Visualizzazioni totali

domenica 30 dicembre 2018

il mio 2018 di corsa.....

questa mattina non potevo chiudere il mio 2018 con le scarpette da running ai piedi se non onorando il mio splendido naviglio. e così ho fatto un buon lungo di 20 km, che devo dire mi ha abbastanza provato. un pò perchè questa è stata una settimana in cui ho nuovamente superato i 50 km (51,30 km, per l'esattezza), un pò perchè le varie e reiterate cene si sono fatte sentire. non tanto le libagioni natalizie (in realtà è stato solo la giornata del 25 quella pesante, il giorno dopo mi sono messo in sicurezza con un 14 km sulle strade piemontesi della mia gioventù), quanto la doppietta venerdi/sabato sera con amici dove non ci siamo lesinati sul mangiare e bere. questa mattina mi sono svegliato senza particolare voglia di correre, ma alla fine sono bastate poche centinaia di metri per farmela venire. la martesana era fredda ma con un sole particolarmente luminoso. volevo fare 20 km (eventualmente 21 se c'era una certa andatura) e 20 sono stati. via idro, lambro, vimodrone, cernusco e ritorno. 20,01 km in 1h54'25", a 5'43" al km. molto bene per i primi 16 km, gli ultimi 4 stringendo i denti. la testa che arriva dove non arrivano le gambe.
il mio 2018 di corsa è stato un ottimo anno. senza dubbio posso dire che sia stato il migliore da quando corro con serietà. non è stato l'anno con più km percorsi: l'anno scorso furono oltre 1840 km, quest'anno sono stati 1830 spaccati. quei 10 che mancano potrei farli domattina, ma non li farò, per le ragioni che dirò dopo. ma dopo un inizio in sordina, con la "delusione" dell'aver mancato la maratona, da maggio in poi mi ha dato tantissime soddisfazioni. non parlo solo dei riscontri kilometrici: chi mi legge sa che qualche pb l'ho fatto, che qualche traguardo l'ho tagliato bene. no, mi riferisco all'approccio mentale alla corsa, a quella capacità di sentire il proprio corpo e di gestirlo rispetto alla fatica. ciò deriva un pò dall'esperienza, che ormai è più di 4 anni e mezzo che corro con impegno. ma soprattutto viene dall'allenamento. non quello da atleta, che lì sono scarso perchè non faccio, come dice il mio amico RM incrociato stamattina sul naviglio, "allenamenti di qualità", ovvero le famose ripetute che se va bene quest'anno le ho provate (a cazzo) 8 volte. mi riferisco all'allenamento come disciplina, al fatto che se devo uscire 4 volte alla settimana cascasse il mondo 4 volte devono essere. da settembre in poi ho rispettato questa regola quasi sempre e alla fine succede come in questo mese di dicembre che i km percorsi diventino 207,30, una roba da runner serio oserei dire. e quando la regola non viene rispettata un motivo c'è. la settimana prossima so che uscirò solo due volte e non tre, che domenica ho una mezza nella bergamasca che vorrei provare a fare bene. ma su tutto, lo stare bene. questa è una cosa che capisce solo chi, col caldo e col freddo, con la pioggia o la nebbia, affronta la corsa. quella sensazione di euforia che hai quando ti fermi e blocchi il gps è impareggiabile. puoi avere fatto 5 come 25 km, sarà sempre la stessa. ogni problema della tua vita viene messo da parte, quanto meno momentaneamente. è uno stile di vita. lo so, a volte sembriamo una setta. quando su facebook si iniziano ad avere decine di amici la cui immagine del profilo li raffigura correndo, beh allora capisci che la corsa viene prima di qualunque altra cosa. non sto esagerando, di qualunque altra cosa. come ho scritto su facebook qualche ora fa postando la mia uscita, non siamo migliori ma siamo più determinati. che il 2019 mi dia la forza e la salute per tagliare altri traguardi. e che anche voi dia il meglio. a me piace correre, perchè correndo si va avanti.

17 commenti:

  1. Io stamattina ho sentito davvero freddo. Per fortuna le gambe erano belle sciolte, ma ho sofferto un bel po' anche alle mani, nonostante i guanti.
    Tu sei una bomba, tanto di cappello, sempre.

    RispondiElimina
  2. Ed io quelli come te li ammiro, ma proprio tanto. E li invidio anche. Rosico quando vedo quella passione che la mattina alle 6 con 5 gradi vi fa uscire per correre, ascolto incantata i miei amici quando provano a convincermi della bontà della corsa, guardo quella luccicanza nei loro occhi e poi con nonchalant continuo la mia vita da culopeso:-)
    Forse un giorno ci proverò seriamente, chissà, per adesso continuo con le mie passeggiate al mare e con lo spinning indoor.
    Che sia allora un anno tutto di corsa per te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la mattina alle 6 ? alle 6 ho dpeeso già finito e i 5° sono praticamente un miraggio. vabbè non sto bene...

      Elimina
    2. oddio, grande invidia :-)

      Elimina
  3. Wow!! Ammirazione totale! Davvero molti km!!

    RispondiElimina
  4. La passione è una sfida ai rigori stagionali, alla fatica, agli insuccessi e ai risultati alle volte insperati: come il giardinaggio!

    RispondiElimina
  5. Negli ultimi tempi di poche corse ho sempre pensato di voler tornare a far parte di quella setta :)
    Buon anno di corse Franci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. te lo auguro. in questa gabbia di mattina c'è sempre posto

      Elimina
  6. raggiungi ogni obiettivo, supera i limiti (e ripeti entrambi gli esercizi). buon 2019

    RispondiElimina
  7. buon 2019. e che sia un anno pieno di soddisfazioni

    RispondiElimina
  8. Ogni primo dell'anno mi viene in mente un fatto. Il fatto di quello che era stato al concerto dei CSI e non sapeva dell'esistenza della canzone Buon anno ragazzi. E quindi ci venne a raccontare preoccupato che secondo lui Ferretti non stava proprio bene, in quanto nel periodo di Pasqua si era messo a fare gli auguri per Capodanno, ed ogni volta rido.
    Buon anno, dottor Francesco. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però costui l'ha indovinata in verità...se pensi a quanto demente sia diventato oggi Ferretti.... 😊

      Buon anno Clori'!

      Elimina
    2. Però per me non è un demente Ferretti, anzi. Io continuo ad apprezzarlo come artista, ché poi è l'unica cosa che mi interessa di lui: la sua arte.
      Ciao

      Elimina
  9. Ti auguro un bell'anno in corsa runner.

    RispondiElimina
  10. mai stato il mio sport la corsa. da giovanissimo facevo la campestre. ma senza entusiasmo e risultati. complimenti per il chilometraggio annuo. non arrivo che alla metà, anche nei miei migliori anni di sciatore (fondo). ciao

    RispondiElimina
  11. Io non ho corso un metro nel mio 2018, causa principale la mia protesi in fase di assestamento, ma quest'anno ho messo la ripresa delle attività ludicorunninghesche in agenda..vediamo come butta... ;) Intanto un 2019 di corse infinite e traguardi luminosi!!

    RispondiElimina
  12. Tutte le specialità o le finalizzazioni riguardo ad un tema sportivo o artistico, necessitano di voglia, determinazione e serietà e ti capisco perfettamente. Taglierai traguardi fantastici, perchè con la volontà e la costanza la vita ti appare in maniera differente.
    Buon anno amico mio

    RispondiElimina