Visualizzazioni totali

giovedì 28 giugno 2018

otto in serenità

ieri sera avevo scritto che avrei potuto correre e così è stato. ma la ragione di due uscite così ravvicinate è presto detta: potrei essere lontano da casa per 5 giorni consecutivi, che per i miei tipi sono troppi visto quanto sono attaccato a casa mia. il bello è però che al momento non ne sono neanche sicuro, per cui domani mattina mi muoverò con tanta di quella roba dietro che metà basta (altra cosa che non sopporto). ci sarebbe da raccontare un paio di cose di lavoro, ma sarà per un'altra volta. tornando a bomba sull'uscita serale, stasera volevo fare dai 7 km in sù, a seconda di come sentivo le gambe. faceva più caldo di ieri sera, c'erano 29 gradi anche se l'afa non si sentiva in modo particolare. le gambe erano un pò imballate, ma mi sembra di aver scoperto il trucco per superare l'impasse iniziale. fondamentalmente è una roba di postura e di lavoro sulla respirazione. se riesco a lavorare su questi aspetti da settembre potrei prendermi grandi soddisfazioni, lo sento. stasera la martesana era affollatissima. soprattutto era pieno, ma proprio pieno, di rappresentanti del gentil sesso. diciamocelo pure, il motivo è semplice semplice. trattasi di vacanze estive alle porte. lo si capisce dal fatto che sono più che altro jogger o camminatrici. c'è una che mi fa morire, cammina col movimento della corsa ma andando più piano di una che cammina normalmente. una roba che non serve veramente a nulla. comunque martesana e qualche difficoltà persino a correre e/o superare in certi tratti. facendo un giro un pò tortuoso sono arrivato in piazza costantino, ai 5 km ho girato in 28'43", da viale monza ho provato un pò a spingere. decido di chiudere con 8 km e accelero gli ultimi due andando sotto i 5'40" al km. per chiudere faccio una gimkana tra le mamme del giardino della cassina de 'pomm, perdendo qualcosa. chiudo in 45'42", a 5'43" al km. cammino fino a casa e proprio mentre faccio un pò di stretching mi vedo arrivare la mia amica ultrarunner che mi racconta meglio la disavventura della domenica precedente, ovvero essersi ritirata in una maratona a squadre molto impegnativa. è stata male dal 24esimo, al 37esimo è stata un'ora e mezza in ambulanza. è la seconda debacle nel giro di tre mesi, credo che il fattore età si stia sentendo. potrà avere un fisico che invidierebbe qualunque donna dai 16 anni in sù, ma l'età inizia a farsi sentire. certamente non glielo dico, soprattutto ora che sta con un toy boy! 😅 detto ciò, buona notte o buon giorno per domani, e per i prossimi giorni mi sa.

8 commenti:

  1. Anche a me non piace viaggiare con tanta roba dietro, a maggior ragione se non so quanto e se effettivamente mi servirà. In ogni caso, buon lavoro.

    RispondiElimina
  2. Certo che se avessi un gatto tutte queste trasferte sarebbero un problema.

    RispondiElimina
  3. Correre distraendosi col gentil sesso che passa aiuta a rompere il fiato... ;)

    RispondiElimina
  4. Bravo, non dirle niente, che secondo me non la prende molto bene e finisce che in ambulanza ci vai tu :P

    RispondiElimina
  5. ti potrebbe piacere una che non sa correre,
    ma che ha un outfit sempre impeccabile e sculetta ascoltando la musica che si porta appresso?

    RispondiElimina