Visualizzazioni totali

domenica 19 maggio 2019

la mia sesta marcia delle cascine

vi avevo preannunciato che questo sarebbe stato il periodo delle corse del cuore ed anche oggi è stato così. dopo una settimana in cui ho corso pochissimo (settimana comunque molto bella, è giusto evidenziarlo), ieri mattina che ero dai miei mi sono sparato 8 km e mezzo di "semicollinare" sotto il diluvio (un pò di salite dai, non esageriamo), mentre questa mattina mi sono recato in quel di opera per la marcia delle cascine. gara del cuore perchè nel 2014 fu la mia prima tapasciata (oddio, ma quante volte l'avrò già scritto? che scassauallera che sono). da allora sempre presente a questa bella corsa, che di solito fa un migliaio di partecipanti. di solito ma non questa volta, dato che diluvio c'era ieri e diluvio c'era oggi. e siccome se si chiama marcia delle cascine c'è un motivo, quasi tutta quella componente non agonistica (camminatori, persone con cani ecc....) se ne è stata bellamente a casa (benchè avessero già venduto 500 pettorali, mi ha detto un organizzatore). morale della favola, se questa mattina eravamo in 200 era persin tanto. io ero bardato da pioggia, ma ovviamente di sotto non ho rinunciato alle gambe scoperte (giustamente in fondo, alla fine c'erano 13 gradi). non sapevo che distanza fare, ma appena partito stavo bene e allora ho deciso di puntare alla distanza più lunga, ovvero i 16 km. il percorso ormai lo conosco a memoria. all'inizio, diciamo i primi 4 km, è asfalto. poi comincia la parte sterrata: la stradina che costeggia la tangenziale, il golf club a noverasco, di nuovo la tangenziale. ma la parte più brutta è quella dai 9/10 km in poi, che è interamente campagna. ai 10 avevo girato anche abbastanza veloce (55'21"), da lì in poi occorreva capire quanto avesse influenzato la pioggia. beh, la verifica è stata presto fatta: una distesa di fango. e da lì si inizia ovviamente a perdere secondi. di fermarsi ai ristori non se ne parla, le indicazioni sono quelle che sono, la parte destinata ai runner della 16 km sembra un film di guerra sulla ritirata degli alpini in russia durante la seconda guerra mondiale. però in questo periodo sono in forma, certo rallento ma la stanchezza la sento fino ad un certo punto. supero l'ultima parte fangosa ed entro, poco dopo i 15 km, nell'asfalto. ci sono circa 700 metri da lì al traguardo, e torno un pò ad accelerare. vedo il solito rettilineo finale in cui tutti gli anni faccio l'allungo, anche se ad onor del vero a 'sto giro non si può dire che abbia fatto chissà che allungo. alla fine chiudo avendo fatto 15,69 km (ho fatto un paio di tagli, più o meno consapevolmente) in 1h29'03", a 5'41" al km. insomma, direi bene, visto che per almeno il 50% si è trattato di un cross. indossata la medaglia (ebbene si, anche se è una tapasciata danno una medaglia, seppur di plastica, così come consegnano un pettorale) sono andato a fare un mini ristoro. dopodichè ho fatto un pò di defaticamento verso la macchina, dove mi sono cambiato nonostante piovesse perchè ero letteralmente inzuppato, fregandomene delle persone che passavano. domenica prossima altra tapasciata, ma questa volta sarà di gruppo. un saluto globale a tutte e tutti.

9 commenti:

  1. Peccato che il meteo abbia penalizzato una partecipazione più ampia.

    RispondiElimina
  2. Adorabile la parola "scassauallera". Non la conoscevo e mi ha fatto sorridere :D
    Sono contenta tu abbia trascorso una bella settimana, a prescindere dalla corsa.

    RispondiElimina
  3. E pensare che io, quando piove e vedo gente che va a correre penso "ma guarda tu sti matti dove vanno con sto tempaccio" xD

    RispondiElimina
  4. A me piace la corsa sotto la pioggia. Anche se questa settimana ho rinunciato per altri motivi. Bravo comunque che non molli mai

    RispondiElimina
  5. Ok la pioggia può piacere o meno, non ho idea di come sia correre inzuppati (specie se fa freddo) ma sullo sterrato penso sia meglio che su asfalto... non è più bello?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sullo sterrato, per non parlare del fango, perdi tantissimo. io ieri potevo andare tranquillamente a 5'30" al km, se ho chiuso a 5'41" è perchè ho perso dai 10 ai 15 secondi al km sul tratto finale......

      Elimina
  6. finirà prima o poi sto maggio uggioso che comunque non ferma i veri atleti come te

    RispondiElimina
  7. Sembra avessi dei peccati da espiare :)

    RispondiElimina
  8. bisogna approfittare di questo tempo ancora non afoso per farsi qualche corsetta

    RispondiElimina