Visualizzazioni totali

mercoledì 13 settembre 2017

quattro

mi trovo a casa in pausa pranzo. questo perchè nel pomeriggio ho degli appuntamenti che praticamente cominciano non tanto lontano da casa mia. il primo sarà una roba da ragazzini, ed è curioso che un uomo fatto e finito a 51 anni, con una certa posizione per giunta, faccia una roba del genere. ma il segreto del successo, o se vogliamo della sopravvivenza, parte dal saper fare (e dal voler fare) tutto, senza vergognarsi di alcunchè. mia figlia sembra aver capito il concetto di fondo, e ieri sera mi ha detto che sta facendo un ragionamento (che condivido) molto pratico sul suo futuro. c'è arrivata da sola, senza essere imbeccata. mi piacerebbe pensare che è grazie all'esempio, ma non diamoci più importanza di quello che è.
essendo andato a letto non presto, questa mattina la sveglia delle 6.15, messa per andare a correre, è stata una mazzata. ma faceva freschino (gran cosa), e quando sono sceso mi son detto che avrei fatto 10 km possibilmente a "tutta birra" (virgolettato sempre d'obbligo). beh, mi è riuscito. a parte il primo km, tutti passaggi interessanti. dando il massimo, ma non il supermassimo. passaggio ai 5 km in 26'41", secondi 5 km di poco più lenti. alla fine 10,01 km in 53'59", 5'24" al km. alla fine ero stra soddisfatto, ed anche pieno di energia. che mi ha accompagnato nella mattinata e sono certo proseguirà nel resto della giornata, che sarà lunga.
sembrano definitivamente risolti i problemi con A. è bastato un niente per fare una telefonata lunga 40 minuti, come se niente fosse successo. mi manterrò prudente, e disponibile. ma disponibile lo sono sempre stato dai. anzi, forse anche troppo.
infine, ho sempre detto che non ho mandato per risolvere i problemi dell'umanità. e neanche degli altri, che già faccio fatica con i miei. però la bacchetta magica mi piacerebbe per e su una cosa. buon proseguimento di giornata a tutte e tutti.

10 commenti:

  1. Certo che è anche merito dell'esempio. Tu ascoltala e annuisci, che mai abbia l'impressione di assomigliarti (ci assomigliano ovviamente, ma è troppo presto per riconoscerlo)...

    RispondiElimina
  2. Alcune scelte puoi rimpiangerle a vita, come anche il contrario.

    Se trovi un negozio che vende bacchette magiche trovane una anche per me

    P.

    RispondiElimina
  3. sono assolutissimamente invidiosa della tua costanza nella corsa... sarà perché io cado un pochino sul fattore forza d'animo vacca gallina...
    mi sveglio pure alle 6:15, pure prima e senza sveglia, ma andare a correre... mmmmh

    RispondiElimina
  4. Tua figlia è una ragazza intelligente. Tale padre tale figlia?

    RispondiElimina
  5. Mitico, ti rispondo qui: ho una venerazione per l'atletica ma specie per i fondisti e i marciatori da quando nel 1995 il signor Didoni ci regalò ai mondiali un oro nei 20km tacco-punta. Seguo blandamente anche l'Ironman. E su facebook seguo la gang degli Atleti disagiati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e chi non segue la gang degli atleti disagiati su facebook ??? :-)

      Elimina
  6. A me non farebbe schifo neanche la lampada magica con i tre desideri.

    RispondiElimina
  7. Mi fa sempre piacere e ti stimo anche per questo quando parli con"sottocoperta" delle tue cose, con modestia, prudenza e delicatezza. Forse perchè io non sono così, e sai quanto a volte vorrei esserlo.
    Si corre meglio vero senza quell'afa opprimente e ti sento soddisfatto per questo ed altro.
    Un abbraccio grande

    RispondiElimina
  8. Che tu vada a ritroso mi onora e basta, anzi credo di aver scritto cose molto carine in passato anche se nei primi mesi il mio blog era monotematico.

    Nel 2011 pesavo 5-6 kg in più che in quella foto, ma avendo anche i capelli corti mi vedevo enorme.

    RispondiElimina
  9. blogspot si mangia i mie commenti..

    RispondiElimina