Visualizzazioni totali

mercoledì 21 febbraio 2018

l'essenza del populismo

molti pensano che il populismo sia fare promesse irrealizzabili o prospettare facili scorciatoie. certo, si tratta anche di questo sia chiaro. ma vi è di peggio, a mio parere. e con ciò intendo il legittimare il peggio dell'animo umano (salvo poi scoprirlo "in ritardo", come ha fatto "l'esterrefatto" Di Battista di fronte ai bonifici farlocchi di una quindicina di suoi compagni di partito). prendete quell'iniziale proposta politica dei cinquestelle di impignorabilità assoluta della prima casa. vuol dire, per essere chiari, che qualunque sia la ragione, nessuno può sottrarti quel bene. non paghi la rata del mutuo? non paghi le spese condominiali? non hai restituito 5.000 euro di prestito a tuo cugino? non paghi gli alimenti all'ex moglie? bene, il creditore si fotta. alla faccia del tuo vicino di casa che la rata del mutuo e le spese condominiali le onorano. voi mi direte, ma ci possono essere delle difficoltà. può essere, in quel caso però esistono delle soluzioni, tra l'altro a volte di natura legislativa, per venire incontro a difficoltà temporanea. una mia collega il cui marito aveva perso il lavoro ha ottenuto la sospensione del mutuo mi pare per un anno. ma pensate sempre a quel condomino che onora le sue obbligazioni e che si trova a leggere nel verbale d'assemblea che a non pagare le rate è quel vicino che ha un macchinone da 40.000 euro, magari con targa della repubblica ceca o della romania. e pensate a quella giovane coppia che una casa vorrebbe comprarsela, ma non trova banca a cui rivolgersi perchè non ha più senso, ora che è andato al potere un partito populista, concedere un mutuo, tanto pagarlo o non pagarlo è la stessa cosa. sta di fatto che, forse per la prima volta, un comportamento sbagliato trova cittadinanza politica. ancor peggio, devasta l'economia, la blocca, la rende il far west. sono sempre esistiti, sia chiaro. ora essi vivono alla luce del sole. e non si vergognano.

9 commenti:

  1. Fatti un giro per Roma e di macchinoni con tarda rumena ne vedi..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, io non voto
      Mi pare allucinante che da fuori sede non possa votare per le politiche nazionali in qualsiasi città...

      Elimina
  2. Concordo in toto, posso votare te il 4 Marzo?

    RispondiElimina
  3. Mi sa che anche io vorrò votare te.
    Alla fine ho scelto, vedremo.
    Tanto si sa come va a finire^^

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Ma adesso poco importa... Pagheremo noi per quelli con le macchinone da 40.000 euro nella bolletta dell'enel! Piano piano pagheremo anche il mutuo e le rate della macchina di questa gente qua..

    RispondiElimina
  5. Mi viene il mal di stomaco a pensare alle elezioni. Stavolta veramente non so che pesci pigliare. Sono un po' schifata da tutto e tutti.

    RispondiElimina
  6. Ci sono persone con pretese assurde, anche in merito alla richiesta di trovare un lavoro, convinti di meritare chissà cosa, la fatica è roba per gli altri e votano il pifferaio! In provincia è peggio.

    RispondiElimina