Visualizzazioni totali

lunedì 25 settembre 2017

dalle 04.00 alle 18.30

questa mattina sono andato a correre. sai che novità direte voi. e più o meno, aggiungo. ieri pomeriggio dai miei ho fatto una pennica di un'ora, come mi riesce solo lì. il letto adolescenziale è comodo un terzo del mio, ma sarà l'ancestralità del luogo fatto sta che si ronfa alla grande. questo vuol dire che rientrato a casa non è che avessi esattamente sonno. insomma, sono andato a letto a mezzanotte e un quarto. ma una serie di sogni dei miei a partire dalle 04.00 hanno turbato il sonno. alle 5.45 non ho più preso sonno, alle 6.45 ero già pronto a correre - al buio - sulla martesana. solo che stamattina il garmin ha fatto le bizze. io sono certissimo di essere partito forte, ma il primo km me lo ha passato a 6'. lo stesso dicasi per alcuni km successivi. insomma, alla fine ho ufficialmente fatto 10 km in 56 minuti, ma io sono convintissimo di aver fatto più strada (sapete che ormai conosco il mio naviglio a memoria). e comunque, che siano stati 10 km o di più, questa mattina ho faticato. sono andato avanti con la consueta forza di volontà, che è fondamentale nella pratica sportiva nonchè nella vita.
e i sogni? terribili, credetemi. due sogni, per l'esattezza. la costante è un buio profondo, la notte, l'assenza di luci. nel primo sogno cammino al bordo di strade abbastanza strette, tipo quelle che c'erano al paesello dove abitavo prima di venire a milano. passano tante auto, e c'è il rischio di essere investiti. mi pare ci sia la mia mica A., e tanti animali selvaggi intorno a me. nel secondo sogno c'è sempre il buio, e sto accompagnando due ragazzi sui 12/14 anni in una di quelle ville al lago dove mi capita di andare. dietro questi ragazzi c'è la mamma, separata dal marito, che mi ringrazia per la cortesia. vado per uscire dalla villa e mentre schiaccio il pulsante del portone mi si attacca al corpo (non si può definire un assalto ma un appiccicamento) una scimmia. ma sento altri animali intorno a questa scimmia, sicuramente dei cani. a quel punto mi sveglio e, come detto sopra, non prendo più sonno.
questa mattina siamo stati cazziati alla nostra riunione del lunedi. e direi che è stato giusto, presentiamo numeri di merda, e l'estate ci ha fatto arretrare notevolmente. non mi piace fare brutte figure. non ho da dire più molto al lavoro, ma io per primo dovrei mettere più determinazione, più cattiveria. il punto è che la cattiveria, forse, non ce l'ho più. posso cercare alibi, scuse, giustificazioni, ma non è nel mio carattere, proprio no. aver fatto bene, tanto bene, in passato non vuol dire una minchia. e capisco chi, soprattutto se giovane, è armato dal sacro fuoco dell'adrenalina. ti fa sentire vivo, so cosa significa. vabbè, vado a vedere se la pentola bolle. buona serata amiche ed amici.

17 commenti:

  1. Guarda, secondo me è proprio la pentola che bolle a doverci far sentire vivi. Non il lavoro o l'adrenalina che deriva da questo.
    Quanto ai letti, da stasera per qualche giorno anche io dormirò nella mia vecchia cameretta della casa dei miei. E ci si dorme bene :)

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Anch'io dai miei dormo da dio, forse anche la presenza di mia sorella nel letto accanto, chissà

    RispondiElimina
  3. La settimana scorsa ho sognato due volte ed io non me li ricordo mai.

    RispondiElimina
  4. Che sogni strani: buio, donne e animali! Ma per terribili intendi che li vivi con angoscia?

    RispondiElimina
  5. Io ormai esco verso le 7:15. Fino ai primi del mese uscivo presto ma poi col buio...meglio di no.
    Sogni ne ho fatti anche io ma non li ricordo. Bacioni.

    RispondiElimina
  6. hai bisogno di cambiar lavoro.. nuovi stimoli..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma figurati, a 50 anni chi mi dà lo stipendio che prendo ora.... e come se fosse meglio nelle altre aziende.... gli stimoli li cerco altrove....

      Elimina
    2. si lo so, x cambiare mantenendo gli standard anzi migliorandoli, o devi essere molto appetibile.. o disposto a trasferirti all'estero..

      Elimina
    3. E ci sarebbe altro da dire dal punto di vista economico ma meglio tacere

      Elimina
  7. Io ammiro molto chi fa lavori come il tuo, o come immagino sia, dalla tua descrizione. Vi ammiro perché io non ne sarei mai capace. Non ho lo spirito da leader, non ho quella cattiveria necessaria per "dare ordini", ho poco ardire e faccia tosta. Insomma, mi trovo molto meglio nelle retrovie.

    Però concordo su una cosa: conta sempre e solo il presente in certe dinamiche. Mai ciò che si è stati o si ha fatto.

    RispondiElimina
  8. Fare a meno dell'adrenalina. E' il mio obiettivo.

    RispondiElimina
  9. Non barare col Garmin... c'ha sicuramente ragione lui.. poi era pure buio.. ;)

    RispondiElimina
  10. Si mio caro, spesso involontariamente il tempo ci cambia, poco tanto chissà , e anche spesso non avvertiamo questo camabiamento.
    E' bene , male ..non so....
    Io penso di essere migliorata..ma devono dirlo gli altri..
    Questi sogni, anch'io ne avevo dei ricorrenti una volta...Ti piacciono gli animali o no? Ne hai paura o no?
    Fammi sapere
    Baciotto

    RispondiElimina
  11. Noti correlazione con quello che mangi a cena? Io se mangio poco a cena sogno moltissimo...

    RispondiElimina
  12. cosa bolle in pentola?

    RispondiElimina