Visualizzazioni totali

mercoledì 12 maggio 2021

empoli

questa mattina sono tornato a fare 10 km di corsa in una unica soluzione. non mi fate controllare ma se vado indietro sul connect sarà un mese che non capita. questo per far capire lo stato delle cose, certamente non fantastico per quanto attiene il rapporto tra me e la corsa. e li ho fatti perchè dopo uno dei miei sogni strambi alle 5 del mattino non ho più preso sonno. sognavo che ero ai tempi del liceo e ci trovavamo come classe alla stazione di empoli e tutti quanti attraversavamo i binari senza prendere il sottopassaggio. uscivano polizia ferroviaria e ferrovieri e ci cazziavano alla grande. ora però dovete sapere che noi, alla stazione di empoli, ci siamo stati ed esattamente nel 1984. quell'episodio è stato ripreso nella chat dei compagni di liceo qualche settimana o mese fa. non attraversammo i binari ma giocammo a calci, anzichè a calcio, in un selvaggio tutti contro tutti nel sottopassaggio della stazione. facemmo persino scappare gli ultras del pescara che seguivano la squadra di calcio in trasferta. una cosa da animali. perchè eravamo animali. avevo qualche compagna di liceo veramente gnocca. una a 15 anni veniva in classe in pelliccia e camicia bianca aperta che faceva vedere il davanzale generoso. un'altra non l'ho mai vista e dico mai senza scarpe col tacco. le donne negli anni 80 secondo me erano molto belle. queste compagne però non ci cagavano neanche di striscio, tranne uno che però non cagava loro perchè pur essendo caruccio aveva altri interessi femminili. succede però che uno di noi, per chissà quale combinazione strana della vita, riesca a ritrovare chiunque di quella famosa esperienza liceale, ovunque viva. e la prima delle due sopra citate sia diventata suo contatto facebook. per conseguenza diretta, chiedo anche io il contatto che mi viene dato. nel suo profilo una unica foto, del suo occhio. per il resto non posta nulla. però quando mi è capitato in passato di mettere le foto di qualche rimpatriata non è mancato il classico "like". ieri sera raccontavo l'episodio alla mia fidanzata e lei mi dice che probabilmente, se uno non si espone visivamente magari è perchè non si trova bene col suo corpo. magari è ingrassata. insomma, forse non era la strafiga che 36 anni fa ci guardava dall'alto verso il bassissimo. e l'altra, quella che portava mini gonne strettissime sempre di color rosso che fasciavano il culo e scarpa col tacco nero? quella che fine ha fatto? dice la leggenda che facesse la cassiera in un cinema, ma oggi? d'altro canto se vuoi invecchiare il più tardi possibile occorre riguardarsi. altrimenti perchè avrei corso per 10 km questa mattina alle 6.45? un abbraccio globale a tutti.

18 commenti:

  1. Non mi parlare di strafighe ho fatto le medie in un collegio tutto maschilista l'istituto tecnico maschilista però ha 16 anni avevo tre fidanzati tanto sesso autonomo è non pensare a grandi aperture del libro... queste donne la facevano troppo preziosa. Dicevo loro che poi dopo con l'andare del tempo va a finire che puzza e non la vuole più nessuno
    Franco nn si vive di bei ricordi ma si vive di certezze

    RispondiElimina
  2. ...in effetti che tu (o chiunque altro) corra 10 km alle 6.45 non me lo spiego nemmeno io
    😀

    Scherzo naturalmente, se ti va di farlo fai benissimo a farlo

    RispondiElimina
  3. Molta bella la foto, che evidenzia la bellezza della natura
    Un sorriso,silvia

    RispondiElimina
  4. Addirittura tacchi e minigonne? In classe mia mai visti tacchi, qualche minigonna ma niente di eccessivo, però c'era una ragazza molto bella, molto sopra la media, che è rimasta bellissima e ha anche una bella vita..

    RispondiElimina
  5. La giovinezza è bellezza in sè.

