Visualizzazioni totali

giovedì 23 novembre 2017

farsi venire la voglia di correre, la mia ex, un sogno dei miei

cominciamo con la parte runneristica, come dovrebbe sempre essere. stasera non avevo voglia di correre. oggi mi sentivo un pò ciancicato ed indolenzito. pur avendo dormito, ho passato la mattina con uno sonno pazzesco, che solo a pranzo sono riuscito a debellare. però siamo a giovedi sera. se va bene, e non è neanche detto, se ne parla domenica per correre nuovamente. e quindi via di forza di volontà. mentre rientravo a casa in auto ho visto che la temperatura era di 12°. ho fatto un rapido calcolo, e ho pensato che sulla martesana ci sarebbero stati 8, 9°. e mi son detto che stasera avrei corso in pantaloncini. ma non quelli al ginocchio. no, quelli da atletica, quelli proprio sotto la chiappa. e poco prima delle sette ero pronto per partire, facendo il giro largo per imboccare la martesana da melchiorre gioia con già più di un km alle spalle. diciamolo, questa cosa di correre a fine novembre abbastanza "leggero" mi piace un casino. mi sembra una prova nella prova. le gambe nonostante l'uscita di ieri mattina le sentivo bene. anzi, l'impressione era che andassi forte. sensazione però non confermata dal garmin, devo dire. ma l'attendibilità del mio gps ormai è quel che è. al ritorno, verso casa mia ad un certo punto ho visto che non scorreva più la distanza. all'ultimo km ho pure accelerato, ma mi è uscito fuori un 5'39" onestamente un pò improbabile. vabbè, alla fine ho fatto poco più di 10 km in 57'47", o così sembra. di massima soddisfazione. a cena ho mangiato scamone al pepe verde, di ulteriore soddisfazione, e due dico due mele. ed ora sto ascoltando il disco di morrissey.
ieri sera, siccome non avevo voglia di farmi da mangiare, ho proposto al mio amico A. di andare a mangiare la pizza, e naturalmente lui non si è fatto pregare. altrettanto naturalmente al solito posto, sia mai che le tradizioni vengano a cadere. arrivo al centro commerciale, ma essendo in anticipo decido di andare a fare bancomat ai piani di sotto. scendendo le scale mobili la vedo in basso nel senso opposto, la mia ex di tanti anni fa. quasi sette anni insieme, quasi sei di convivenza. ci incrociamo, la guardo ma non le dico nulla. anzi, mi giro dall'altra parte, per far finta di non vederla. che magari anche lei ha fatto la stessa cosa. pensieri? uno solo: mi sembrava una vecchietta. suonerà scorretto, forse ingiusto, che quando ci siamo messi assieme aveva 32 anni ed era giovane. ma quello ho pensato. ah no, ho pensato anche ai link della sua pagina facebook che mi mandano i cosiddetti "amici comuni" che tanto comuni non sono visto che sono rimasti amici miei. quelli in cui professa il suo amore per i cani in genere, per il suo cane in particolare, lei che dieci anni fa degli animali avrebbe fatto un immenso falò. 
questa notte ho fatto un sogno dei miei; ero in una stazione ferroviaria del nord europa, tipo svezia o norvegia. non sono solo, sono con un amico. devo comprare due biglietti del treno, per me e per lui. vado alla biglietteria, l'addetto è il classico scandinavo, biondo e occhi chiari. gli parlo in italiano, lui capisce benissimo ed anzi mi risponde in italiano. esce dal suo gabbiotto e ci racconta perchè conosca l'italiano. ci dice anche altro, ma io non ricordo.
dicevo, sto ascoltando il disco di morrissey. non all'altezza dei due singoli di cui vi ho parlato. in copertina un ragazzo con la scritta "axe the monarchy". il quasi mancuniano non si smentisce. buona notte amiche ed amici, al prossimo post.

9 commenti:

  1. ma che cavolo di sogno è?

    RispondiElimina
  2. il treno e le stazioni sono un segno.
    ma saranno arrivi o partenze?

    RispondiElimina
  3. Io l'avrei salutata! Scamone al pepe verde, sbav!

    RispondiElimina
  4. Anche io l'avrei salutata. Sei un signore, fai il signore.
    Baci.

    RispondiElimina
  5. Io mi sarei comportata proprio come hai fatto tu. Ma quali saluti, ma vaffanculo e basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti. Tu capisci sempre tutto....

      Elimina
  6. La mi ex moglie penso di poterla anche salutare se la incontro. Altre ex proprio no. Mi stragiro dall'altra parte..

    RispondiElimina
  7. Io se incontrassi il mio ex proprio faccia a faccia maledirei di non avere a portata di mano un forcone xD
    Comunque una volta sola, in diversi anni, mi è successo di rivederlo ed ho assolutamente cambiato strada (mentre la madre mi guardava con gli occhi spalancati manco avesse visto il diavolo xD)

    RispondiElimina
  8. Ho due ex fidanzati (d'altronde i coglioni son quasi sempre a coppie) e mi da fastidio anche solo se sanno che sono ancora viva. Neanche ho girato lo sguardo ritrovandomeli nel campo visivo, ho solo tolto la messa a fuoco.

    Dopo l'eliminazione dell'Italia dal Mondiale da parte della Svezia, uno scandinavo collaborativo non guasta.

    RispondiElimina