Visualizzazioni totali

martedì 27 aprile 2021

27 aprile

non abito più lungo la martesana, lo sapete. sarei un bugiardo a dire che mi manca, però resta il fatto che - al di là della corsa - alcuni suoi angoli erano veramente belli. avevo già cambiato la foto del profilo blogger, adesso la stessa foto diventa la copertina del mio blog. intorno a quel laghetto vado a correre. non lo giro integralmente perchè c'è una parte privata che non sempre è aperta e peraltro non è neanche tanto bella. già questo blog parla sempre meno di corsa, aggiungiamoci che non si corre più lungo il naviglio. purtroppo puoi cambiare la foto del profilo, puoi cambiare la scritta sull'intestazione della pagina, ma non puoi cambiare l'indirizzo del blog. nasce come correndo sul naviglio, l'unica scelta è farlo morire. non lo farò morire, tranquilli. anche perchè se chiudo il blog di sicuro non ne riapro un altro. la settimana scorsa ho superato nuovamente, ma con tanta fatica, i 30 km di corsa. ho passato il fine settimana a casa della mia fidanzata, con l'impegno che domenica sarei andato a correre. ci siamo svegliati presto, fatto quello che dovevamo fare, riaddormentati. quando ho riaperto gli occhi ho preso un caffè al volo perchè mi sono reso conto che già faceva caldo. aggiungiamoci che da pirla ho messo sì i pantaloncini corti ma sopra ho indossato la manica lunga della mezza di monza del 2017. vicino a casa sua però scorre un canale al cui confronto la martesana è un rigagnolo. si tratta del villoresi, che attraversa più province partendo dal ticino e sfociando nell'adda. insomma, mi è sembrato un tornare all'epoca della martesana, anzi persin meglio perchè non è asfalto ma sterrato. in comune hanno la minchionaggine estrema dei ciclisti, tant'è che ho visto due mountain bike scontrarsi. ho fatto poco più di 8 km e direi che è andata persino bene. ho corso anche questa mattina, che sembrava tornato l'inverno. poco più di 7 km, e anche qui va bene così. mi sta venendo un pò di voglia di correre di nuovo. forse è il fatto che tra un mese teoricamente c'è una mezza maratona a cui partecipiamo come gruppo. o forse semplicemente è che non mi posso fermare. perchè sennò come faccio ad andare avanti?

11 commenti:

  1. Mi piace molto il lago, credo che mi risvegli qualche tappa evolutiva, l'anfibio che è in me.
    I ciclisti della domenica sono pericolosi e incoscienti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quello però non si può chiamare lago.... :-)

      Elimina
  2. io vado avanti anche senza correre. almeno mi pare :)
    ciao

    RispondiElimina
  3. Magari corri un po' meno di quanto eri abituato, ma la tua vita è cambiata, si è arricchita di cose belle che non c'erano fino a qualche tempo fa. Si, magari corri un po' meno, ma comunque corri e questo è l'importante. Non fermarsi, fare quel che si può, non abbandonare mai del tutto le proprie passioni.

    RispondiElimina
  4. Purtroppo ci sono in giro ciclisti troppo disattenti ed altri troppo veloci sui marciapiedi ed in posti dove non potrebbero nemmeno stare . . . In ogni caso ci sono sempre troppi "decerebrati" in giro che non hanno il cervello oppure che non sanno come usarlo ed agiscono prima di fare qualunque semplice pensiero. Un saluto

    RispondiElimina
  5. Per andare avanti puoi cercare di correre, magari facendolo di meno ma continuando a farlo ..... oppure puoi scegliere di non farlo più, almeno per un periodo

    RispondiElimina
  6. Perché mai chiudere il blog?
    Fa' correre anche lui, come te pian piano arriverà lontanissimo.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Hai parlato anche tu, come me, del canale Villoresi !!!Anche qui non è asfaltato ma sterrato, mi piace pedalare sulla sua pista ciclabile; a volte, quando incrocio una bici, ho paura di caderci dentro, vanno forte !! Saluti.

    RispondiElimina
  8. Scusa ma veramente hai aperto questo blog solo per la corsa?
    Dai, di sicuro è anche per qualcos'altro, per condividere i tuoi pensieri...
    Non azzardarti a chiudere!
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  9. bravissimo e ti ammiro, da me tutti in bici e per i soliti 22km andata e 22 di ritorno è la parte pianeggiante, insomma, poi la discesa a secondo come si guarda la salita. Potresti pubblicare più foto io ho solo alberi e fossi ripidi, la foto di un laghetto mi intenerisce

    RispondiElimina
  10. Anche io non vado a correre da un bel po'. Leggerti mi ha fatto tornare voglia di farlo.
    Per favore, non smettere di correre... né di scrivere!;)

    RispondiElimina