    Ci sono ragazzine che sembrano brutte perché non si tirano, poi crescono, acquistano sicurezza e diventano belle donne, curate nell'aspetto e solide mentalmente.

    Altre invece sono molto carine e risaltano da giovani, ma non sono solide e disciplinate e la giovinezza sfiorisce, non importa quanto ti trucchi, se non fai attività fisica e non ti regoli con il cibo la vita ti fa pagare il conto. E metti l'occhio truccato come foto su facebook, o un fiore, o un gatto.

    La bellezza (o anche solo gradevolezza) in età matura e oltre è spesso correlata alla disciplina con cui si tiene.

    RispondiElimina
  6. Ci sono tanti motivi per cui una persona non desidera esporsi sui social ma certo c'è anche quello che ha elencato la tua fidanzata.
    Pero si, bisogna proprio riguardarsi, fare sport, mangiare sano...e sperare che la vita non ci dia troppo filo da torcere. Perché controllare queste cose si può solo quando si ha la mente relativamente sgombra e quando si sta bene di salute.

    RispondiElimina
  7. Che bravo! Io non corro dieci km di seguito da troppi anni.

    RispondiElimina
  8. Io invece per la prima volta ho fatto un sogno a tema covid.

    RispondiElimina
  9. Le mie compagne di scuola negli anni '80 erano molto belle e direi che tali si sono mantenute.
    Leggevano Moda e Cosmopolitan e ci ispiravamo alle grandi top model dell'epoca!

    RispondiElimina
  10. Ci sono tanti motivi per cui alcune persone non desiderano esporti sui social e francamente penso che sia soltanto una loro scelta. D'altronde questa nostra società dell'immagine cerca di farla sembrare una cosa strana. Sono felice per te che tu sia tornato a correre. Un saluto e buon fine settimana

    RispondiElimina
  11. Io non mi espongo mai più di tanto sui social, non mi va di postare foto mie , ma non sono ingrassata, semplicemente non mi va di mostrarmi, anche se non ho nulla da nascondere. Trovo che, spesso, si abusi dei social, io sono piuttosto riservata. Buona settimana.

    RispondiElimina
  12. "sognavo che ero ai tempi del liceo e ci trovavamo come classe alla stazione di empoli e tutti quanti attraversavamo i binari senza prendere il sottopassaggio. uscivano polizia ferroviaria e ferrovieri e ci cazziavano alla grande"
    La sera è sempre meglio una cena leggera.
    "una a 15 anni veniva in classe in pelliccia e camicia bianca aperta che faceva vedere il davanzale generoso"
    Anche i miei ex compagni di classe sognavano e sognavano... ma poi si svegliavano quando il professore di latino li faceva cadere dalla sedia.
    Buona serata.

    RispondiElimina
  13. Francesco caro , ma cosa vai a pensare alla vecchiaia, agli anni che passano, per favore. Tanto passano lo stesso, ma più ci pensi più ti senti vecchio e poi ti viene la mania del controllo e allora sono guai. Ruga qui e poi anche là, un po' di adipe, ma dai..uno sportivo come te, non temere nulla e non pensare al tempo, passerà senza controlli credi a chi se ne intende!!!!lol...Mese di sogni questo per te..è normale...tutto bene il vaccinmo?Bacione!

    RispondiElimina
  14. un occhio scrutante, indagante, interrogante. o forse un simbolo, che dipende dal colore. buon giorno

    RispondiElimina
  15. Più che un sogno sembra un incrocio fra un romanzo di King dei primi tempi (A volte ritornano, per intenderci) e un'indigestione potente.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  16. Può aver ragione la tua ragazza. Ma può essere che viva con geloso, o faccia un lavoro che non gli permetta di esporsi.

    A parte ciò vorrei sognare anche io molto di rado mi accade

    RispondiElimina
  17. Abbiamo gusti simili..viva le donne.
    Maurizio

    RispondiElimina