Visualizzazioni totali

sabato 14 aprile 2018

passato

ieri sera, come avevo scritto, c'è stata la festa per il pensionamento di una collega. è riuscita ad andarci relativamente giovane (non credo abbia più di 59 anni sebbene i contributi versati non siano pochi) grazie alle agevolazioni previste fino all'anno scorso per le donne. fosse stato uomo o avesse fatto richiesta quest'anno non sarebbe riuscita ad andare in pensione. è stata mia collaboratrice per anni, ma soprattutto ha fatto parte del team con cui ho lavorato all'inizio della mia stagione lavorativa, diciamo a partire da metà anni '90. io ho sempre detto che quelli sono stati gli anni più belli della mia vita. in realtà non è così, sono gli anni che hanno determinato la mia vita. non sarei quello che sono, da un punto di vista lavorativo, se non avessi fatto parte di quella esperienza vorticosa, dove succedeva di tutto ogni giorno e dove ogni giorno eri costretto ad apprendere di tutto. i racconti di quell'epoca possono apparire mitologici, soprattutto a chi oggi abbia 30 anni, ma sono indiscutibilmente affascinanti. soprattutto sono epocali se paragonati agli pseudo cambiamenti di questi anni. quando avevo postato una foto dell'epoca su facebook un collega allora in sardegna scrisse "uno dei team più importanti della mia vita, e sono serio!". ma sono stati determinanti perchè mi portarono a trasferirmi, ad un certo punto, da torino a milano, e lì la mia vita cambiò ancor di più, con tante luci e sicuramente qualche ombra anche se, a consuntivo, penso siano di gran lunga maggiori le luci. ieri sera questa festa è stata una rimpatriata. ho rivisto il bolognese (che però qualche anno fa avevo visto per caso in corso como), che ha fatto un patto col diavolo, ha 54 anni e ne dimostra 38, ho rivisto il vecchio direttore amministrativo, che mi è sembrato alquanto malconcio. poi ho rivisto il "capo" per eccellenza, colui che guidava il team. e che non avevo più rivisto da quando lui, di sua sponte, abbandonò la nave. all'epoca non glielo perdonai, ma devo dire che la sua dipartita fu compensata da un altro periodo altrettanto esaltante, forse persino di più. oggi è un vecchietto, dalla vista molto incerta tanto che deve essere accompagnato per muoversi. vabbè, c'era anche il mio amico A., ma con lui ci vediamo tutte le settimane, non fa testo! mi ha fatto piacere rivederli ma è inevitabile una punta di malinconia. sono gli anni che lasci alle spalle e ancor più la consapevolezza che è impossibile costruire di più nella tua vita. il bolognese si ricordava (pazzesco) una serata che aveva fatto con me a torino. era, credo, il 1995. faceva il giro delle filiali e doveva stare qualche giorno in città. mi chiese di fare serata, possibilmente di portare qualche ragazza. io all'epoca ero fidanzato ed in uno dei tanti giri torinesi avevo un paio di amiche belle fighe. ebbene, ci trovammo in un locale chiamato "gilgamesh", poi siccome era mercoledi la serata per eccellenza era quella del "metrò" andammo lì, e probabilmente come spesso capitava abbiamo chiuso noi il locale. saranno state le 2? le 2.30? ohi, di andare in albergo non aveva alcuna voglia, ho dovuto portarlo in un terzo locale alla fine. insomma, avrò fatto altro che notte. il giorno dopo io non riuscivo a tenere aperti gli occhi lui era bello lindo e sbarbato quando andai a prenderlo in albergo. ora basta sennò mi sento un vecchio inutile! buon sabato a tutte e tutti!

5 commenti:

  1. A me 'sti incontri col "passato" fanno spesso malinconia, perché sono un inutile sentimentale nostalgico, in più mi fanno capire che il mio appuntamento con la pensione, è ancora biblicamente lontano...e mi incazzo ancora di più...

    RispondiElimina
  2. Non sono un tipo nostalgico ma queste serate ci vogliono, ogni tanto.

    RispondiElimina
  3. Queste serate sono bellissime, a me ogni tanto prende così quando mi capita di incontrare colleghi del lavoro che ha cambiato la mia vita (il marito era un collega) e sono passati solo 8 anni!

    RispondiElimina
  4. Racconti mitologici :)
    A livello lavorativo le cose cambiano talmente velocemente che anche le cose accadute dieci anni fa sembrano lontanissime...

    RispondiElimina