Visualizzazioni totali

domenica 10 settembre 2017

Mezza di monza: quattromila eroi e un runner soddisfatto

il meteo ci azzecca sempre, ma sbagliare di qualche ora può essere un problema. fino a venerdi era prevista tanta pioggia per sabato, pioggia debole oggi. per me cambiava e anche molto, visto che questa mattina avevo la mezza di monza che, per quanto era da me considerata un allenamento, volevo farla nel miglior modo possibile. perchè noi runner siamo bugiardi, diciamolo. non è scaramanzia, è proprio raccontare balle: sullo stato di forma, sulle attese, su tutto quanto ruota intorno alla gara. poi monza, piaccia o no, è monza. ci sono, ci siamo tutti. sarà la partenza dall'autodromo, il cambiarsi nei box della F1, la corsa dentro il parco, il fatto che è la prima gara seria dopo le vacanze, ma questa mattina a monza ho visto tantissime conoscenze runneristiche (e ringrazio la mia amica triatleta per avermi portato il sacco bianco dell'immondizia che a mò di preservativo ho indossato fino allo start). e io verso monza avevo un credito. due anni fa, quando ero pippa runner come adesso ma ero anche oltre modo poco saggio, mi presentai a monza totalmente impreparato. la pioggia che arrivò dal 10° km fece il resto. arrivai al traguardo, ma ricordo in un tempo vergognoso, con tanti km fatti camminando anzichè correndo. però il meteo.... ha toppato alla grande. ieri la pioggia è arrivata solo di sera, e neanche particolarmente intensa. oggi semplicemente il diluvio. una roba incredibile. nel box con gli altri del mio gruppo non sapevamo se uscire o meno (ed infatti due maratoneti che si erano iscritti per la 30 alla fine hanno fatto la 10). alla fine, con quasi mezz'ora di ritardo, siamo partiti. beh, devo dire che mi è piaciuto un casino. tornare a sentire lo speaker, i coriandoli in aria, la suggestione della partenza come se fossimo in F1. insomma, la pioggia non la sentivo più. l'unica cosa che volevo fare era andare, correre, punto. mi sentivo bene, anche se non c'erano per le condizioni per fare bene! ho girato a 28'24" ai 5, in 56'50" ai 10. regolarissimo. fino ai 14 sono stato dietro ai pacer delle 2 ore. ed ai 15 ero in poco più di 1h25'. non mi sono mai fermato, sono riuscito ad affinare la tecnica del rifornimento in volo, prima con una bottiglietta d'acqua poi quasi al traguardo con un bicchiere di sali. dai 16 ho iniziato a sentirla però. peccato, ero ad un ritmo che mi avrebbe permesso di fare la mezza in due ore. ma ho fatto subentrare la testa. quella che dice che bisogna arrivare comunque al traguardo e correndo. ho rallentato (anche perchè non si poteva fare diversamente) girando sopra i 6' al km. in modo particolare il 20° (6'37"..... mah....), anche se fa testo fino ad un certo punto, perchè con un tunnel allagato ci hanno fatto passare per un ponte di ferro scivolosissimo. l'ultimo km è stato quello dell'ingresso in pista. e anche se la birra era finita, il traguardo ha fatto raccogliere le ultime energie. e tagliato il traguardo ho esultato. pazienza se il real time è 2h03'30", ovvero 5'51" al km. ho fatto di meglio in passato e farò sicuramente di meglio nei mesi più freddi. gara di allenamento doveva essere, gara di allenamento è stata, ma comandando io. 21 km senza fermarsi è il minimo sindacale che devo fare se voglio arrivare ai traguardi previsti più avanti. oggi sono un runner (un pippa runner) soddisfatto, stanco ma soddisfatto. io amo correre, perchè correndo si va avanti.

13 commenti:

  1. ah dimenticavo.... a monza corrono runner importanti. sapevo che nella 30 c'era sara dossena. il percorso era lo stesso ma, qui parliamo di una top runner di valore assoluto. a qualche km dal traguardo mi ha superato. cioè, io ho visto passare un culo perfetto e uno slancio notevole, ho letto il suo nome sul pettorale e ho urlato "vai Sara !!!!!" :-)

    RispondiElimina
  2. Come mi piace sentirti raccontare le tue avventure di runner, così metro per metro , km per km mi sembra di esserci anch'io, e io so quanto vorrei poterlo fare anche solo camminando,invece immagino e sogno e sognare è sempre bello.
    Tu mi regali questa opportunità.
    Buona domenica..mitico!

    RispondiElimina
  3. L'importante è arrivare soddisfatti, nonostante tutto...

    RispondiElimina
  4. Ieri c'era il diluvio un po' ovunque. Ho incontrato una gara ciclistica lungo la strada, con questi uomini che letteralmente andavano in bicicletta su un asfalto ricolmo di acqua e di fango. E l'acqua continuava a scendergli addosso, a secchiate. Ho avuto stima di loro, ma ho anche pensato che fossero un po' folli. In senso buono.
    Baci.

    RispondiElimina
  5. E' bello ritornare di tanto in tanto e trovarti sempre di corsa :) Lo sai che ho iniziato anche io? Ancora niente garmin, però...

    RispondiElimina
  6. complimenti per la gara di allenamento!

    RispondiElimina
  7. E ora sotto con i prossimi obiettivi.

    RispondiElimina
  8. Fra l'altro a correre i 10 km c'erano Anna Incerti e Valeria Straneo, arrivate prima e terza! E ho visto un filmato proprio su Monza con un corridore, quello di testa credo, che passava sotto un cavalcavia con l'acqua quasi in vita!
    Complimenti per la grinta, è davvero bello leggere post come questo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, era Mandelli, quello che ha vinto la mezza maschile

      Elimina