Visualizzazioni totali

mercoledì 1 marzo 2017

mercoledi 1° marzo

questa sera sono a casa. e direi che va bene, dopo tre sere consecutive che sono fuori. penso pure che potrei andarmene a letto anche abbastanza presto. oggi è stata una giornata lavorativa impegnativa. niente km in giro per il nord, ma riunioni su riunioni, dalle 10 alle 18. lo dico subito: riunioni questa volta fatte bene, con criterio, con logica. ed è per questo che stasera sono un po' incazzato. siamo indietro sui numeri, sono indietro sui numeri. e se anche "gli altri" lo sono, francamente questa cosa non mi interessa. io sul lavoro sono abituato a guardare il mio e soprattutto adesso, che mi hanno fatto fare un paio di passi indietro, del contesto generale da zero a dieci me ne frega meno di un cazzo. non che non lo sapessi, non che non sapessi che è difficile. è che ho dei dubbi che la strategia che sto adottando sia quella giusta. oggi un paio di ipotesi di trattativa mi sono saltate. su una ci avevo puntato un po' di più, su un'altra in realtà non ci avevo puntato per niente, ma mi ero fatto ingolosire da due parole che mi erano state dette dall'interlocutore. sulla prima in verità non è detta l'ultima parola, ma so per certo che è meglio mollare e piuttosto pensare a qualcos'altro finchè si è in tempo. è vero che questo lavoro ufficialmente lo faccio da appena un mese, ma come queste giustificazioni non le accettavo dagli altri quando altri dipendevano da me, per coerenza altrettanto faccio con me stesso. nel lavoro, nello sport ed anche nella vita conta chi vince. il perdente non lo si butta giù dalla rupe ma sempre perdente è. poi io in quasi 25 anni di lavoro ho perso così poche volte che figuriamoci se inizio ora a 50 anni. vabbè, all'occorrenza cambio tattica. sennò che cazzo di vostro preferito sono? buona notte amiche ed amici.

7 commenti:

  1. Sei sempre il mio preferito anche se ti buttassero nel sottoscala di Fantozzi..
    Notte d'oro Francesco!

    RispondiElimina
  2. Ti capisco, anche io un po' la vedo così.
    Pensa bene a cosa fare... le promesse magari poi le mantengono :)

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Perché tu sei un combattente e certe cose non le accetti.
    P.

    RispondiElimina
  4. Tre sere consecutive fuori e poi la mattina svegliarmi e andare a lavoro (e tu vai anche a correre) penso che potrei morire!

    RispondiElimina
  5. Una canzone diceva "bisogna saper perdere".
    Ma sul serio ci si riesce ad impararlo? il sapore della sconfitta resta comunque e non è mai buono.

    RispondiElimina