Visualizzazioni totali

mercoledì 21 dicembre 2016

cinque cose

  1. si torna come al vecchio blog. cinque punti per me e per voi (ma solo questa volta). si comincia con una cosa che già immaginavo. vi ricordate che qualche settimane fa ho fatto un check-up, peraltro rinviato già una volta perché mi sentivo "non pronto"? ebbene, oggi pomeriggio ho ritirato gli esami del sangue. senza girarci intorno, glucosio (e valori legati) ben alto, colesterolo altino. ma me lo sentivo. a novembre ho corso poco causa infortunio, ed è due mesi che mangio male. e bevo un po' troppo, tenendo conto che lo reggo fin troppo bene. e a dicembre non sarà andato certamente meglio. è 24 ore (compreso ora che scrivo) che ho una nausea pazzesca. devo digiunare, stare leggero. ma il periodo non mi sembra quello migliore. domani sera si chiudono le feste pre-natalizie. ma se mi dessi malato, anche se la ragione lo sconsiglierebbe ?
  2. però stasera sono andato a correre. ho fatto dieci km da pippa runner. ci ho impiegato un'ora e una manciata di secondi. troppi vero? troppissimi, se penso che ho dato l'adesione ad una mezza che correrà in massa il mio gruppo tra un mese esatto. ma questi due mesi di condizione precaria li sto pagando, non c'è niente da fare. non demordo, sia chiaro. ma la fatica è esagerata. poi stasera sulla Martesana (eh già, ma è mercoledì, è giornata di gran tempi) c'erano dei campioni a correre. avrò visto 20 schegge, alcuni anche del gentil sesso. e io che arrancavo letteralmente. tristezza infinita. non c'erano neanche le nutrie.
  3. continua la saga dei 45-55enni tristi. mi mettono malinconia. e anche non poca. è proprio vero che bisogna circondarsi di persone positive nella vita. che non significa essere inutilmente allegri e ottimisti. non è neanche nelle mie corde. ma arrendersi mi infastidisce. sennò andiamo direttamente dal cassamortaro e ci facciamo prendere in anticipo le misure. come diceva il mio ex capo, non si può scontare la pena di vivere vivendo.
  4. la ragione sconsiglia di declinare il party aziendale di domani sera, come dicevo. ma ne ho zero voglia. ieri sera e questa mattina raccontavo dell'unica ragione che mi fa sopportare tutto ciò. non fatemi dire altro, che è meglio.
  5. ma c'è del positivo in questo post. capita che conosci una persona, che per tanti motivi è tanto distante da te. diversa, non credo. da buona cintura nera di razionalità, non avresti sufficienti motivi per confidarti. ma tutti abbiamo l'istinto come linea guida. ed io di questa persona mi fido. è una bella persona anche se in fondo pensa di non esserlo. e a me ieri sera è piaciuto aprirmi e raccontargli un po' della mia vita. oddio un po'.... direi abbastanza. per gli auguri di natale (minuscolo) ci leggeremo più avanti. mi sa che andrò presto a letto, sono veramente a pezzi. buona notte a tutte e tutti.

8 commenti:

  1. I cinque punti delle Stanze :)

    RispondiElimina
  2. Quanto mi sono mancati i 5 punti *.*

    RispondiElimina
  3. Anche le nutrie hanno i party aziendali, non lo sapevi? Salumi,
    Franz

    RispondiElimina
  4. Ma ti sei confidato faccia a faccia? O a distanza?

    RispondiElimina
  5. Potresti fare un post una volta al mese, con i tuoi cinque punti. Tanto per non perdere il vizio.
    Buon Natale Fra'!

    RispondiElimina
  6. Un bel ritorno ai vecchi tempi quello dei cinque punti. Come dice Mariella, dovresti concedercene almeno uno al mese ;)
    Peccato tu non possa declinare la festa azienda, da brava asociale io lo farei senza rimpianti.
    Mi spiace per le analisi del sangue e questo non è neanche un buon periodo per rimettersi in riga. Gennaio però è vicino. Un abbraccio.

    RispondiElimina