Visualizzazioni totali

domenica 20 novembre 2016

Alpin Cup, pacco e disagio

l'avevo scritto martedì. tornato a fare 10 km, al pomeriggio mi sono iscritto ad una gara. e la gara era questa mattina. la meravigliosa Alpin Cup (perché l'organizzano gli alpini, non perché sia in montagna) all'interno del parco nord tra Sesto, Cinisello e Bresso. ovviamente non ho fatto la mezza (magari....) ma la 10 km. che avevo già fatto, nella versione non competitiva, due anni fa, quando sicuramente ero più in forma di oggi ma fare e superare 10 km era una specie di muro invalicabile. sono arrivato presto ma non prestissimo. ritirato il pacco gara (la solita maglietta, ne avrò non so quante ormai....), ho aspettato un po' dentro la palestra e alle nove meno dieci mi sono recato alla partenza, nella parte centrale del parco. quelli che puntavano al tempone si vedevano perché facevano gli allunghi, io a malapena facevo un po' di stretching. partenza prevista per le 9.15. il profumo del pettorale, l'ebrezza dello start si sono un po' fatti sentire. è dai primi di settembre che non faccio una gara, e dopo quella solo una tapasciata poi l'infortunio di ottobre. sono partito fortino, ma non forte. correre in un parco non è semplice, e io il parco nord lo conosco. sono giorni che pioviggina, lo sterrato era una pozzanghera unica, la ghiaia ti frena un po', ci sono i ponticelli da scavallare. insomma, ai 5 km ho girato in poco meno di 28 minuti. è probabile che due anni fa avessi fatto persin meglio ai 5. le gambe girano abbastanza bene, il gluteo infiammato faccio in modo di non sentirlo. faccio un bell'ottavo km, un nono pessimo, poi al decimo vado a tutta birra (si fa per dire, 5' e 25") al traguardo. dove mi accorgo di non spegnere subito il garmin. poco male, dice che ho fatto 10,13 km in 56' e 57", 5' e 37" al km (verificherò il real time su mysdam). direi non benissimo, ma un po' bene sì. al traguardo ho visto facce amiche, si corre da soli ma alla fine qualcuno si incontra sempre.
per fare l'alpin cup ho tirato un pacco a quelli del mio gruppo, visto che oggi c'era la nostra tapasciata. però onestamente di andare in culonia a fare quello che con la bandierina al freddo indica il percorso, quando io devo fare di tutto per rimettermi in forma, ecco....diciamo anche no. tanto ce l'avranno fatta lo stesso, sono sicuro.
ieri sera i miei amici mi hanno sfrantumato la uallera su whatsapp nel raccontarmi le loro sfighe amorose e quanto gli altri siano scorretti, egoisti e insensibili. io dicevo loro che non è che noi siamo proprio dei santi noi, poi non parliamo di A., che non si contano le corna sue e i mariti cornuti che ha fatto. alla fine sto disagio non lo sopportavo più, ho augurato la buona notte e me ne sono andato a letto. questa notte so di aver fatto dei sogni assurdi, ma non me li ricordo. buon proseguimento di domenica a tutte e tutti e un enorme, infinito abbraccio a chi in questo momento è in treno per affrontare una prova importante.

4 commenti:

  1. Bisognerebbe riprovare a fare il test di Cooper. Non oso.

    RispondiElimina
  2. E anche stavolta sei stato grande!
    Per quanto riguarda i sogni di stanotte, io non ho dormito proprio. Baci.

    RispondiElimina
  3. La parte agonistica non te la commento per ovvi motivi (so stanco io al posto tuo).... Interessante la parte degli amici che si lamentano e giusta la tua osservazione, molte persone si lamentano quando gli altri fano a loro, ciò che loro han già fatto ad altri ancora :)

    RispondiElimina
  4. Beh, hai superato il test del moribondo, che sarebbe quello di percorre 10k sotto l'ora.

    RispondiElimina