Visualizzazioni totali

lunedì 29 gennaio 2018

pensieri crepuscolari e il test del mio nuovo forerunner

alle 11.06 di questa mattina ho scritto il seguente messaggio whatsapp ad una persona a me molto cara: "abbiamo una vita parzialmente incompleta ma bramiamo dalla voglia di riempirla". quel parzialmente frega, lo so. domani prendo lo stipendio, per dire. un bello stipendio, per dire (che poi tutto è relativo, sia chiaro, anche l'importo di uno stipendio). in cinque lustri di lavoro mai uno stipendio è stato così immeritato. e pur non avendone responsabilità - oggi un mio collega mi fa "mi sarei anche rotto le balle di non lavorare" - il dato di fatto è questo, inutile essere ipocriti. nel pomeriggio è calata la nebbia. e ho iniziato a sentirmi crepuscolare, come quel grigio che mi stava avvolgendo. una sensazione neanche spiacevole, ad essere onesti. all'uscita dall'ufficio la nebbia era ancor più fitta, persino nella circonvallazione. a casa però era pressochè scomparsa. cambio d'abito, e giù sulla martesana per provare il nuovo forerunner. ieri al decathlon ho trovato un 35 a prezzo decisamente stracciato. cardio al polso e soprattutto tanta autonomia dichiarata. ero partito per comprare il 235, alla fine ho optato per risparmiare 100 euro e azzerare un buono decathlon che avevo da un sacco di tempo. a me il cardio non interessa. anzi, mi spaventa persino. il segnale l'ha preso abbastanza velocemente (il 10 sarà quel che sarà, ma il segnale lo prende al volo), dopodichè son partito. dopo i 20 di ieri oggi doveva essere scarico. però le gambe non giravano male. il nuovo garmin ha una eccellente vibrazione, come dicono gli articoli in rete, pesa poco anche se il display è piccolo. dicevo, le gambe le sentivo bene. e dopo 1 km trovo la nebbia, da viale monza fino a quasi via padova, idem al ritorno. l'obiettivo era fare 8 km, arrivo in melchiorre gioia che sono a 7,75. a questo punto devo solo fare il giro da via zuretti, per fare alla fine 8.41 km in 48'15", 5'44" al km. come scarico non è male. anche perchè tra ieri ed oggi ho fatto 28 km e mezzo. salvo l'attività, vedo che il gps ha perso una tacca (come cazzo è possibile, e le 13 ore di utilizzo in modalità gps? speriamo che sia dovuto al fatto di avere una sola carica). a casa controllo le FC, ma non capendoci un cazzo chiedo ad un mio amico triatleta di guardare il tracciato su connect, mi dice che sono andato a medio cioè con un ritmo aerobico da maratona. mi suggerisce di andare più piano per stare sotto i 140 bpm, costruzione fondo lento. ora capite perchè non volevo il cardio? ma più lento di così come devo andare?vabbè, vediamo di abituarci a questo gps, dopo oltre tre anni di onorato servizio dell'altro. che poi è sempre lì, mica è detto che smetta di utilizzarlo. detto ciò, buona notte a tutte e tutti.

ps: ho superato, finalmente e dopo 29 mesi, le 100.000 visite. si vede che è un blog del cazzo questo! 😅

23 commenti:

  1. Ma 100.000 visite sono tantissime!
    Accipicchia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma non è vero. il blog di quello lì ad esempio ne ha molti di più. se scrivessi di cunei anali e dare fuoco a negri e comunisti hai idea di quante visite?

      Elimina
    2. Il mio blog di archivistica non ha molte visite, ma va beh...

      Elimina
  2. Scusa ma la foto con il tempo? Noi ci eravamo affezionati :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai sbagliato canale social mi sa :-)

      Elimina
    2. Ma le foto del garmin spesso le hai messe anche qui...

