Visualizzazioni totali

domenica 6 maggio 2018

la mezza maratona di gruppo

detesto la mezza di Piacenza. fu la mia terza mezza maratona, nel 2015. pensavo di farla molto bene, non fu un granchè. l'anno dopo mi ritirai dopo 7 km, causa storta presa in una buca dell'asfalto. non avrei voluto più replicare, ma il gruppo ha pensato di organizzare una combo gita in autobus + mezza + pranzo. qualche settimana fa l'idea di correrla in gruppo, al passo di chi faceva il debutto sulla distanza ed in particolare al passo di due ragazze. qualche giorno fa ho chiesto se la cosa era confermata, mi è stato detto di sì, ed allora l'altro ieri  mi sono iscritto ad un'altra mezza per domenica prossima, una mezza del cuore, ma quella è un'altra storia che poi vi racconterò. oggi era previsto nuvoloso, invece c'era un sole ed un caldo pazzesco. io mi sono abbronzato tantissimo e ho corso la mia mezza insieme agli altri in un clima che sembrava quello di "amici miei". bandiera della squadra, boa al collo, palloncini. anche e soprattutto quelli forti sono andati di un lento incredibile. che poi puoi andare lento ma se ci metti tre ore a fare 21 km sono sempre tre ore che stai impegnato. cioè, non ho impiegato tre ore. è che a ogni ristoro ci si fermava, un pò si camminava, ad un certo punto io mi sono staccato con altri due e al 20esimo ci siamo fermati ad aspettare il grosso del gruppo. a 400 metri dal traguardo ci siamo fermati di nuovo perchè ci siamo accorti che ne mancavano due. non ho manco bloccato subito il garmin, risulta che ho fatto il 21esimo in 10'22". i due non si vedevano, allora abbiamo deciso, visto che ancora un pò andavamo oltre il tempo di massimo, di fare la "volata" verso il traguardo, per portare le ragazze a chiudere la loro prima mezza. quasi 2h27'. ma di real rime, nel senso che non sono considerati i minuti persi bloccando il gps. poi siamo tornati indietro a "prendere" gli altri due, soprattutto la persona più anziana del gruppo, più di 60 anni (ma per lui era la seconda mezza). e quindi altro ingresso con la bandiera e i canti sotto il traguardo. chi mi è amico su facebook avrà visto foto e video della mattinata. presa la medaglia siamo andati a farci la doccia, completamente gelata (e per forza, che vuoi quando chiudi per ultimo o quasi), ed infine siamo andati al ristorante per sublimarci con le meraviglie della cucina piacentina, e direi che non si è mangiato affatto male. pazienza che la mezza di piacenza continui ad essere una mezza di merda (credo che su 21 km ne avremo fatti 15 al sole). l'importante è aver passato una bella giornata. la corsa è anche questo. anzi, soprattutto questo.

8 commenti:

  1. Però che figata fare queste maratone in gruppo, con lo spirito alto :D

    RispondiElimina
  2. ps: per la cronaca, siamo arrivati tutti penultimi

    RispondiElimina
  3. Vale più la giornata che la performance, tutta la vita

    RispondiElimina
  4. Ma sì, io credo che l'importante sia SEMPRE quello. Poi oh, ti aspetti il freddo e invece c'è il sole... TOP :)

    Moz-

    RispondiElimina
  5. ho visto il video del vostro arrivo su fb. Fantastico! :)

    RispondiElimina
  6. A me basterebbe arrivare a finirla una mezza. Prima o poi...

    RispondiElimina
  7. Che bello sentirti così...

    RispondiElimina