Visualizzazioni totali

sabato 22 giugno 2019

di nuovo fino al lambro

le cose belle capitano spesso a sorpresa. ed anche le corse belle in verità, oggi al nord era previsto maltempo e maltempo è stato. un pò più rovinoso di quanto avessero detto, se devo dirla, che per ben due volte è arrivata una grandinata micidiale qui su milano che ha per l'ennesima volta fatto esondare il fiume seveso che scorre da anni sottoterra, e quando ciò accade mette in ginocchio il quartiere niguarda. ed in una settimana in cui ho corso pochissimo (una uscita corta martedi mattina sulla martesana, una ancora più corta giovedi al mare dove mi trovavo per lavoro) sapevo che potevo correre solo oggi che domani sono di matrimonio (non il mio, tranquilli/e). ho aspettato che smettesse la seconda grandinata per vestirmi anche se il cielo era assolutamente plumbeo. alle 11 o quasi sono sceso sul naviglio, con cosciali, cappellino e kway antivento. temperatura scesa ovviamente di qualche grado, anche se il connect avrebbe poi detto che 26° comunque c'erano. comunque il tutto sicuramente accettabile. all'inizio non ho incontrato nessun runner. la pista era allagata in più punti, le gambe un pò rigide ma come tante volte la martesana mi ha fatto venire voglia di correre. e allora ho deciso di arrivare fino al lambro, se non di superarlo. più aumentava la strada e più appariva difficile evitare le pozzanghere. arrivato in via idro vedo un fulmine anticipare il tuono. il lambro è a poche decine di metri. mi piacerebbe andare oltre ma se viene di nuovo a grandinare? decido arrivando al lambro di tornare indietro (e comunque non arrivavo al lambro dal 1° maggio, ho controllato sul connect) ed infatti inizia a piovere a dirotto. a me correre con la pioggia piace, anche se rende la corsa oggettivamente più complicata. a questo punto so che arrivando alla cassina de 'pomm avrò fatto 11 km. avrei forse autonomia per fare un pò di più ma non mi sembra il caso. fermo il gps agli 11 km esatti avendo impiegato 1h02'09", andando quindi a 5'39" al km. una uscita sicuramente positiva, in parte dovuta al clima "favorevole" (per chi deve correre, non per chi deve fare altro....) soprattutto per il fatto che mi ha fatto stare veramente bene, a sorpresa come dicevo a inizio post. infine, cosa non banale, correre sotto la pioggia aiuta a rinforzare la muscolatura. insomma, anche l'estetica ne guadagna. adesso prepariamoci al resto del weekend, cercate di stare bene mi raccomando. un abbraccio globale a tutte e tutti.

7 commenti:

  1. Perché rafforza la muscolatura? A me piace correre sotto la pioggia. Basta che sia.pioggia e non diluvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, perché fai più fatica e tendi ad allungare sia il passo che la velocità

      Elimina
  2. È bello che tu sia stato bene. Ma in fin dei conti tu sei sempre una persona positiva.

    RispondiElimina
  3. La pioggia estiva rende l'aria speciale!

    RispondiElimina
  4. A te piace correre sotto la pioggia, a me invece andare in bici sotto la pioggia non piace mica tanto.

    RispondiElimina
  5. Ottimo, allora! Quando una cosa ti fa stare bene, è una sensazione che ti porti per molte ore, ti rende positivo anche il resto.
    Comunque, sì, ho visto dei danni al nord... :o

    Moz-

    RispondiElimina
  6. Non la sapevo questa cosa della muscolatura in relazione alla pioggia :) comunque te la sei proprio goduta, si sente.

    RispondiElimina