      Elimina
    3. si, ma altrove di più.... :-))

      Elimina
  3. Ma quindi non ho capito.. ce l'ha o no il cardio? Comunque le autonomie dichiarate sono un po' come i consumi dichiarati per le macchine.. moooolto fasulli! Alla fine dopo tante prove, mi sono accontentata del mio piccolo miband, ha tutto, il gps però è condiviso, ma l'autonomia supera i 20 giorni nonostante tre sessioni di allenamento a settimana (più monitoraggio h24 di sonno e passi).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si si che ce l'ha..... sull'autonomia in realtà l'addetto del decathlon mi ha detto il contrario.... detto questo, a me serve per provare a fare la maratona....vediamo come va a finire.....

      Elimina
  4. La maggior parte delle vite è parzialmente incompleta ma credo che il gusto di viverla sia anche lì, in quel cercare di riempire le zone vuote.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dametta, la fai un pò troppo semplice. i tentativi di riempimento sono spesso palliativi, illusioni. per lo meno è quello di cui stavamo discutendo io ed il mio interlocutore :-)

      Elimina
    2. Ma immagina di vivere una vita completamente appagata.
      Sei proprio sicuro che staresti benissimo? Io penso di no. Perché è nella natura umana stare meglio durante il viaggio che all'arrivo.
      C'è gente che nasce avendo già tutto e spesso a 20 anni è già morto dentro. Non hanno un obiettivo, un interesse reale, un'asticella da alzare. E allora giù di droghe, di alcool, di festini improbabili, di vite vuote e prive di senso.

      Elimina
  5. io ogni tanto, più di colmare, avrei voglia di liberare ;)

    anche tu hai mandato in pensione il vecchio 10 Arancio allora?
    io ho optato per il 235 invece, e sono molto soddisfatto, mi tiene circa 12 ore di gara e si ricarica con la batterie tampone continuando a rilevare la corsa.

    RispondiElimina
  6. Tre anni fa, iniziai per pura vanità, a praticare l'home fitness. Ed ancora ricordo la cocente delusione di quando scoprii il costo dell'abbigliamento sportivo. Io pensavo che con 20 euro avrei comprato anche le scarpe ed invece con 20 euro non ti compri manco il cazzo. Ma non mi sono scoraggiata e con l'aiuto del grande popolo cinese ho acquistato leggings e reggiseni a prezzi stracciati. Tutto questo era per dire che ho cercato su google "forerunner" ed ho visto il prezzo. Poi un giorno ti racconterò di quando prendevo sempre per il culo mia zia e la sua passione smodata ed insana per gli apparecchi che misurano la pressione ed adesso, forse, e se non fosse che mi caco facilmente in mano dalla paura, lo vorrei anch'io, ma non mi sembra il caso di fomentare ulteriolmente la mia ipocondria e la mia ansia che già da sole fanno un gran casino.

    Martedì 70 GENNAIO 2018
    Clorinda

    Adesso ho bisogno di pensare un attimo alle cose belle della vita, insomma guarderò qualche foto di Tom Hardy.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ce l'ho l'apparecchio della pressione. se vieni a casa mia te lo mostro assieme alla mia collezione di farfalle

      Elimina
  7. Una volta solo ho usato il cardio, mi stave venendo un colpo... come l'altra volta che avevo provato a usare il metronomo per andare a 180 bpm e mi si stave smontando n un'anca, come se l'avessi comprata all'IKEA... che bigolo!

    Invece, dopo le ripetute di oggi, non so più a che ritmo devo andare... quale è la mia VR? Chi sono io? E l'8 aprile, dove sarò?

    Se vuoi visitare un blog veramente del cazzo, vieni sul mio, allora. Se lo vogliamo misurare con le visite, sono quasi 6 anni che scrivo e sono appena sopra le 20K visite :)

    Il tuo blog è vivo! Viva il tuo blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'8 aprile sarai a fare la maratona con me, solo che tu taglierai il traguardo, io no

      Elimina
  8. Come fai a sapere che ci sto pensando? Per il post di ieri?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh beh, se ti domandi dove sarai l'8 aprile.....

      Elimina
    2. ah già, me lo sono lasciato sfuggire qua! :)

      Elimina
  9. ho regalato al mio runner tanti anni fa, un Suunto Vector Hr e funziona ancora benissimo, perfetto in città, in montagna, in alta montagna e nelle metropoli.. 😉

    RispondiElimina