Visualizzazioni totali

giovedì 3 novembre 2016

due episodi

il primo episodio: oggi mi sono fatto un regalo per il mio compleanno. no tranquilli, non si è spostato in avanti di quattro mesi. è che per i miei 50 anni avevo deciso di farmi un bel regalo, un nuovo orologio. chiaramente non uno swatch, non un citizen, neanche un bulova. non che ne avessi bisogno, il cronografo che ho al polso vale qualche millino di euro, ha appena cinque anni e va benissimo. ma l'orologio è l'unico gioiello dell'uomo, ed avendo tempo a disposizione e desiderando passare allo svizzero per eccellenza, mi sono messo alla ricerca del maggiore sconto possibile. insomma, non sono riuscito a prenderlo questa estate. poi ho ordinato quello col quadrante blu, a tiratura contenuta, ed insomma l'assegno l'ho staccato solo questa mattina. ne sono contentissimo e credo che siano soldi spesi benissimo.
il secondo episodio: esco da casa per andare al lavoro, attraverso la strada per recuperare l'auto. e li vedo, loro tre, ciascuno con i loro trolley. nonno, nonna, nipotina di circa 5, 6 anni che vanno a prendere l'autobus che li porta in centrale. ho realizzato subito. un maledetto dejavu. bambina con genitori separati. lei che va via da casa sa cazzo dove, Lamezia terme, Pordenone, Montecatini. I nonni, per amore del figlio, per permettergli di stare 12, 24 ore in più con la figlia, prendono la nipotina, stanno tutti assieme nei periodi di vacanza, la riportano indietro. mi sono rivisto indietro di qualche lustro. quella era mia figlia tornata improvvisamente bambina. il tempo può passare, le ferite si possono rimarginare, si possono accumulare altri guai. ma io non potrò mai perdonare quello che mi ha fatto quella schifosa bastarda. mi ripeto: schifosa bastarda.

14 commenti:

  1. che poi, un angelo come te...alcune volte certe donne non le capisco per nulla.
    Niente brutti pensieri, oramai sei un uomo risolto, goditi il tuo regalo e guarda avanti.
    buona notte Francesco :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai recriminato sul suo diritto a sepsrarsi. Peraltro era un matrimonio senza senso pure per me. Ma che abbia potuto ottenere ciò che voleva su mia figlia quello mi è sempre sembrato la peggiore delle ingiustizie

      Elimina
  2. Fra... Ti abbraccio e basta.

    RispondiElimina
  3. si avvicina anche x me ql momento.. hai fatto girare il pil italiano o no?.. ; )

    RispondiElimina
  4. Le separazioni sono traumi, ma credimi anche le famiglie che restano unite ma non vanno d'accordo sono uno strazio.
    La vita ha tutto un suo senso non semplice da capire.

    RispondiElimina
  5. Complimenti per il bel regalo, direi che te lo sei meritato ;)
    Il secondo episodio mi ha colpito e turbato allo stesso tempo. Ti abbraccio forte, per quel che può valere.

    RispondiElimina
  6. Anch'io mi sono fatta un regalo: ho comprato una grattugia a manovella. Eh, lo so. No, non dire nulla, non serve.
    Tiè, ti lascio un cuore

    RispondiElimina
  7. fatti 2 grasse risate, ti avverto così se noti picchi di visite sul tuo blog è colpa mia.. ; ) scrivi su google spot tortazza..

    RispondiElimina
  8. 2 commenti simili.. spariti..
    ci rinuncio : )

    RispondiElimina
  9. Speriamo che quella bambina possa vivere comunque in tranquillità. Mi dispiace se hai dovuto sopportare una situazione simile-e di conseguenza che abbia dovuto farlo anche tua figlia magari-

    RispondiElimina
  10. Fran, non angustiarti per il passato, guarda solo avanti, tanto non serve.

    RispondiElimina
  11. Quelle bambine lì però, crescono belle toste. Lo so io.

    RispondiElimina
  12. Auguroni Francesco nonn so se in ritardo o in anticipo.
    I due bellissimi orologi che mio padre mi aveva regalato sono andati a finire nelle tasche di quella graziosa signora che faceva le pulizie in casa mia...
    Ho ricordi di separazioni ricorrenti nella mia vita...restano se ne vanno..no comment...
    Sii felice!
    Buon w/e!

    RispondiElimina