Visualizzazioni totali

venerdì 6 aprile 2018

pensieri

questa notte ho dormito poco e male. e stamattina mi sono svegliato peggio. c'erano i nomi e cognomi (in senso figurato) del perchè. ho scritto un messaggio whatsapp che diceva "non sono contento questa la verità". è stata una settimana di merda. ieri alle 13.58, mentre mangiavo un hamburger di fassona (i piemontesi sanno), venivo cazziato per una cosa di lavoro. a 51 anni e 9 mesi, io che ne ho sbagliate poche nella mia vita lavorativa. ed anche se per ragioni indirette è avvenuto ciò, trovo la cosa ridicola e patetica. poi passa, passa tutto si sa. ma ieri sera mentre ero a cena dai miei mi sentivo stanco, che poi non era stanchezza fisica ma mentale. quindi mi sono addormentato, ma mi sono subito svegliato. e da lì mi sono riaddormentato, grazie ad una camomilla, verso le 2 e mezza. i pensieri erano il lavoro, una lontananza e la maratona di domenica. questa mattina sono andato al villaggio a ritirare pettorale e pacco gara. non mi piace andare nei villaggi nei giorni precedenti la gara (nelle maratone è obbligatorio). a memoria, tra quelle che ho fatto, direi di averlo fatto contento alla mezza di monza e torino. soprattutto se non mi sento come vorrei o dovrei. ora, sapete che non taglierò il traguardo. ma mi sta venendo ugualmente un pò di emozione. è la complessità dell'evento che mi sta emozionando. la grandezza dell'evento oserei dire. migliaia e migliaia di persone che in poche ore si giocano mesi di allenamenti. leggete l'articolo di run and the city che trovate qui a fianco nel blog roll. pura verità. quando si va a ritirare un pettorale ci si guarda, ci si studia. si immagina chi sia e quanto forte corra quello davanti o dietro di te. quando parti non sai quello che succederà, come reagirà il tuo corpo. io da stasera non farò un cazzo. prima ho dato una pulita a casa perchè era necessario. ma adesso carboidrati, poi un film e a letto presto. domani sera idem. perchè se anche mi ritirerò, devo fare in modo che sia il più in là possibile. che sia un lungo allenamento il più lungo possibile. con accanto degli eroi, certo più meritevoli di me. un saluto a tutte e tutti.

9 commenti:

  1. Dai, buona preparazione! Sempre al top!
    Comunque è questa società malata a non farci dormire per... pensieri legati al lavoro? Cazziate di lavoro? Ma quando mai!! Mai nella vita una cosa simile!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai nella vita Moz?! ..le cazziete lavorative sono una costante... se lavori... quando non fai un cazzo sul lavoro, invece, non ti assegnano più nulla, e neanche ti cazziano più... ;)

      Elimina
  2. É giusto essere emozionati...

    RispondiElimina
  3. Comunque ad essere sinceri nel pomeriggio stavo meglio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oooooh ecco. Stavo proprio per chiederti se era stato solo un momento down...

      Elimina
  4. allora aspetto i tuoi racconti su come è andata

    RispondiElimina
  5. Conserva questa emozione, non si possono tagliare tutti i traguardi. Ma provarci resta importante.
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  6. Comunque giusto l'approccio minimalista. Le aspettative eccessive tagliano le gambe.

    RispondiElimina