Visualizzazioni totali

domenica 2 aprile 2017

Relay Milano Marathon 2017, comunque una festa

sapete che non mi piace correre a Milano, sapete che non mi piacciono gli eventi mondani nel running. e la staffetta della maratona milanese è soprattutto un evento mondano. sulla distanza della regina gli iscritti erano 6.300, le staffette credo 3.000 (ovvero 12.000 partecipanti). io immagino cosa abbiano pensato i maratoneti degli iscritti alla relay, la cui stragrande maggioranza erano lì perchè in quanto legati a un discorso di sponsorizzazione ad una delle tantissime onlus collegate all'evento. e d'altro canto chi avrebbe speso 40 e rotti euro (a testa, se privati, alle aziende molto ma molto di più) per una corsa di poco più di 10 km? io non l'avrei fatta, ma la mia azienda (all'ultimissimo) è stata convinta da una onlus e ha schierato a malapena una staffetta, un pò mal arrangiata se vogliamo dirla tutta. questa mattina alle 8.35 ero già nei giardini di porta venezia. devo però dire che il clima non era male. insomma, non erano poi così mal amalgamati coloro nei cui volti era scolpita la tensione per la 42 rispetto a quelli che per un motivo o per un altro erano a correre alla bene o meglio. che poi attenti, so benissimo che c'erano delle staffette della madonna. chi ha vinto lo ha fatto in 2h16'27", vuol dire quattro frazionisti da 34' su 10,5 km medi. vuol dire essere degli atleti della madonna. io ero, per fortuna, il primo staffettista. primo errore, non ho fatto stretching (ma zero assoluto); secondo errore, sono partito troppo forte; terzo errore, ho dimenticato che non è che sono in formissima. a consuntivo, allo start - che si esce piano - vado come un matto. primo km a 5'17, terzo a 5'02" addirittura. da lì mi son detto che sono un coglione, ma che comunque si doveva andare avanti. la prima frazione poi è in centro. significa curve, pavè (o sampietrini), gente che ti tocca o che tocchi. all'ottavo, mentre salto un binario del tram, sento un piccolo risentimento al polpaccio. e pensando che ho appuntamenti runneristici molto più impegnativi, faccio il 9° e 10° a 5'58". all'undicesimo riaccelero giusto per recuperare e perchè sono preso dallo spirito di squadra. solo che in Pagano la calca è allucinante e noi abbiamo un numero di pettorale altissimo. avrò fatto 500 metri a zig zag, ma ma mi sa di più, a cercare il mio cambio, urtandomi non so quante volte con altri podisti. mi esce un undicesimo a 5'46", che non so come ho fatto a fare vista la condizione allucinante. alla fine la mia frazione esce di 11,12 km, fatti in 1h02'34", a 5'38" al km. insomma, la solita gara milanese dove vado al di sotto delle mie possibilità. ma ci sono state tante cose belle; in corsa, ho fatto un paio di km accanto a Christian Chivu (c'erano le staffette pure della fondazione Inter), già giocatore dell'Inter del triplete. l'ho raggiunto, l'ho salutato, gli ho toccato la spalla per dirgli "ehi Christian forza Inter". ma soprattutto dopo almeno sette/otto anni di frequentazione bloggeristica ho conosciuto Elena, visto che era anche lei era prima frazionista alla relay. ci siamo incontrati alla fine, in Pagano, visti i vani tentativi di partenza. era col marito (gliel'ho detto, guarda che tua moglie la conosco da più tempo io.....). e visto che abitano vicino al paese dove ha sede il mio gruppo podistico ho fatto anche un pò di sano proselitismo invitandoli ad iscriversi da noi. a proposito del mio gruppo podistico, c'erano anche loro, li ho visti prima, durante e dopo. mi è dispiaciuto tantissimo per Massimo, uno dei nostri migliori. la preparava da 4 mesi, a Treviglio ha fatto la mezza in 1 ora e 27, giusto per farvi capire a quanto va. solo che domenica scorsa ha sentito male all'anca. morale, il solito piriforme del cazzo. oggi è partito, ma dopo 5 km si è fermato. mi sono sentito male quasi quanto lui. quattro mesi di preparazione, sacrifici, tempo sottratto alla famiglia, tutti buttati. voleva fare Milano in 3h05", sarà per la prossima volta. per intanto di buono c'è che ha smesso di fumare. da pagano sono tornato indietro con uno del mio gruppo podistico, sono stato con loro (e anche loro in staffetta erano entrati tramite l'azienda), poi però sono andato ad aspettare l'ultima nostra frazionista (una ragazza) al traguardo. alla fine l'abbiamo chiusa in 3h52'12", neanche tanto male. abbiamo ancora perso del tempo allo stand della onlus, a mangiare, bere e fare un pò di foto in favore della pagine facebook dell'azienda, dopodichè me ne sono andato verso casa. ma prima di uscire ho incrociato Marvin Hagler (proprio lui, l'ex pugile, sapevo che c'era in una qualche staffetta di non so chi). "Hi, Marvin, how are you?". e lui "ciao amico!!). e insomma ragazzi, alla fine è stata proprio una festa in fondo😊

18 commenti:

  1. Hai dimenticato un sacco di cose... non è da te!

    RispondiElimina
  2. sicuramente l'incontro finale vale piu' del primo...Chivu prrrrrrrrr

    RispondiElimina
  3. Per essere una cosa che non volevi fare non é andata male...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, ma spero di non rifarla più......

      Elimina
  4. Eh niente. Più ti leggo e più penso che la competizione sportiva non mi apparterrà mai...

    RispondiElimina
  5. Certo che 40 euro sono tanti eh? Ma poi perchè saltate lo stretching? Non è tempo buttato e non ti viene spontaneo volerlo fare? Comunque, vedrai ora che hai smesso di fumare che fiato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È quello del mio gruppo che ha smesso di fumare

      Io ho smesso nel luglio 2013

      Elimina
  6. Bella festa!in tv ho visto qualcosa, ma tra Milano e Roma non hanno fatto un bel servizio.

    RispondiElimina
  7. "Degna di nota l’impresa dello sceneggiatore e scrittore Folco Terzani che ha completato il percorso della maratona a piedi nudi."
    (fonte: http://milanomarathon.it/it/press/news/)

    RispondiElimina
  8. Finalmente Franci!!!!!
    Ci sono voluti anni ma ce l'abbiamo fatta!!
    Cmq confermo, te ne sai più dell'interista!!! :) :)
    Alla prossima!!

    Elena

    RispondiElimina
  9. non ti fermi mai, bravo!.. hai visto che aria milanese con il Fuori Salone?..

    RispondiElimina
  10. Io l'ho fatta due volte.e mi sono divertito come un matto. Dai che non è male e tu hai fatto la frazione più bella.

    RispondiElimina
  11. Correre ha anche una dimensione sociale, per quanto possa essere considerato uno sport individuale.

    RispondiElimina