Visualizzazioni totali

sabato 18 novembre 2017

back to the past

vi ricordate di quando giocavo a calcetto al mercoledi sera? capitava che dopo si andasse a cenare fuori. io ero della scuola di pensiero che la cena del dopo calcetto doveva essere urfida ed economica. scoprimmo nella periferia che più periferia non si può un ristorante dove: a) non funzionava mai la linea del pos. b) si mangiava in quantità industriali. c) il prezzo lo facevamo noi. sul blog era soprannominato "il ristorante improbabile", e poteva succedere che dopo aver cenato lì prima delle tre non prendessi sonno, tanto erano sbarrati gli occhi a guardare il soffitto. oggi ho accompagnato un collega, tra l'altro di quelli del calcetto, a ritirare l'auto dal meccanico lì in zona. e gli faccio "ma se andiamo a mangiare al ristorante improbabile?". detto fatto, ed ecco servito il ritorno al passato. risotto zafferano e salsiccia, petto di pollo con verdure grigliate, due quartini di vino, una bottiglietta d'acqua e caffè, al modico prezzo di euro 10. ci siamo anche fatti una foto per immortalare il momento. l'ho messo come mio stato di whatsapp e l'ho mandata a tutti quelli del calcetto. 
questa sera mi sono visto le due ultime puntate della IV° stagione di "the last ship", che in italia non sono ancora arrivate. trattasi di sci-fi catastrofista, nel nostro pianeta sono morte per una pandemia circa 5 miliardi di persone, e anche quelle sopravvissute non se la passano tanto bene. ma ci pensa il cacciatorpediniere "nathan james" della marina degli stati uniti ogni volta a salvare l'umanità. sono tutti molto belli e assolutamente muscolosi, sia gli uomini che le donne. di base preferisco le donne, chissà perchè. queste serie danno dipendenza. è prevista certamente una quinta stagione, in predicato la sesta. non mancherò all'appuntamento.
chi dice che la bellezza è soggettiva sbaglia. già, è assolutamente oggettiva, seppur non associabile a canoni estetici definiti. ho avuto donne, nella mia vita, maggiorate piuttosto che piallate. eppure qualcosa in comune lo avevano. anzi, anche più di qualcosa. ieri sera il mio amico A. mi ha detto che ha scaricato la tipa conosciuta un paio di settimane fa. da come mi ha detto, direi che ha fatto bene. l'ho sempre detto, chi trova un partner con cui sta bene, anche solo in parte, se lo tenga. che quello successivo 90 su 100 sarà peggio, 10 su 100 ben peggio.
non ho comprato il gps nuovo. perchè sento di non meritarmelo, visto come cazzo sto correndo per adesso. stasera sono uscito intorno alle sette meno un quarto. per carità, il pranzo si è fatto sentire, così come la settimana che si chiudeva. però si poteva fare di meglio. mezz'ora di corsa per fare 5,4 km (5'39" al km), 1,2 km di defaticamento, poi una ben riuscita serie di ripetute, una 6x250 metri con neanche tantissimo recupero (4'37" al km), poi un altro km di defaticamento. 9 km tondi tondi. se mio papà mi ha iscritto oggi alla gara domenica si fa una bella 10 km con 3 km di salita mica da ridere. per intanto direi che possiamo andarcene a dormire. buona notte e buon fine settimana a tutte e tutti. vi lascio con alcune delle protagoniste femminili della sci-fi di cui sopra. possono piacere o non piacere, fate voi.



5 commenti:

  1. Me lo ricordo eccome il ristorante improbabile :) felice tu ci sia tornato.

    RispondiElimina
  2. Ci sono persone oggettivamente belle

    RispondiElimina
  3. Dieci euro! ..ristorante Incredibile più che Improbabile.. a Piazza di Spagna tra un po' ci prendi il caffè al tavolo con dieci euro.. ;)

    RispondiElimina
  4. Ma come oggettiva??? Sai quante volte mi capita di dire ad un'amica che qualcuno è un "bell'uomo" e quante volte non andiamo per niente d'accordo????

    RispondiElimina
  5. Io non riesco a vedere la tv, mi annoio, mi viene sonno, etc. a parte Borghese che seguo da un po'di tempo, ma è un tipo di programma che non richiede attenzione.

    RispondiElimina