Visualizzazioni totali

domenica 12 febbraio 2017

13 + 3,5 + la tirreno-adriatica

venerdì e sabato mi sono devastato. ma ci tornerò dopo. fatto stà che questa mattina mi sono alzato presto benché fosse domenica e fossi stanco. e fatta la colazione, verso le nove sono andato a correre. voglia ne avevo il giusto, ma ero certo che questa mattina sarebbe stata non dura ma molto dura. subito sotto casa ho incrociato wonder runner e abbiamo fatto qualche km insieme. mi è dispiaciuto vederla così affranta. ma se mi legge (ma glielo dirò in ogni caso dopo pranzo al telefono) voglio che sappia che non si è wonder runner a caso. che le cose brutte, che pure nella vita esistono, si possono risolvere anche con una alzata di spalle, mettendole in un angolo. ci siamo separati all'imbocco di Via Idro, e a quel punto superato il Lambro sono entrato in Vimodrone. le gambe me le sentivo anche bene, ma erano le energie che mi sembravano poche. quando ero intenzionato a tornare indietro incontro MDC, mio collega istruttore che ieri sera mi aveva detto che avrebbe corso a Vimodrone dove abita. faccio ancora un 700 mt dentro Vimodrone, poi decido comunque di tornare indietro e lui decide di accompagnarmi. insomma, mi fa parlare per un paio di km almeno, forse anche più. ci separiamo, e la fatica la sento porca miseria. rientro a Milano, supero il Lambro, percorro nuovamente Via Idro ma quasi prossimo a Via Adriano, ai 13 km, mi fermo e stoppo il garmin. 1h 16'44", 5'54" al km. rifiato un attimo, anzi recupero disperatamente un po' di energia per fare i 3,5 km che mi separano da casa, anzi i 3,58 km, che faccio in poco più di 22 minuti a 6'14" al km, con un accenno di allungo negli ultimi 300/400 metri. nota positiva, l'unica, è che comunque ho fatto più di 16 km e mezzo questa mattina, che comunque non è poco. ma troppa, veramente troppa fatica. vabbè, ci sta una mattinata così ogni tanto.
dicevo, venerdì e sabato devastanti. venerdì mattina sveglia alle 4.45, doccia veloce e poi ricongiungimento col capo macchina per andare in direzione Roma, dove avremmo avuto il raduno degli istruttori. che è stato veramente impegnativo. dico solo che è finita a mezzanotte la giornata. i quiz ce li hanno fatti alle 22 passate, e certe domande un po' lunghe, proiettate sullo schermo, facevo fatica a leggerle. è un miracolo che abbia fatto appena 2 o 3 errori. quando sono andato in stanza il mio compagno mi ha chiesto se poteva non spegnere la luce subito. gli ho detto di stare tranquillo e sono crollato. il giorno dopo la sveglia era alle 7.50, il mio compagno si era già docciato e vestito ma io non avevo sentito alcunché. al mattino ancora riunione, poi alle 11 chi doveva andare ad esercitare la funzione se ne è andato. io ero dispensato ma non essendo autonomo mi sono mosso con gli altri (beh, almeno mi sono perso le ultime ore di raduno). tutti andavano verso l'Adriatico, uno a Chieti, uno ad Atri e l'ultimo a Castelfidardo. due delle tre auto si sono incamminate assieme per compatibilità di orario, con unico vero, grande obiettivo: andare a mangiare in un ristorante come dio comanda. sapete che io però non avevo mai fatto in vita mia la Roma-Aquila? e devo dire che mi ha emozionato un po' passare accanto alla città martoriata dal terremoto, ma soprattutto trovarmi il gran sasso di fronte per poi penetrarlo (un po' scopereccio come passaggio vero? vabbè, ma secondo me ci sta....). ho fatto anche una bella foto che ho messo su facebook. superato il gran sasso (da una parte c'era il sole, dall'altra la nebbia), abbiamo accelerato che gli orari iniziavano ad essere stringenti. Ci siamo fermati a mangiare una quindicina di km dopo Teramo, ed è stato un pranzo superbo per qualità e quantità. poi ci siamo scapicollati verso Castelfidardo, dove abbiamo lasciato il collega, lo abbiamo visto 5 minuti all'opera e poi siamo risaliti verso il nord. per fortuna che l'autostrada era mezza deserta, fosse stata estate sa dio a che ora si rientrava a casa. invece alle 20.30 ero nel mio bilocale, una cena tranquilla, e poi tanto ma tanto divaning. dopo pranzo andrò alla coop a fare la spesa, che nel frigorifero non c'è praticamente niente. mi secca fare la spesa di domenica, ma in fondo anche no, perché non si possono fermare i tempi e le abitudini che cambiano. buon proseguimento di domenica allora, globalmente si intende.
UPDATE: sono in vena romantica oggi, e anche se l'ho già postata, eccovi di nuovo Levante con "ciao per sempre".

10 commenti:

  1. io stamattina ho approcciato un 7 km...
    andata bene, tempi obbrobriosi, ma fiato ce n'è stato, quindi bene.
    oggi pomeriggio cioccolata calda con la panna per festeggiarmi degnamente

    RispondiElimina
  2. L'autostrada di casa (o almeno un tratto)

    Mi rilassa da morire, concilia i pensieri

    RispondiElimina
  3. Magari ci sta anche provare più fatica dopo "due giornate devastanti".

    RispondiElimina
  4. Hai fatto un bel tour de force! Ci voleva un po' di "divaning".

    RispondiElimina
  5. Correre e parlare no...non ce la faccio...

    RispondiElimina
  6. l'emozione era scontata, quelli ora sono luoghi che sembrano sacri.

    RispondiElimina
  7. Allora, a proposito del parlare.
    Io in questo periodo corro poco, male e lentamente.
    E' che cazzeggio. Non ho voglia, rallento, roba cosi.
    Qualche settimana fa sono uscita (perché mi sono obbligata, mica per altro) e dopo un paio di Km ho incrociato un runner. Mai visto, ma eravamo in centro e salutava tutti, abbiamo fatto due chiacchiere.
    Chiacchierando chiacchierando abbiamo fatto qualche km insieme (tipo 5), molto più veloci della mia velocità di crociera attuale, sui 5.40.
    Quindi niente, io se chiacchiero corro meglio.

    RispondiElimina
  8. In effetti mio caro una vera maratona in tutti sensi, da far girare la testa anche soltanto a leggerla.
    I tuoi ritmi sono devastanti per me ora che faccio fatica a camminare spesso o alzare un braccio con questa fibromialgia che mi invalida sempre si più
    E vai con gli antidolorifici in attesa della visita specialistica , io ballerina di quattro sudate ore al giorno più le corvè dei saggi e tutte le sgroppate musicali e concertistiche , mi ritrovo un semovibile
    Ciao per sempre a tutto...ma accendiamo la speranza vah..
    Abbraccione!

    RispondiElimina
  9. leggerti è stata come una mezza.. ; )

    RispondiElimina
  10. 16k da distrutto non sembrano affatto male. o no ?

    RispondiElimina