una mi risponde A. che mi dice che non può e che la tipa l'ha sfanculato (tradotto, l'ha mollato). eh???? cosa???? ma se sembravate la coppia dell'anno? oddio, che poi non è neanche due mesi che stanno assieme. a me all'inizio non era dispiaciuta, poi la storia delle (non completamente dimostrate) attitudini schifo-sessuali e alcune confidenze del mio amico sembravano non mostrare un idillio completamente soddisfacente. siccome io sono crudo e diretto, in chat avevo chiaramente comunicato le mie perplessità. ecchecazzo, se non si parla così tra amici! vabbè, subito lo chiamo. e mi dice che l'ha sfanculato via telefono con motivazioni contraddittorie in cui ci stava di tutto, dalla frequentazione dei figli agli impegni di lavoro, dal fatto che ci si vede poco al reclamare i propri spazi (!!!!). ora, parlando poi al telefono con il resto della truppa escono poi altri problemi legati all'aver bruciato troppo le tappe. che poi, mi domando quanto possa essere un problema (se si vuole bene ad una persona) scoprire che questa russa. mi sono però girati i coglioni scoprire che 'sti cazzo di miei amici i loro problemi sentimentali me li raccontano a frittata fatta (recidivissimi). il punto è che lui è ossessionato. a 50 anni superati da un bel tocco da solo non riesce a stare. già è stata una roba incredibile essere stato 4 mesi senza donna, e io so quanto si sia dovuto violentare per non rimettersi con l'arpia opportunista con cui stava prima. io so che non faccio testo: ho talmente tanta considerazione di me stesso che penso che debbano essere le donne a fare carte false per stare con me. lui invece si è inventato una roba smielosa da costringerti a razioni doppie di insulina. ripeto, a 50 e rotti anni. un corteggiamento dove ha messo le sue caratteristiche migliori, poi caduto sul fatto di russare la notte (non oso pensare che succedeva in caso di scorreggie abituali). ma mentre io e la restante truppa commentavano telefonicamente l'accaduto, ecco una mail: "crisi temporaneamente rientrata, dice che non può perdermi. boh?". gli dico di stare in campana, lui mi dice che vive alla giornata, ma si capisce che è mogio mogio. ripeto, per la terza volta: a 50 anni suonati da un bel pezzo. no no, così zerbino no porca troia. anche lui capisce che non si andrà da nessuna parte, se dopo due mesi va così. un'altra matta insomma. io posso fare fatica a capire quello che voglio. ma so con certezza quello che non voglio. e situazioni di merda non mi possederanno mai. è un anno ormai che ho chiuso l'ultima relazione importante della mia vita. ed era ed è una donna straordinaria. altro che la ex del mio amico. mai meriterebbe di essere sostituita da una che non vale un cazzo o che è peggio di una bandiera al vento. ma andate a fare in culo squinternate.
da Nella ho letto un bel post su Nick Cave. e allora chiudo con lui. "the mercy seat".
 

13 commenti:

  1. Che storia, Fra !
    Non vedo speranza neanche io per il tuo amico, diciamocelo. A questo punto può solo sperare di toccare il fondo per decidersi a ritrovare un po' di amor proprio.

    RispondiElimina
  2. A 50 anni bisognerebbe avere imparato a stare da soli. Anzi, a starci così bene da preferire la solitudine a qualsiasi rapporto di convenienza. Ciao Fra, sono d'accordo con te al 100%

    RispondiElimina
  3. Come detto, sapere ciò che non si vuole è un buon punto di partenza
    Ma alla fine non si può andare sempre per esclusione

    RispondiElimina
  4. Ma poi, è così spaventoso, non essere in coppia? Io se ho una certezza è che anche se la mia storia dovesse finire non finirò io.

    RispondiElimina
  5. non hai per niente torto...

    RispondiElimina
  6. Hai ragione a definirlo fatto increscioso. Però che tristezza mettersi con qualcuno semplicemente perché non si è capaci di stare da soli.

    RispondiElimina
  7. Squinternate e squinternati.
    Secondo me se non sei squinternato non puoi stare con una squinternata e viceversa.

    RispondiElimina
  8. Aggiungo che il problema si pone molto e ancor più per le persone che non riescono a stare da sole.
    Il non riuscire a stare da solo è indice di problemi, direi.

    RispondiElimina
  9. Ti sono grata per avermi citata Francesco, e complimenti per la scelta della canzone. Te ne ho dedicata una su you-tube!
    L'amore...non c'è logica, si può essere più o meno forti ma la ragione non cammina con lui. Cose che ti sembrano normalissime,reazioni giustificate, comportamenti leciti, diventano impossibili quando senti" quel bisogno"...poi passa , poi resta ..chissà.. è tutta una lotteria..
    Abbraccione serale!

    RispondiElimina
  10. concordo con entrambi i commenti di UnUomo.Incammino.. è proprio vero chi si somiglia si piglia..

    RispondiElimina
  11. Nelle situazioni bisogna starci.

    RispondiElimina
  12. Chi ha paura do restare solo sarà sempre uno zerbino

    RispondiElimina