Visualizzazioni totali

lunedì 2 ottobre 2017

Torino Half Marathon, forse più occasione persa che buon risultato

non amo gareggiare a torino, mia città di provenienza. nelle due occasioni precedenti (ma dall'ultima son passati quasi 2 anni) ho fatto così così. però qualche settimana fa avevo scoperto che la torino half marathon partiva da rivoli, ovvero laddove abitano i miei genitori, quindi si può dire a casa. ho aspettato fino all'ultimo a iscrivermi, perchè non ero certo di passare questo fine settimana a rivoli. una volta sicuro, ho mandato mercoledi mia figlia ad iscrivermi, visto che non era praticamente più possibile farlo col bonifico. sabato mattina ho ritirato il pacco gara e il pettorale, e ho pensato che c'erano le possibilità per fare bene. per tante ragioni: le condizioni climatiche, il fatto di essere a un paio di km dal gonfiabile di partenza, ma soprattutto la consapevolezza che dalla partenza ci sarebbe stato quasi metà percorso in leggera discesa (anzi, nei primi 4, 5 km in decisa discesa). sono arrivato abbastanza presto al luogo di partenza. organizzazione un pò raffazzonata, benchè siano gli stessi che tra quattro settimane presidieranno la maratona di torino, tanti runner dalla faccia cazzuta (sempre detto, lo sapete, che i runner torinesi sono più tosti di quelli milanesi), i soliti dieci keniani importati dalle società italiane che arrivano mezz'ora prima e che poi arriveranno al traguardo correndo a 3' al km. partenza con 10 minuti di ritardo, ma soprattutto partenza a razzo. primo km fatto in 5'03", tanto per dirla. dopo circa un paio di km cerco di capire se, come promesso, ci sono i miei a vedermi passare. ci sono, ma non mi vedranno mai, solo a fare la mezza senza gli staffettisti siamo in 1.200. alzo il braccio, li saluto, applaudono contenti. il percorso non è fantastico. i sette km di corso francia sono sì in discesa ma dall'altra parte passano auto e autobus. peggio mi sento in corso marche, ma l'apoteosi è in corso regina, una arteria a tre corsie dove semplicemente, per quasi un km, hanno isolato la corsia di destra, con le auto che sfrecciano a fianco. questo è il motivo per cui non amo le gare in città (che non significa solo torino o milano, una roba del genere l'ho provata pure a piacenza). ai 10 giro bene, 54'34". entro bene anche dentro la pellerina, pur in leggera salita. ho nelle gambe la possibilità di scendere nuovamente sotto le 2 ore. ma è in corso lecce, intorno al quindicesimo che vado malino. ma recupero, ai 17 sono sotto l'ora e 36. posso farcela. invece patisco maledettamente l'ingresso in centro, il pavè di porta palazzo e una via del cazzo dentro il quadrilatero dove ancora un pò una cogliona in bici mi viene addosso. ma soprattutto patisco via pietro micca (fatta andata e ritorno) e piazza solferino, tra buche e rotaie del tram. tutti km fatti sopra i 6'. niente propositi bellicosi, devo arrendermi. infine vedo che la mia linea è di 100 metri superiore alla distanza. all'ingresso in via roma recupero le forze ed accelero. a pochi metri dal traguardo vedo mia sorella, praticamente mi metto ad angolo retto per permetterle di farmi una foto in corsa. taglio il traguardo dopo aver fatto per il mio garmin 21,2 km in 2h02', a 5'46" al km. occasione persa, diciamolo, in quei 4 km finali ho lasciato un paio di minuti, anzi persin di più. mi consola poco essermi migliorato rispetto a monza di un minuto e mezzo. ristoro di fine gara penoso, c'erano solo acqua e arance, zero sali che sono fondamentali. amen, la cosa positiva è che continuo ad essere relativamente poco provato a fine gara anche nelle distanze lunghe, e questo è bene. detto ciò, buon inizio settimana a tutte e tutti.

9 commenti:

  1. Comunque un buon allenamento

    Buon inizio settimana a te

    RispondiElimina
  2. Insomma, organizzato come il cazzo. Fino al ristoro finale.
    Però, come dice Pippa, per te un buon allenamento^^

    Moz-

    RispondiElimina
  3. allenamento x la Deejay Ten?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io non sono più un runner da deejay ten 😁😁😂

      Elimina
    2. si legge, 10km te li mangi 👍

      Elimina
  4. Stavo scrivendo: ciao e buon FINE settimana anche a te.

    Ecco.
    A questo punto la regia fa uno stacco nel montaggio, opta per una inquadratura allargata dove si vede ancora la protagonista che rimane frontale, ma ormai è in secondo piano. Secondo stacco nel montaggio con titoli di coda su fondo nero.

    Ed anche oggi ho dato.

    RispondiElimina
  5. Non sempre può andar bene. Di sicuro l'impegno non ti manca.

    RispondiElimina
  6. Il risultato può essere visto positivamente proprio in vista di tutte queste difficoltà, a cominciare dalla durezza della parte finale del percorso!

    Nella mia unica "gara", una 5k non competitiva vinta da un trentenne con pitbull, il ristoro offriva acqua, banane e mele!!!

    RispondiElimina
  7. E dici poco ? Arrivi senza essere provato. Vuol dire che nelle gambe ce l'hai
    Forse devi essere solo più convinto

    RispondiElimina