Visualizzazioni totali

domenica 12 marzo 2017

scarpadoro 2017, una parziale delusione

ho guardato le previsioni del tempo per tutta la settimana. e non per sperare in un bel weekend di sole, ma per il suo esatto contrario. eh si, perchè noi runner siamo controtendenti, e quando siamo in gara la domenica speriamo in un brusco calo delle temperature, nell'assenza di sole e magari anche in un pò di vento a favore. ciò a maggior ragione se il runner è un pippa runner quale il sottoscritto. che io il primo caldo l'ho sempre patito. quando ero un atleta (e lo ero sul serio, che credete, ma erano gli anni 80 e 90) il primo caldo di marzo o aprile era una autentica via crucis. poi mi adatto. ma poi. vabbè, tutto sto preambolo per dire che oggi avevo la scarpadoro a Vigevano, una mezza bellissima, che due anni fu la mia seconda mezza in vita e l'anno scorso rappresentò il mio PB. non ho avuto una settimana riposante, anzi il suo esatto contrario. in più ho mangiato male, soprattutto ieri per zatopek, come non si deve mangiare il giorno prima di una gara. del caldo ho già detto, fatto stà che oggi sono partito abbastanza bene, ma al decimo km ho capito che non sarebbe stata una gran giornata. ai 10 ho girato in 56'34", più che decoroso. poi all'undicesimo ho visto il ristoro. io non mi fermo mai e poi mai a quel ristoro. ed invece mi sono fermato. e mi sarò fermato almeno 40 secondi. cioè, non ho preso un bicchiere d'acqua o di sali per berlo in corsa (che poi non ci riesco): no, mi sono proprio fermato. e quando sono ripartito ho capito che dovevo solo portarla a casa. corsa tra i 6'10" e i 6'20" al km. al ristoro tra il 15° e 16° altri 40 secondi buoni fermo. al 19° e 20° ho camminato un paio di volte. poi lo stadio si è avvicinato, ho raccolto le forze e il mezzo giro di pista l'ho fatto anche bello sostenuto, questa cosa naturalmente fatta a favore dei tanti fotografi che come sempre a Vigevano sono elemento caratteristico. alla fine anche sta volta mi è uscita fuori una traiettoria pazzesca: 21,24 km (di nuovo corsa più lunga della mia "carriera") fatti in 2 ore, 9 minuti e 38 secondi. male, ma non malissimo. tempo addietro una mezza così l'avrei fatta in cinque o sei minuti in più. però ho un pò di amaro in bocca. Vigevano è la mezza che amo di più. a pranzo ho mangiato spinaci, che hanno un loro perchè si sa (chissà se una mia lettrice ricorda) e due olive in croce. devo mangiare meno, se voglio fare meglio. ho chiamato mamma, per chiederle se quelli avanzati li dovevo buttare o se potevo mangiarli stasera. sarà stata contenta per il coinvolgimento! ora mi riposerei. cioè, mi riposerei un par di palle, ho il frigo vuoto! un abbraccio globale a tutte e tutti.

ps: comunque ho intenzione di raddoppiare. i km. oggi ci penso......

19 commenti:

  1. Mi sono guardato allo specchio e sto abbronzatissimo

    RispondiElimina
  2. Ma gli spinaci li hai presi freschi?

    RispondiElimina
  3. Mio caro Francesco, a parte le tue performance sempre egregie, caldo permettendo cibo permettendo, la cosa che mi sfugge che cos'hanno di afrodisiaco o miracoloso gli spinaci.
    Te lo chiedo con curiosità perchè io sono allergica....sarà per questo che ne ho sempre una e la mia salute traballa?
    Abbraccione della nottte

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. no, punto ad una gara di qualche km in più, ma che potrebbe essere necessario viatico per la distanza doppia.....

      Elimina
  5. Sei una bomba, altro che pippa runner.

    RispondiElimina
  6. vabbe. comunque è andata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Correre con il primo caldo non è mai facile. E comunque l'hai finita

      Elimina
  7. Gli spinaci non contengono ferro, è un falso mito, è una leggenda metropolitana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un errore di posizionamento della virgola in effetti.
      Però non è che proprio proprio non ci sia, solo che è molto più basso di quello che ci han spacciato per eoni.

      Elimina
    2. È il concetto che conta. La meccanica non l'interessa.

      Elimina
    3. finalmente qualcuno che parla con cognizione di causa.
      brava Clorinda :)
      stupitevi, ma contengono molto più calcio...per assorbirlo però, necessita di essere legato da un acido, quindi limone.

      Elimina
  8. > il primo caldo di marzo o aprile era una autentica via crucis.

    Penso che l'aumento sensiobile della temperatura provochi un abbassamento della pressione e quindi una perdita di prestanza e prestazioni fisiche.

    RispondiElimina
  9. Ogni tanto il frigo vuoto va bene: significa che si è finito il cibo e che nulla può diventare troppo vecchio.

    RispondiElimina
  10. Anche io soffro tantissimo il primo caldo.
    Non ho capito perché devi mangiare meno. Cioè, meno o meglio?
    Ele slogged (che non ho tempo ma devo recuperare gli ultimi 10 giorni)

    RispondiElimina