Visualizzazioni totali

domenica 19 luglio 2020

pettorale piccino piccino

è due mesi che si è ripreso a correre. e corriamo, noi runner, solo perla tenuta fisica, per stare in salute e contrastare il più possibile le cose non eccezionali di questo periodo. non è un brutto correre, credo di averlo già scritto. e comunque siamo in estate, l'attività sarebbe stata limitata a trail e tapasciate (beh, più o meno, a maggio qualche mezza di spessore ci sarebbe stata). il movimento è in stato di sospensione. corrono solo i professionisti e unicamente nelle piste di atletica. nessuno osa immaginare un qualcosa che possa andare bene per i tempi attuali. diciamo che di base c'è il timore di assumersi la responsabilità, che se ancora esce fuori qualche contagiato chi li senti i menagrami del covid. però non è esattamente così, perchè qualcosa si sta muovendo. pare che la mitica sgamelàà della val vigezzo, che l'anno scorso ho fatto per la prima volta, quest'anno venga disputata, non nella canonica formula dei 25 km ma con un percorso di 16 km mediante partenze distanziate e totale assenza dei ristori, utilizzando per bere le sorgenti del percorso. ed anche qui a milano oggi si è disputato qualcosa di vagamente analogo. i corro ergo sum runners di dario marchini, figura di rilievo del running lombardo e non solo, hanno organizzato una 5 km cronometrata denominata "5Krono", con partenze distanziate di un minuto tra un runner ed un altro. e percorrendo l'anello dell'idroscalo di milano che, ironia della sorte, diventerà la mia pista di allenamento tra non molto tempo visto che si trova vicino alla mia nuova casa (ecco, andrebbe cambiato l'indirizzo del blog, ma non si può fare. e poi chi ha detto che smetterò di correre nella martesana?). non avevo mai corso dentro l'idroscalo e devo dire che il "mare di milano" non ha tradito le aspettative. si corre decisamente meglio che sul mio naviglio, essendo più largo in diversi punti e meno frequentato. sono arrivato prestissimo, come al solito. ho fatto un tre km di riscaldamento e poi, alle 8.53, sono partito come da programma. ho tirato come potevo, cercando di controllare il fiato e le gambe, non più abituate a ritmi più "sostenuti". gran parte dell'anello è all'ombra protetto dagli alberi, tranne l'ultimo tratto delle tribune. alla fine ho impiegato 25'44"3, che direi di tutta soddisfazione. ma la soddisfazione maggiore è stata spillare prima di partire sul petto un cartellino piccolo piccolo, con un numero quasi illeggibile (il 49, nella fattispecie). partecipare ad una roba che era una parvenza di corsa, tapasciata o non so cos'altro. credo di aver dato il massimo anche e soprattutto per questo motivo. c'è bisogno di dare un segnale, c'è bisogno di normalità. in tutte le cose, anche in queste cose.

19 commenti:

  1. Pensa che neanche io, che sono vigezzina di adozione, sapevo che la stampa si farà! !Perché so che il mitico raduno internazionale dello spazzacamino è stato sospeso, quindi pensavo che cosi fosse anche per la sgambetto! Meglio se si fa!! Saluti.

    RispondiElimina
  2. Ultra Trail del Monte Bianco invece annullato, a proposito di pseudo normalità già penso all'assalto x fare la spesa in Vallé..

    RispondiElimina
  3. Certe realtà hanno regole rigorose, poi vai a fare la spesa e la gente ti sta appiccicata.

    RispondiElimina
  4. Invidio il tuo entusiasmo e la voglia di correre, io, sarà l'età, il caldo o le ginocchia usurate ma non corro e cammino pure poco, ho riscoperto la pedalata.
    Sei gia nella casa nuova?
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
  5. Leggevo oggi che nel Lazio ci sono 17 casi in più oggi, che non mi pare un gran numero, ma 10 di questi sono d'importazione. E che stiano già pensando alla possibilità di richiudere. Beh, mi auguro sia uno scherzo di pessimo gusto.

    RispondiElimina
  6. Concordo con te, c'è bisogno di normalità da parte di tutti.
    Buona serata.

    RispondiElimina
  7. Ciao, il domani è molto incerto.
    Ti lascio un saluto e buona corsa.
    Serene Vacanze
    Rachele

    RispondiElimina
  8. C'è bisogno di normalità, e posso anche starci, ma vedo vero e proprio lassismo in giro: gelaterie famose dove dentro si sta max due clienti per volta con la mascherina come i gestori, ovviamente, e fuori folla in fila ammucchiata. Che senso ha allora?!

    RispondiElimina
  9. Bene ! Quindi la Sgamelaa si farà !! Una notizia positiva, è una tradizione della Vigezzo. L'anno scorso sono andata a vedere l'arrivo . Ciaooo

    RispondiElimina
  10. Correre è una cosa bellissima, fa bene alla salute fisica ma anche psichica. Mentre si corre ci si può ascoltare, sentire, scoprire parti di sè sconosciute, possono venirti idee e pensieri nuovi. Io ho avuto una paziente che correndo ha preso coscienza di sè e un'altra che ha scoperto che poteva decidere lei dei suoi ritmi e modi di corsa e insieme anche quelli della sua vita in generale.
    Ti auguro tutte le corse che desideri, perchè tutte le cose fatte con costanza e passione fanno andare avanti!

    RispondiElimina
  11. Spero parteciperài alla maratona di palermo
    Ci conto
    Maurizio

    RispondiElimina
  12. Invidio la tua voglia di correre, a me non è mai piaciuto neanche quando andavo a scuola, ho sempre preferito camminare o andare in bicicletta.
    Ammiro molto quelli che amano la corsa e la praticano anche in questa stagione così calda.

    RispondiElimina
  13. Ciao ,non è la mia passione la corsa , proprio per niente , amo andare in bicicletta .
    Quando vedo i runner mi domando sempre come fate?
    Io non resisterei , ho provato a camminare veloce e fin qui' tutto ok , poi mi son detta prova Rosy a farti una corsetta per il parco , ma risultato e' stato pessimo . :-)
    Fate bene e' un'ottima alternativa per la cura di molte malattie , tra le quali il colesterolo , ed il peso , si diventa dei fuscelli .

    Un saluto e grazie del passaggio nel mio blog.

    Buon fine settimana
    Rosy

    RispondiElimina
  14. Si Franchino quanto bisogno di normalità in tutte le cose, dalle più piccole alle più grandi.
    Felice che tu ti sia trovato bene al'idroscalo,io sono sempre contenta quando qualcuno ne esce soddisfatto.
    Corri ragazzo corri...e notte stellata per te

    RispondiElimina
  15. Con la dovuta cautele e rispettando le regole si può fare tutto, ma il problema e che la stragrande maggioranza degli italiani è insofferente al rispetto delle regole.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  16. Qui da me il Covid, per fortuna, non ha lasciato nessuna traccia. E per fortuna, perché il primo giorno di riapertura, mesi fa, è stato inaugurato con il pienone ai bar...
    Bisogno di normalità si, ma alla luce della previsione di una nuova chiusura in autunno (?) mi chiedo quando potremo tornarci per davvero.

    RispondiElimina