Visualizzazioni totali

lunedì 27 marzo 2017

lunedi

da qualche giorno ho un dolore al fianco destro, fortunatamente non localizzato in un punto preciso (quando hai un dolore in un unico punto di solito è il caso di preoccuparsi). è la conseguenza di un movimento sbagliato in una uscita della settimana scorsa, aggravato dalle centinaia di km che ho fatto in auto tra venerdi e sabato. credo non sia grave, ma certamente ha inciso nell'uscita ad minchiam di ieri. che poi definire le mie uscite delle corse mi pare quasi offensivo per i veri runner, se penso che ieri persone che conosco discretamente bene hanno corso rispettivamente la 60 e la 100 km a Seregno (a colei che ha corso la 100 km oggi ho chiesto come stava per sentirmi rispondere "bene, un pò male al ginocchio destro e qualche vescica"). Quando si parla di distanze bisogna fare degli esempi: 60 km sono più della distanza tra San Benedetto del Tronto e Teramo e 100 km è poco meno della distanza tra il centro di Milano e Fidenza, dove ha sede l'omonimo outlet. Distanze fatte a piedi, di corsa, camminando, ma distanze, per l'appunto.
questa mattina mi stavo curando il pizzo allo specchio (sono in una di quelle fasi, più o meno due volte l'anno, in cui me lo faccio crescere. passano 3 o 4 settimane e lo taglio) quando mi sembra di vedermi col viso un pò scavato. prendo la bilancia e mi peso: 68 kg. e se penso che la massa muscolare è aumentata, ciò sta a significare che sono sempre più magro. beh, non è che la cosa mi dispiaccia, devo dire.
contare di meno in azienda, come succede adesso, comporta che attorno a me si prendano delle decisioni o si facciano scelte assurde e tu nulla puoi obiettare. beninteso, si parla di decisioni o scelte che in parte - minima o significativa non ha importanza - impattano sulla mia figura. mi verrebbe la voglia di dirne quattro. un tempo avrei fatto battaglia. poi succede che ci penso e mi dico che non me ne frega una beata mazza. a voi la gloria, io in passato l'ho già avuta. buona settimana a tutte e tutti.

10 commenti:

  1. Il pizzo sì, va curato, altrimenti meglio senza
    (ma su certi uomini è da scopata selvaggia)

    :D

    RispondiElimina
  2. Mazza quanto sei magro!
    Grande per aver citato la mia città natale^^

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Beh, massimo rispetto per le tue uscite di corsa. Non ti buttare giù. ;)

    Stamattina ho rimesso su le vecchie scarpe da running per accompagnare mia figlia a scuola. Subito il dolore all'anca ha accennato a farsi sentire. Ora le butto! La verità è che sono un nostalgico ed ero affenzionato a quelle scarpe. Ma se mi fanno male, devo dire basta, non possiamo più vederci così.

    Pizzetto: quando lo faccio crescere, sembro mio padre. Quindi, no way! :)))

    RispondiElimina
  4. no pizzetto, no barba, nono baffi.. ; )

    RispondiElimina
  5. Barba sì da sempre. Baffi ni, ma solo perché una volta mi sono sentita fortemente attratta da uno con i baffi ed ogni tanto lo penso ancora, quando ho bisogno di circondarmi di bellezza. Il pizzetto invece non mi piace, forse perché mi fa pensare ai carabinieri.

    RispondiElimina
  6. ...Alto, biondo, occhi azzurri e poi 'sta particolarità dei baffi.
    Eh, lascia sta.

    RispondiElimina
  7. Io penso che, a volte, lo sbattimento eccessivo non valga proprio la pena. Lascia che si accapiglini, tu vivi sereno. Curati il dolore, il pizzetto e mangia!

    RispondiElimina