Visualizzazioni totali

martedì 16 maggio 2017

km, a vario titolo

ieri mi sono sparato qualche centinaio di km in auto. e di cose ne ho fatte, lavorative e personali. alcune cose sono andate bene, altre meno. ma alle cose bisogna dare importanza relativa. a tutte le cose, a quelle in particolare. ad un certo punto mi arriva un messaggio whatsapp dove, fatte alcune debite considerazioni, mi si dice che ho tutti i diritti di mandare lei (quella persona) affanculo. ho sorriso, nell'abitacolo della mia auto in una autostrada deserta, e ho pensato (e subito dopo scritto) che la mia considerazione è tale da impedirmi, senza se e senza ma, l'utilizzo di questo improperio. detto ciò, ieri sera sono tornato a casa non prestissimo, ma questa mattina alle cinque ero già sveglio. ho provato a riaddormentarmi, ma non c'è stato verso. la sveglia avrebbe comunque suonato da lì a breve. perchè questa mattina c'era da correre. partenza alle 6.55, pare già con 15 gradi. ho già capito che d'ora in avanti e per un pò di mesi quella sarà l'unica ora in cui fare qualcosa di decente. gente che correva ce n'era tanta come al solito. mi sembra di poter dire che ci fosse anche bella gente, intesa come bei runner. l'obiettivo in scarico era fare tra gli 8 e i 9 km, e anche abbastanza blandamente. invece qualche km un pò più sostenuto mi è uscito fuori, tipo un 7° km a 5'18". ah, visto che mi sono alzato presto, questa volta ho fatto pure colazione: thè, marmellata e biscotti. mentre correvo pensavo al fatto che domenica a buccinasco potevo fare meglio. c'era lo spazio per impiegarci 2 o 3 minuti in meno. non averlo fatto alla fine mi spiace, anche se come detto nel precedente post non avrebbe spostato nulla, ma forse invece si. mentre correvo pensavo anche ad una telefonata fatta ieri sera, intorno alle 22.15, che ogni tanto sembrava che l'interlocutore fosse a brisbane e invece non era così. comunque alla fine ho percorso 8,70 km (lo so, è una distanza strana, questa mi è uscita fuori), in 48'26", a 5'34" al km. almeno 8/10 sec/km in meno del preventivato. dopo la doccia ho ascoltato un brevissimo messaggio vocale whatsapp. un augurio di buongiorno che viene da lontano. eppure così vicino e nel contempo leggero, anche nella sua musicalità. stasera si va a sentire levante. carramba che sorpresa, due concerti in una settimana. solo che domattina mi devo alzare prestissimo. e questa volta i km saranno veramente tantissimi. un abbraccio a tutte e tutti, globalmente.

6 commenti:

  1. Questa mattina ho sofferto il caldo, sul serio. Sono tornata a casa che ero un bagno di sudore. Non so se anticipare ancora il mio orario di uscita o continuare così fin quando possibile.

    RispondiElimina
  2. Secondo me la sensazione di poter mandare a quel paese una persona e non farlo ti da un senso di libertà assoluta.
    Sapere di non cedere al peggio.
    È liberatorio e da un senso di potere.

    (Ktml)

    RispondiElimina
  3. Il margine per i due o tre minuti lo sfrutti la prossima volta (sì, anche se non é da te pensarla così, ma usalo come incentivo a fare meglio)

    Brisbane 😂

    RispondiElimina
  4. Io vengo svegliata ad orari impossibili dal gatto che vuole uscire. Sono contenta che venga il caldo.

    RispondiElimina
  5. Eppure i messaggi vocali non li digerisco ancora...

    RispondiElimina