Visualizzazioni totali

venerdì 16 giugno 2017

simbologia dei numeri

ci sono notti in cui si dorme poco per rabbia e cattivi pensieri e notti in cui si dorme poco ma grazie all'appagamento che ti ha consegnato la giornata precedente sei fresco e riposato. oddio, col caldo che c'è in questi giorni fresco direi di no, ma riposato di certo. ciò detto, questa mattina non è stato particolarmente faticoso svegliarsi prima delle sei, fare una colazione abbondante per i miei tipi ed essere pronti alle sei in punto per correre sulla martesana. per chi non lo sapesse, io parto a circa 300 metri dal vecchio ponte di ferro di melchiorre gioia. in quel punto la martesana si interra, da una parte il parchetto, dall'altro la cassina de pomm con l'antico caffè della martesana. un luogo bellissimo, ogni volta che sono lì è difficile pensare di essere a milano. ma venendo a noi, partire alle sei era necessario. c'è troppo caldo di giorno e di sera. e anche al mattino non si scherza, visto che sono partito con 22°. sono partito presto perchè avevo un obiettivo. ce l'avevo da ieri sera, quando ero sul divano a prendere il refrigerio del ventilatore, che è stato un pò la costante della giornata. si è runner se si ha obiettivi, non se si corre oltre una certa soglia cronometrica o di distanza. il mio obiettivo era fare 11 km. 11 km secchi, non un centimetro di più, non un centimetro di meno. non importa a quale andatura, ma fare 11 km. e li ho fatti, quegli 11 km, in 1h03'23", a 5'46" al km. che in fondo è anche una discreta andatura per il periodo. la vita scorre meglio quando si raggiungono gli obiettivi. ti è più facile agguantare i traguardi successivi. e comunque vada è una vita di successo e di successi. adesso mi aspetta una giornata impegnativa e lunga. ma so che l'affronterò con tanta serenità.

6 commenti:

  1. Un luogo a cui sei molto legato, la Martesana

    RispondiElimina
  2. Mi piace sempre molto come parli dei tuoi luoghi.

    RispondiElimina
  3. Io Fra non dormo un tubo in queste notti. Ho dormito l'altra sera giusto perché ho preso una valeriana. Stasera mi sa che bisso perché non ne posso più di stare sveglia, alzarmi in continuazione e via dicendo.
    Ps= adoro i tuoi obiettivi. Io oggi sono uscita che stavo a pezzi (dolori mestruali, pressione arteriosa da schifo, caldo torrido, pensieri in testa) ma alla fine ho portato a casa 8 km che schifo non fanno. Baci.

    RispondiElimina
  4. Accipicchia a me viene caldo solo a leggerti!però mi pare di sentire già una brezza di venticello, lì tra gli alberi e i fiori lungo la Martesana.

    RispondiElimina
  5. Odio l'estate, e no, non sto parlando di quella raffinata canzone di Bruno Martino. Devo ammettere che ho odiato molto anche l'inverno e non è neanche la prima volta che mi capita negli ultimi anni, solo che l'avversione nei confronti dell'estate ce l'ho da sempre. È una sicurezza.

    RispondiElimina