Visualizzazioni totali

giovedì 2 novembre 2017

slave, anzi no russe

questa mattina avevo un appuntamento di lavoro alle 10. questo significa dormire mezz'ora in più. oppure dedicare quella mezz'ora per corricchiare, benchè fossi già uscito ieri mattina. ma lo sapete, lo slot quando si apre si apre. tipo green card lottery o poco ci manca. solo che mica sapevo che fare questa mattina. e allora mi sono messo a fare un pò di riscaldamento sostenuto e successivamente delle sotto specie di ripetute. insomma, poco più di 5 km. diciamolo, delle ripetute fatte bene avevano poco o niente. al mio ritorno a casa scopro che l'appuntamento è saltato. e dirò di più, il corso della giornata lavorativa è proseguita all'insegna del "mai una gioia". diciamolo, non so come finirà quest'anno, ma non si può dire che abbia fatto bene, per lo meno nella mia nuova avventura. solo con due colpi ben assestati potrò dire di aver raggiunto la sufficienza. la mia sufficienza quanto meno. ma andiamo oltre. oggi pomeriggio ho "vittoriosamente perso", per dirla come qualche post fa. non sono riuscito a portare uno dalla nostra parte. uno perfetto, per i nostri tipi. e forse proprio per questo non ci sono riuscito. ma con costui sono entrato in empatia. me lo sono fatto amico. siamo diversi, ma anche un pò uguali. e non è amicizia da lavoro, mi è proprio simpatico. è più giovane di me, ha fatto il grano. auto sportiva, vestiti cari (ma non eleganti, oggi era inguardabile), viaggi. ad un certo punto parlando dello stipendio di un operaio si è stupito che uno possa vivere con così pochi soldi. non è il primo a cui sento parlare come un briatore di provincia (che poi briatore è di provincia). e sono persone uguali: bassa scolarità, tipo un diploma preso col minimo dei voti, hanno iniziato a lavorare a 20 anni, si sono affermati sulle ali dell'entusiasmo dell'italia degli anni 80 e 90. si fidano degli altri, ma solo se conviene. ma siccome vi ho detto che sono entrato in sintonia gli ho detto "guarda che non hai idea di quanta gente viva con 1200 euro al mese. a milano, nerviano o carugate. noi siamo una bella minoranza". ha svicolato, e abbiamo iniziato a parlare di donne. perchè sì che è più giovane di me, ma i 40 li ha superati già da qualche anno. mai stato sposato, zero voglia di procreare. negli ultimi 12 mesi ha avuto 4 donne. nel senso di 4 relazioni, mica 4 scopate. tutte vogliono entrare a casa sua, tutte vogliono sistemarsi, lui le fa star bene, poi quando capisce che l'aria si fa "minacciosa" cerca di prendere il largo. e allora oggi me le ha fatte vedere, nel senso che ha preso lo smartphone ed esibito il campionario. di puttanoni. di qualunque etnia, purchè dell'est. nel mentre mi racconta che il suo compagno di merende, che avevo salutato 20 minuti prima nel loro ufficio, è specializzato in sudamericane. "ho capito, a te piacciono le slave" dico mentre guardo le loro foto di una vacanza recente nel mar rosso, alcune anche un pò intime. e lui serissimo ed anche un pò offeso "no francesco, mi piacciono russe, non slave". e vabbè amico mio, se fai vedere a queste la cabrio da 70.000 euro cosa vuoi che succeda.... buona notte amiche ed amici.

9 commenti:

  1. Mi è antipatico, a pelle, questo tizio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma per favore... Fastidio totale. Tra vent'anni può passare direttamente alla badante, solo come un cane.

      Elimina
  2. È meno peggio di quanto sembri

    RispondiElimina
  3. Ma questo genere di persone hanno argomenti ad esclusione del loro ego? Comunque si vive anche con meno di 1200€, faglielo presente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche con parecchio di meno (e parlo con cognizione di causa).

      Elimina
  4. E in cosa il sottoinsieme delle russe, a suo dire, potrebbe essere meglio delle ungheresi (per dire) ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da buon valligiano lombardo, credo che siano meglio in quanto non zingareggianti

      Elimina
  5. E' quando leggo di tipi come questo tuo conoscente che mi mangio le mani per non essere nata dieci anni prima! Non ho fatto in tempo a iscrivermi all'università che già la crisi economica faceva vittime a destra e manca!!!

    RispondiElimina