Visualizzazioni totali

venerdì 5 marzo 2021

venerdi 5 marzo

pare brutto lasciare il blog privo di aggiornamenti, ma che lo crediate o meno faccio fatica a trovare il tempo. tempo che trovo adesso, perchè ultimamente il venerdi è l'unico giorno che passo in ufficio. tutti sono estremamente stupiti del mio "cambiamento". ormai è una costante, dagli amici del lago con cui ho/abbiamo passato lo scorso weekend alla mia ultima ex. vabbè, posso anche capire per carità. di sicuro tra le mille cose e persone da fare e/o collocare faccio fatica a trovare il tempo per correre. e anche quando ne ho la possibilità la voglia non mi viene, tipo questa mattina che la sveglia ha suonato tre volte prima di alzarmi. in realtà questa notte mi sono svegliato verso le 4 e sono stato un'ora con gli occhi aperti a pensare ai cazzi miei. ma è già tanta roba essermi riaddormentato. alla soglia dei 190.000 km (dicasi 190.000 km) devo restituire tra meno di due settimane l'auto aziendale per scadenza contrattuale. me ne arriverà un'altra bella ma riciclata, cosa di cui non me frega nulla ma mi fa fare bella figura in azienda perchè aderisce ai principi di "cost saving". resto sempre basito dalla stupidità delle aziende, della mia in particolare. ma nelle pieghe di questa stupidità io resisto. l'altro ieri mi hanno dato della "vecchia bagascia", cosa che è vera ma in parte, nel senso che vecchio sono vecchio ma in fondo bagascia no. semplicemente ho spirito di adattamento e mi fermo sempre un pò prima del limite. è un pò come nella corsa, se posso fare i 10 km in 54 minuti li farò in 55, perchè non voglio rischiare l'infortunio. oppure nel sesso, mi fermo un pò prima del massimo consentito così rimane qualcosa da scoprire nella volta successiva. insomma, bisogna resistere al troppo e al tanto, che per carità sono concetti relativi. ero dai miei a cena ieri sera, mio papà mi ha detto che gli dispiaceva vedermi andare via e mi ha un pò commosso. vabbè, li rivedrò martedi e penso di poter stare con loro un pò di più. ieri mi sono comportato da bravo figlio e ho accompagnato mamma al supermercato. mi aspettavo qualcosa di più da draghi, in realtà mi sembra un conte solo più taciturno e meno retorico. fa, ci incula e manco arrossisce. quello che stanno facendo all'italia è vergognoso. ma è bello vedere che la gente se ne sta fottendo. come ho scritto sopra io sabato ho varcato i confini regionali e ieri sera sono tornato a casa dopo le 22 e di macchine in giro ce ne erano tante e dubito per lavoro. fantastico poi il rave di sabato scorso sui navigli dei giovani che forse finalmente si stanno riprendendo la loro vita, loro che sono le principali vittime di questo schifo. mia figlia,che finora è stata fin troppo ligia come tutti i suoi coetanei, ha detto che con il bel tempo non rispetterà più i divieti. ormai questo esperimento di reclusione sociale sta saltando, ci può essere anche la variante di sto gran cazzo ma la gente dopo 4 mesi di prigionia ne ha le palle piene. ci hanno voluto rendere più poveri, ci siamo cascati come dei polli. buon fine settimana a tutte e tutti. 

8 commenti:

  1. Ha ragione tua figlia, e hai ragione tu. Che amarezza

    RispondiElimina
  2. Io ho fiducia in Draghi, ma non siamo in un film dove i buoni trionfano, siamo nella vita reale e realisticamente, tu mi insegni, non esistono soluzioni indolori, o gratificanti o ecumeniche quando ci sono in ballo problemi impegnativi.

    RispondiElimina
  3. Non li rispettano gli adulti i divieti.. figurati i ragazzi.. vabbe'..speriamo nell'immunità di gregge, che salverà, giustappunto, le pecore..

    RispondiElimina
  4. Secondo me non sei né vecchio né bagascia.
    Avrei restituito al mittente questo appellativo ;)

    RispondiElimina
  5. Capito qui per caso dal blog di Nia. Anche io ho ripreso a correre da 6 mesi, dopo la mia terza figlia avevo mollato tutto e finalmente ora sono tornata, lei ha 3 anni quindi direi era ora. Sono arrivata ai 10 km in 54 minuti che poi era il mio obiettivo! Scendere sotto ai 60 minuti per 10 km..ora vediamo che altri obiettivi mi do. Ho poco tempo e cerco di uscire 2 o 3 volte, una più lunga la domenica mattina (fino ad ora massima di 11 km in 61minuti) e le altre o 7 oppure 8 o se proprio ho giusto mezz'ora di spazio 5 o 6.
    Condivido i tuoi pensieri, io il primo lockdown l'ho passato ligia a tutti i divieti, in appartamento di 70 metri con 3 figli di 9,6 e 3 appunto e non li ho fatti mai uscire. Ora non credo di ripetere, devono proprio dirmelo non puoi uscire se non per buttare la spazzatura, altrimenti io a correre vado sempre, fosse anche nei 100 mt da casa dove ho il parcheggio immenso dello stadio, che ci vivo appiccicata appunto. Nel primo lockdown potevo fare qualcosina di più ma non l'ho fatto. Ora invece non mi precludo nulla. Sempre cercando posti isolati ma i bimbi li porto giù in bici e pattini. Sono stanca, come tutti. Conte Draghi o altri non mi cambia nulla, visto che sono di nuovo in dad con 2 su tre e ripeto in appartamento piccolo pure, almeno dopo pranzo noi scendiamo. Abito a 400mt dal mare e tra la spiaggia e lo spazio dello stadio per le bici, questa primavera non me la fregano come la scorsa.

    RispondiElimina
  6. Io, ormai, sono arrivata ad un punto che non capisco più dove sta la ragione e dove sta il torto, cosa va bene e cosa non va bene. Ci hanno sottratto un anno di vita e libertà e siamo ancora allo stesso punto, se non peggio di prima ... E' tutto l'inverno che sono chiusa nel mio paesucolo, non posso andare da nessuna parte. Ho un appartamentino in Vigezzo, non ci posso andare, là è zona rossa !!! Siamo stanche tutti !!! Farò anch'io come dice tua figlia !! Saluti.

    RispondiElimina
  7. Capisco tua figlia, ormai siamo stanchi di questi stupidi belletti che fanno i nostri politicanti. Ci hanno reso più poveri, ci fanno del terrorismo psicologico ma non dicono la verità. È ora di finirla, e ora di riprenderci le nostre vite.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  8. Draghi sta facendo, sulle chiusure, quello che faceva Conte, ma è più figo dire che lo fa Draghi..

    RispondiElimina